Epidemia e pandemia: differenze ed etimologia. C’entra anche la birra.

Le parole che analizziamo in questo breve articolo sono epidemia e pandemia. Entrambe hanno un’etimologia che riconduce alla lingua greca. Diamo subito le definizioni, per spiegare il significato e capire le differenze. Facciamo poi degli esempi. E tra poco parleremo anche della birra.

Persone che indossano mascherine

Epidemia

Si parla di epidemia quando vi è una manifestazione collettiva di una malattia che si diffonde tra la popolazione in modo veloce. Un’epidemia colpisce un gran numero di persone in un’area geografica limitata e più o meno estesa.

Parlando di malattie, le epidemie possono essere importate (che provengono da una zona più o meno remota) oppure autoctone (provengono dal territorio di origine); possono propagarsi per contagio diretto (il contatto fisico) oppure indiretto (tramite via aerea).

Pandemia

Il termine pandemia è un caso particolare di epidemia. A differenza dell’epidemia, la pandemia estende il suo significato territoriale all’intero globo. Lo si evince facilmente dalla sua etimologia greca: pan-demos, che significa letteralmente tutto il popolo.

Differenza etimologica

Il termine epidemia, sempre dal greco epi-demos, significa sopra il popolo (o sopra le persone) .

La matematica, la medicina e… la birra

L’andamento di una epidemia può essere studiato dalla matematica; la diffusione viene simulata con modelli statistici e matematici da scienziati esperti. In accordo con esperti virologi e medici, si arriva così a classificare alcune malattie infettive come epidemie oppure pandemie.

Un esempio

Nel 1854 ci fu un terribile caso di epidemia di colera a Londra, oggi ricordato come epidemia di Broad Street. Per la circoscrizione geografica e la rapida scoperta delle cause, si deve ringraziare il medico inglese John Snow (quasi omonimo del protagonista del Trono di Spade interpretato da Kit Harington).

Il quartiere di Soho a Londra aveva gravi problemi di sporcizia. Il governo londinese decise di scaricare i rifiuti in eccesso (escrementi) nel Tamigi. Ciò portò alla contaminazione della riserva idrica e all’epidemia di colera.

John Snow realizzò una mappa dei luoghi dei casi di colera e individuò la causa in una specifica pompa d’acqua. Ma soprattutto impiegò la statistica per dimostrare il collegamento tra la qualità della sorgente d’acqua e i casi di colera (metodo oggi conosciuto come diagramma di Voronoi).

Curiosità: il ruolo della birra

C’era una sola anomalia significativa nella mappa di Snow: nessuno dei monaci dell’adiacente monastero aveva contratto il colera. L’indagine dimostrò come questa fosse un’ulteriore prova: i monaci non bevevano acqua, bensì soltanto la birra prodotta da loro stessi.

LEGGI ANCHE  Cosa significa il proverbio: Chi dorme non piglia pesci

Epidemie e pandemie celebri

Tornando ad epidemie e pandemie, citiamo qualche esempio storico.
Tra le pandemie di epoca antica si ricorda la febbre tifoide durante la guerra del Peloponneso, 430 anni prima di Cristo. Il morbo di Giustiniano, che si diffuse dall’anno 541, è la prima pandemia nota di peste bubbonica.
La Peste nera fece la sua comparsa nel 1300.

E’ in riferimento a quest’ultimo caso che venne coniato il termine quarantena: l’isolamento forzato – utile per limitare la diffusione della malattia – aveva una durata tipica di 40 giorni.

Continuando con l’elenco, sono varie le pandemie di colera sviluppatesi nei secoli XIX e XX. Tra le pandemie storicamente più recenti vi sono l’influenza spagnola del 1918 (durata 18 mesi), l’influenza asiatica del 1957, l’influenza di Hong Kong del 1968 e l’HIV/AIDS, dal 1981.

La diffusione nel 2019-2020 del coronavirus CoVid-19 è classificata (al momento in cui scrivo) come epidemia: la decisione di classificare una malattia infettiva come epidemica o pandemica spetta all’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità.

Epidemia e pandemia, differenze: la disinfezione del virus

Endemia: quando una malattia si definisce endemica

Si indicano come malattie endemiche (o endemie) quelle in cui il microrganismo della malattia è presente in un territorio in modo stabile e circola in quella circoscritta popolazione. Una malattia endemica si manifesta con pochi casi e in modo uniforme nel tempo.

Vi sono malattie endemiche che presentano ciclicità stagionali; altre sono legate a fattori ambientali, come la malaria in diverse regioni tropicali; il morbillo o la varicella hanno picchi epidemici legati al potenziale picco di nuove nascite.

La talassemia è considerata endemica nelle isole di Sardegna e Sicilia.

Nota finale

Questo articolo non vuole essere un approfondimento di natura medica o scientifica. L’obiettivo è unicamente quello di indagare sull’etimologia delle parole e della differenza tra esse, così da divulgare una maggior consapevolezza dei termini ed il loro uso corretto. Come è nostra abitudine, facciamo questo con esempi e raccontando fatti curiosi. Speriamo che il nostro lavoro sia gradito e considerato utile: lascia un commento o un suggerimento per farcelo sapere.

Persone che indossano mascherine

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999 (un millennio fa!). Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Instagram, LinkedIn, Twitter, Facebook.

Ci siamo impegnati per preparare questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Facci sapere cosa ne pensi:

65 Shares 14 views
Share via
Copy link
Powered by Social Snap