San Girolamo nello studio, analisi dell’opera di Colantonio

Colantonio del Fiore realizzò questo dipinto, San Girolamo nello studio, nel 1445 durante il suo periodo napoletano, che durò quasi venti anni dal 1440 al 1460. L’opera faceva parte di un polittico commissionato forse da Alfonso il Magnanimo, re di Napoli, oppure dall’ordine francescano per la chiesa di San Lorenzo Maggiore.

San Girolamo nello studio, opera di Colantonio quadro picture
San Girolamo nello studio, opera di Colantonio del 1445

Ad oggi non è rimasta traccia del polittico ma le due opere, sia questa che ritrae San Girolamo nello studio, sia un’altra in cui San Francesco consegna la regola francescana, esposte entrambe al museo di Capodimonte a Napoli, sono intatte e ben conservate.

Museo di Napoli Capodimonte: San Francesco e San Girolamo, opere di Colantonio
Museo di Napoli Capodimonte: le due opere di Colantonio esposte. A sinistra, la Consegna della regola francescana; a destra, il dipinto analizzato in questo articolo.

San Girolamo nello studio: dati del quadro

Tecnica

Tempera su tavola

Misure

121×151 cm

Anno di realizzazione

1445

Luogo di conservazione

San Girolamo nello studio è esposto presso il museo di Capodimonte, a Napoli.

Descrizione del dipinto

In questo dipinto possiamo ammirare, al centro, San Girolamo (a volte indicato anche come San Gerolamo), intento nel togliere la spina dalla zampa del leone.

La leggenda del leone

La leggenda narra che in un monastero francescano dove risiedeva San Girolamo, arrivò un leone ferito: tutti i monaci scapparono, tranne il santo che, invece, andò incontro al leone e lo curò.

San Girolamo

Nel dipinto, proprio in onore della commissione francescana, San Girolamo non veste gli abiti cardinalizi ma indossa un abito francescano. Il pittore Colantonio, però, ricorda il ruolo del santo all’interno della Chiesa cattolica, ponendo il suo berretto porporato a sinistra, posto su un tavolino.

LEGGI ANCHE  Santo Stefano, biografia e storia del primo martire

San Girolamo fu cardinale, traduttore della Bibbia e uomo coltissimo.

La realizzazione del berretto è, in tutto e per tutto, perfetta e identica all’originale.

L’influenza dell’arte fiamminga

Proprio il berretto di San Girolamo dimostra l’attenzione di Colantonio verso i dipinti fiamminghi. In particolare verso le opere di Jan van Eyck.

Ad esempio, i dettagli dei cordini sono incredibilmente uguali all’originale; l’ombra che uno di essi proietta sulla larga tesa dimostra la capacità straordinaria di Colantonio nel cogliere i minimi dettagli.

Il pittore, che ha operato a Napoli per molti anni diventando il più importante pittore partenopeo del ‘400, è anche l’unico che in tale epoca abbia lasciato tracce biografiche del suo lavoro e del suo operato.

Il rapporto con la natura fiamminga è comprovato anche dalla realizzazione dello studio del santo. Le pergamene, i libri, i calamai, le ampolle sono dipinti con una ricchezza di dettagli straordinaria che ricorda non solo le pitture fiamminghe ma anche le opere di Antonello da Messina, di cui Colantonio era stato maestro.

In precedenza abbiamo analizzato l’opera omonima San Girolamo nello studio, di Antonello da Messina.

San Girolamo nello studio, analisi dell'opera di Antonello da Messina
San Girolamo nello studio di Antonello da Messina è un dipinto straordinario realizzato trent’anni dopo, nel 1475

E questi oggetti che arredano lo studio sono un’alternativa visiva all’impianto centrale dell’opera, in cui spicca come protagonista il santo, con accanto il leone.

Altri possono essere i riferimenti della pittura di Colantonio: oltre a Jan van Eyck di cui abbiamo detto, possiamo citare anche il provenzale Barthélemy d’Eyck che lavorò presso la corte aragonese fra il 1438 e il 1442, e Jean Fouquet.

Queste influenze sono anche la conseguenza dei rapporti commerciali fra Spagna, Francia e Napoli che hanno portato in quegli anni all’incontro fra opere d’arte di origine diversa destinate alla corte partenopea.

San Girolamo nello studio: analisi dell’opera con commento video

San Girolamo nello studio, dettaglio del santo e del leone

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale è nato a Padova e vive a Milano. Laureato in Scienze Politiche svolge la professione di consulente editoriale e pubblicitario. Collabora con case editrici e giornali cartacei e online occupandosi di libri, arte ed eventi culturali. Ha tradotto testi letterari e tecnici dallo spagnolo, dal portoghese, dall'inglese e dal catalano.

Ci siamo impegnati per preparare questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Facci sapere cosa ne pensi:

6 Shares 1.5K views
Share via
Copy link
Powered by Social Snap