L’amante di Lady Chatterley: riassunto

L’amante di Lady Chatterley” è un romanzo scritto da David Herbert Lawrence nella seconda metà degli anni Venti del Novecento. Protagonista è Constance, detta Connie, discendente di una famiglia benestante, che vive a Wragby Hall ed è sposata con Clifford Chatterley. Euest’ultimo, un giorno, viene chiamato dall’esercito; dopo poco tempo ritorna paralizzato, e costretto per il resto della propria vita alla sedia a rotelle.

L'amante di Lady Chatterley: copertine del romanzo
Alcune copertine del romanzo “L’amante di Lady Chatterley”, di D. H. Lawrence

Constance, nonostante la disgrazia, sceglie di non rinunciare al proprio amore platonico per Clifford, e gli rimane felicemente legata: lo aiuta, lo pulisce, lo sostiene. Tuttavia, avverte anche l’esigenza di un rapporto fisico, ormai impossibile per il consorte, e sente il bisogno di un figlio: il marito, quindi, le dà il permesso di concepirlo con un altro uomo, a patto di avere la possibilità di crescere ed educare il nascituro. Nel frattempo, comunque, la vita va avanti: Chatterley trova soddisfazione nella scrittura di commedie, passatempo nel quale viene aiutato dalla moglie, e diventa amico di Michaelis, che lo introduce in un ambiente di artisti.

Michaelis, nel frattempo, diventa amante di Connie, e prova a convincerla a divorziare da Clifford e a fuggire con lui; lei comunque rifiuta, e la loro relazione finisce nel momento in cui egli non trova più eccitante il legame. La vita di Constance, a questo punto, riprende la via della normalità, fino a quando la donna non inizia a sentirsi male, fisicamente e psicologicamente. Sentendosi oppressa, decide di chiamare una donna che la aiuti a occuparsi del marito, nonostante la riluttanza di quest’ultimo, timoroso che il rapporto con la moglie possa venire meno.

Al servizio di Clifford giunge, dunque, una vedova: ella fa conoscere a Chatterley un mondo nuovo, lo induce a lasciare da parte lo spettacolo e lo porta ad avvicinarsi ai proletari, ai lavoratori in miniera, a chi è alle sue dipendenze. Nel frattempo, Constance trova un altro amante, Mellors, guardiacaccia di Clifford: magro e attraente, egli incontra la donna nella sua capanna nel bosco, che diventa il loro nido d’amore. La loro storia termina momentaneamente quando Connie viene portata dalla sorella a Venezia, per una vacanza rigenerante.

Nel corso del suo viaggio in Italia, la donna viene informata dal marito, tramite lettera, di quel che sta succedendo in paese: scopre così che Mellors è tornato insieme alla moglie. Quest’ultima, tuttavia, poco dopo inizia a diffondere in paese la voce che suo marito è stato l’amante di Lady Chatterley. Constance, a sua volta, a Venezia si accorge di essere incinta del guardiacaccia: gli spedisce una lettera per avvisarlo e per chiedergli lumi a proposito della situazione con sua moglie; poi, scrive anche a Clifford, spiegandogli di essersi innamorata di un uomo a Venezia e di non avere intenzione di tornare a Wragby Hall.

LEGGI ANCHE  Grandi speranze, romanzo di Charles Dickens: riassunto

Finale

In realtà, in poco tempo Chatterley viene a conoscenza della verità a proposito della storia tra sua moglie e il guardiacaccia: per questo, manda via Mellors, del quale si era fidato per molti anni, e rifiuta la richiesta di divorzio presentata dalla moglie. Mellors, infine, scrive a Constance facendole sapere di essere disponibile a diventare suo marito.

Foto di David Herbert Lawrence
Una foto dell’autore David Herbert Lawrence: scrittore inglese, nato a Eastwood, in Inghilterra, il giorno 11 settembre 1885 e morto il 2 marzo 1930 a Vence, in Francia.

Analisi e storia

Scritto in Italia in tre stesure successive, “L’amante di Lady Chatterley” fu accusato, sin dalla sua prima apparizione, di essere osceno: non solo per colpa dei vari espliciti riferimenti di tipo sessuale, ma soprattutto per la messa in scena di una relazione d’amore tra un uomo appartenente alla working class e una donna borghese, per di più sposata con un paraplegico.

Bandito in tutta Europa e soprattutto in Inghilterra, “L’amante di Lady Chatterley” mette in scena la bellezza del piacere femminile, scardinando pregiudizi sulla virilità (con la figura del marito paraplegico) e scuotendo la sensibilità del lettore.

Come detto, però, la disapprovazione dei benpensanti non scaturisce unicamente dalla – pur dettagliata – descrizione degli amori di Constance, ma ha a che fare con un tema sociale: il protagonismo di una donna, rivoluzionaria a dispetto della sua volontà, che si sente inadeguata alla vita borghese e si oppone alle convenzioni nate dal potere maschile e dal ceto sociale di appartenenza.

La sua è una esistenza avvilita, almeno fino a quando ella non si decide a cercare un’esistenza migliore, più adatta a lei: la sua rivolta contro la società, però, si materializza semplicemente in una storia d’amore. È così scandaloso?

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999 (un millennio fa!). Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Instagram, LinkedIn, Twitter, Facebook.

Ci siamo impegnati per preparare questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Facci sapere cosa ne pensi: