Differenza tra zuppa e minestra

Print Friendly, PDF & Email

In ambito culinario, molto spesso facciamo confusione tra i termini zuppa e minestra. La differenza più evidente tra questi due piatti, zuppa e minestra, consiste essenzialmente negli ingredienti che vengono utilizzati per la preparazione.

Zuppa con crostini di pane
La zuppa si differenzia dalla minestra per la presenza dei crostini di pane e per l’assenza di pasta o riso.

La zuppa

Il termine zuppa deriva dal gotico suppa e sta ad indicare la fetta di pane che veniva messa nelle ciotole prima di versarvi il brodo. Nella zuppa non vengono mai inseriti né riso né pasta e la pietanza viene accuratamente servita solamente con pezzetti di pane abbrustolito o crostini, dalle dimensioni più o meno grandi.

Da qui, l’originale detto “Se non è zuppa, è pan bagnato” che trae sicuramente la sua origine proprio dal fatto che la zuppa è servita con fette di pane. Inoltre, ricordiamo che, soprattutto durante il periodo del Medioevo, era usanza usare la fetta di pane al posto delle posate.







La zuppa è largamente diffusa nelle regioni del Centro e Sud Italia, in particolare in Toscana, in Calabria e in Sicilia, ma non va dimenticato l’uso fatto in Sardegna con l’immancabile aggiunta di pezzetti di formaggio. La zuppa assume inoltre un aspetto più denso e consistente rispetto alla minestra e, grazie al suo alto valore nutrizionale, viene considerata una pietanza completa e ideale per un buon pasto.

La minestra

Il termine minestra, invece, deriva da minestrone, ovvero amministrare, e di solito era abitualmente servita o “ministrata” dal capofamiglia.

Una minestra
Una minestra di legumi

La minestra, a differenza della zuppa, viene servita aggiungendo, oltre alle verdure, anche riso, pasta od orzo. La minestra ha una consistenza più liquida rispetto alla classica zuppa, presenta una quantità maggiore di brodo e viene solitamente consumata con maggiore frequenza nelle zone del Nord Italia come la Lombardia, il Veneto e l’Emilia Romagna.

Ambedue, pur essendo definite cibi poveri, le possiamo preparare con svariati ingredienti che rendono il nostro piatto unico e prelibato. Ideali soprattutto durante i mesi più freddi, sono un vero toccasana per la nostra salute anche nelle stagioni più miti.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Loading...
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante