La stampa dopo il fascismo: il governo guidato da Ferruccio Parri

Print Friendly, PDF & Email

Nella seconda metà del 1945, nei maggiori centri del Nord, le stazioni radio riprendono a funzionare. L’Italia ha un nuovo governo, guidato da Ferruccio Parri, uno dei comandanti del movimento partigiano. Le uniche novità del giornalismo, in questi primi mesi di libertà, sono rappresentate dai quotidiani del pomeriggio.

Ferruccio Parri
Ferruccio Parri fu Presidente del Consiglio dei MInistri dal 21 giugno 1945 al 24 novembre 1945

A Milano, ne escono tre: “Corriere lombardo”, “Corriere d’informazione” e “Milano sera”. Inoltre, circolano con successo due quotidiani sportivi: “La gazzetta dello sport” a Milano e “Il corriere dello sport” a Roma. Nel 1945, Milano riprende il suo vecchio ruolo di capitale del rotocalco: Rizzoli ottiene l’autorizzazione a pubblicare “Oggi”. Esce “L’Europeo” e, alla fine del 1945, “Tempo”. Fra i tre, è “L’Europeo” ad aver maggior successo: presenta una linea liberaldemocratica, il modo di raccontare la politica, gli articoli di costume e d’inchiesta, ne fanno un modello nuovo per il giornalismo italiano. Tra il 1945 e il 1946, alcuni direttori del periodo di Salò vengono processati. A Milano, viene catturato Amicucci, processato e condannato a morte. La sentenza viene sospesa e nel secondo processo, Amicucci viene condannato a 30 anni. Anche Gray, Spampanato e Pettinato vengono condannati, ma a 20 anni.







Tutti i condannati tornano alla libertà e ai giornali grazie a Togliatti, ministro di Grazia e Giustizia, che concede l’amnistia. Il 1° gennaio 1946 avviene il passaggio dei poteri tra gli alleati e il governo italiano per le regioni del Nord, esclusa Trieste (apparteneva infatti alla Jugoslavia, che verrà riunita sul finire del 1954). Nei mesi successivi, si esauriscono le attività e l’influenza dei comitati di liberazione. In aprile, si svolge il primo turno delle elezioni amministrative: Milano è socialista. I quotidiani parlano soprattutto di politica. I settimanali si occupano con tono scherzoso dei politici: è il periodo di Togliatti, Nenni e Alcide De Gasperi.

In realtà, il 1946, è un anno di intensissime e violente polemiche sullo sfondo di una situazione economica difficile. L’evento che polarizza l’attenzione è il voto del 2 giugno, il referendum monarchia o repubblica e l’elezione dell’assemblea costituente. Nel settore della stampa continua il susseguirsi di testate. Decine di giornali nascono e scompaiono anche nel giro di pochi mesi. Tornano in edicola “Il Messaggero” e il “Giornale d’Italia”. In generale, la tendenza è quella che vede rafforzarsi lo schieramento giornalistico del centro e della destra con relativo indebolimento della sinistra. Il partito comunista può contare sulle quattro edizioni dell'”L’Unità”, mentre il partito socialista può contare sulle edizioni romane e milanesi de “L’Avanti!”, “Il lavoro nuovo” e “Sempre Avanti!”. Con il referendum, la Repubblica vince e la Dc si rivela il primo partito dell’Assemblea Costituente.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Serena Marotta

Serena Marotta

Laureata in giornalismo, nata il 25 marzo 1976, Serena Marotta è anche scrittrice e poetessa. In passato ha collaborato con il “Giornale di Sicilia” e con “La Repubblica” e, attualmente, scrive articoli per il giornale “L’ora” e per questo sito, cura l’ufficio stampa della casa editrice Torri del Vento, del Caffè letterario Riso e dell’associazione Siciliae Mundi. Queste sono in sintesi, le notizie di base per redigere una qualunque biografia. Quello che non può essere né schematizzato né semplicemente elencato, è in primo luogo la passione che riversa in tutto ciò che fa. Il mondo osservato da due occhi verdi carichi di dolcezza e determinazione, una voce sublime che incanta, un’anima che grida attraverso parole che, considerati gli obiettivi che Serena è riuscita a raggiungere, assumono la caratteristica di concreti fatti.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante