Ulisse e Polifemo: riassunto e parafrasi

Lo scontro tra Ulisse e Polifemo è uno tra gli episodi più famosi ed emblematici di tutta l’Odissea. Riassumiamo di seguito la vicenda approfondendo la spiegazione dal punto di vista letterario e la parafrasi del testo omerico.

Ulisse e Polifemo
Ulisse e Polifemo

Riassunto

Ulisse, in seguito all’incontro con Nausicaa, viene accolto con grande ospitalità nella splendida reggia del padre Alcinoo. Qui racconta le sue avventure, dalla partenza da Troia, dopo la guerra fino all’arrivo sull’isola di Ogigia, presso la ninfa Calipso.

Dopo essere approdati alle terre dei Ciconi e dei Lotofagi, Ulisse e i suoi compagni sbarcano su un’isola disabitata: l’isola delle capre. Dopo un giorno di permanenza, Ulisse decide di esplorare la terra vicina, quella dei Ciclopi: i giganti che avevano un solo occhio (Ciclope significa infatti occhio rotondo) posto al centro della fronte.

Qui avviene l’incontro di Ulisse con il Ciclope Polifemo, figlio di Poseidone, dio del mare.

Questo incontro è divenuto celebre proprio perché Ulisse viene consacrato come eroe astuto e intelligente: è proprio grazie a queste sue doti, infatti, che riesce a sfuggire e salvarsi la vita.

I ciclopi secondo Omero e nella mitologia

Secondo Omero i Ciclopi erano esseri mostruosi, simili a giganti che vivevano nelle caverne. Erano pastori che si cibavano anche di esseri umani.

Secondo altre fonti della mitologia greca, erano alleati degli dei dell’Olimpo ed abilissimi artigiani, tanto da essere coloro che forgiavano i fulmini di Zeus.

Ulisse e Polifemo: l’incontro

L’episodio dell’incontro con Polifemo è presente nel canto IX dell’Odissea. Il capitolo è tutto volto a dimostrare le caratteristiche dell’animo dell’eroe: egli riesce ancora una volta a trovare un modo per scappare da una situazione spiacevole; Ulisse salva la sua vita e quella dei suoi compagni.

Insieme a dodici dei suoi compagni, Ulisse si avventura ad esplorare l’isola e incontra il più terribile dei Ciclopi: Polifemo. Il gigante divora immediatamente sei dei suoi uomini. L’eroe e gli altri vengono tenuti prigionieri da Polifemo nella sua grotta, chiusa da un grosso masso.

Ulisse allora pensa ad uno stratagemma per poter scappare da lì: ordina ai compagni di levigare un grosso ramo d’ulivo, trovato nella grotta. Ne rende aguzza l’estremità in modo che possa servire per accecare il ciclope.

Arriva la sera e Ulisse offre a Polifemo un vino molto forte per farlo cadere nel sonno: Polifemo ne beve molto, poi chiede all’eroe di rivelargli il suo nome.

Ulisse risponde che il suo nome è Nessuno.

A questo punto Ulisse e i compagni attaccano il gigante: fanno diventare rovente il palo grazie al fuoco, poi lo conficcano nell’occhio di Polifemo, accecandolo.

Ulisse acceca Polifemo
Ulisse acceca Polifemo

Parafrasi

Di seguito la parafrasi dei versi 390-412.

Poi si tolse dall’occhio il palo imbevuto di sangue e lo scagliò lontano,
folle agitando le mani e con urla chiamava a gran voce i Ciclopi che si trovavano nelle grotte sulle montagne ventose.

Tutti accorsero al richiamo e appena arrivati chiedevano fuori dalla grotta:
«Di che ti lamenti? Da quale male sei stato colpito, o Polifemo, che urli così tanto e ci togli il sonno? Forse qualche nemico ti sta rubando il suo gregge con l’inganno o con la forza, forse qualcuno ti uccide?»

E così rispondeva il forte Polifemo dalla sua grotta:
«O amici, mi ha ucciso Nessuno con l’inganno e non con la forza».

E i Ciclopi risposero ad alta voce:
«Se dunque nessuno ti ha usato violenza e sei solo, questo male ti arriva da Zeus e non puoi sfuggirlo; e allora puoi solo pregare tuo padre, il dio Poseidone».

Così dissero e si allontanarono, e il mio cuore rise di ciò.

Quel nome li aveva ingannati con un’astuzia sottile!

E, minaccioso, lamentandosi per il dolore, il Ciclope, a tentoni,  tolse dalla porta il masso e si sedette sulla soglia con le mani distese, pronto a catturare qualcuno se fuggiva con le sue pecore: mi credeva tanto ingenuo, certo, nel suo cuore!

A questo punto, Ulisse adotta una nuova astuzia per fuggire: assieme ai suoi compagni si lega posizionandosi sotto il petto dei montoni. In questo modo il Ciclope non può scoprirli.

Ulisse legato sotto la pancia di un montone
Ulisse legato sotto la pancia di un montone

All’esterno, poco lontano dalla grotta, si slegano.

In questo modo riescono ad arrivare sani e salvi alla loro nave, piangendo i loro compagni scomparsi.

Curiosità

Nell’antichità i greci pensavano che il paese dei Ciclopi fosse in Sicilia, esattamente ai piedi dell’Etna. Di fronte ad Aci Trezza vi è il piccolo arcipelago detto Isole dei Ciclopi, oggi area marina protetta.

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Anna D'Agostino

Anna D'Agostino, napoletana di nascita portodanzese d'adozione, laureata in Filologia Moderna e appassionata di scrittura. Ha collaborato con varie testate come giornalista pubblicista, attualmente insegna Lettere in una scuola secondaria di primo grado.

Speriamo questo articolo ti sia servito. Noi ci siamo impegnati. Lascia un commento, per favore:

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap