Pandolfi e Preziosi dall’8 ottobre su Netflix con “Mio fratello, mia sorella”

Si sa, a volte i rapporti tra fratelli possono essere assai complicati. Il regista Roberto Capucci ha provato a descriverne le dinamiche in un film, intitolato “Mio fratello, mia sorella” che ha come protagonisti Claudia Pandolfi e Alessandro Preziosi. La pellicola, prodotta da Lotus Production, sarà trasmessa in streaming sul canale Netflix a partire dall’8 Ottobre prossimo.

La trama del film è incentrata sui rapporti familiari e le loro contraddizioni, sull’accettazione, la diversità, il perdono come conseguenza dell’aver vissuto un dolore. Tesla e Nick, rispettivamente sorella e fratello, si rivedono dopo circa venti anni, al funerale del padre. A causa del testamento di quest’ultimo saranno costretti a vivere per un anno nella stessa casa. Con loro ci sono anche i due figli di Tesla.

I temi centrali del film

Nel film non mancano i temi “forti” come la diversità, si affronterà infatti l’argomento della schizofrenia. “Parlare di schizofrenia è stato delicato e interessante, ho lavorato con il professor Martinotti, presidente della Società Italiana Psichiatria, che ci ha dato l’opportunità di raccontare il disturbo facendoci entrare in un mondo incredibile, a cui ho lavorato con la sceneggiatrice Paola Mammini. Gli attori hanno preparato il film con grande professionalità, entusiasmo e dovizia dei particolari. Si sono avvalsi di esperti per ogni aspetto della loro interpretazione: psichiatri, musicisti e sportivi professionisti, per rendere al meglio le caratteristiche dei propri personaggi e affinare l’interpretazione che ne hanno dato“, ha dichiarato il regista Capucci.

I due protagonisti (Claudia Pandolfi e Alessandro Preziosi) si sono mostrati assai affini e compatibili sul set. “Non sono una persona che compatisce e credo che il modo in cui ho interagito col personaggio di Francesco sia stata una strategia di distanza. Credo che abbia funzionato molto. Le scene con Claudia sono frutto di una grande empatia, anche quelle dove giochiamo fuori nel cortile a basket e poi quella più emozionante dopo la litigata in cucina, quella dove le chiedo scusa, l’abbraccio è stato naturale, siamo due attori che non si negano, alcune non erano forse nemmeno in sceneggiatura”, ha rivelato Alessandro Preziosi.

LEGGI ANCHE  Il film “Tutta colpa di Freud” su Amazon Prime è una serie con Bisio e Pandolfi

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Avatar photo

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Speriamo questo articolo ti sia servito. Noi ci siamo impegnati. Lascia un commento, per favore:

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap