Matrix Resurrections: il guadagno inaspettato di Keanu Reeves

Torna a vestire i panni di Neo, il protagonista delle pellicole precedenti di “Matrix, anche in quest’ultimo film in programmazione nelle sale a partire dal 1° gennaio, dal titolo Matrix Resurrections. Si tratta dell’attore Keanu Reeves, che riprende il ruolo nel sequel del film che ha decretato l’ascesa della sua carriera.

Tra le curiosità riguardanti questa pellicola c’è quella dello stipendio percepito dall’attore principale. Pare infatti che l’ingaggio risulterebbe superiore soltanto di poco a quello che ricevette nel 1992 per recitare nel primo capitolo del film. Reeves avrebbe rinunciato ad uno stipendio più alto per aiutare la produzione a realizzare la pellicola.

Nel quarto film della saga di Matrix Keanu Reeves ha guadagnato un salario base compreso tra i 12 e i 14 milioni di dollari. A tale cifra l’attore potrebbe aggiungere anche una serie di bonus (come successe nel primo film, quando i bonus raggiunsero l’importo di 25 milioni di dollari!).

Non è la prima volta che Reeves rinuncia ad un salario più alto per dare il suo contributo alla produzione nella realizzazione del film. Lo ha già fatto nel 1997, per il film “L’avvocato del diavolo” (conosci le origini del modo di dire?) con Al Pacino, e nel 2000 per la pellicola intitolata “Le riserve”.

In America, dove “Matrix Resurrections” è già in programmazione, c’è già un buon riscontro di pubblico nelle sale, anche se non eguaglia certamente la clamorosa uscita del film “Spider Man: No Way Home”.

Locandina del film Matrix Resurrections
Locandina del film Matrix Resurrections

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Avatar photo

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Speriamo questo articolo ti sia servito. Noi ci siamo impegnati. Lascia un commento, per favore:

Bellissimo e interessante articolo, tanti complimenti Annamaria.
Con molta stima un saluto Giovanni

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap