Due vite, libro di Emanuele Trevi: recensione e commento

Emanuele Trevi è uno di quegli autori che vorresti incontrare per parlare un po’ di tutto, per ricostruire i fili che lo hanno portato a scrivere i suoi libri. Non è facile comunque collocare le sue opere, perché sono narrazioni autobiografiche in cui si mischiano ricordi personali e intuizioni liriche, intelligenti e ironiche. Ne avevamo parlato con lui in un’intervista del 2012. Due vite, il suo ultimo libro che ha vinto il premio Strega 2021 ed è pubblicato da Neri Pozza, è appassionante come un romanzo e tremendo quanto può essere tremenda la realtà.

Emanuele Trevi
Emanuele Trevi

Due vite: recensione e commento

Il fulcro del racconto sono le vite di due suoi cari amici scrittori: Rocco Carbone e Pia Pera, che sono scomparsi alcuni anni fa ancora giovani e che Emanuele Trevi ha deciso di raccontare, forse per farli rivivere nel suo profondo e sentito ricordo. Ma i due scrittori scomparsi non sono solo rinati attraverso i ricordi di Trevi: sono diventati loro malgrado due personaggi letterari.

La trama del libro è indubbiamente un filo conduttore che permette all’autore romano di raccontarci la sua verità su questi due personaggi che ha amato e forse a volte ha anche odiato.

Due vite, copertina del libro di Emanuele Trevi
Due vite, copertina del libro di Emanuele Trevi

Rocco Carbone e Pia Pera

In effetti leggendo il libro troviamo qualcosa di speciale su Rocco e Pia; qualcosa che ha a che fare con il modo in cui l’autore li osserva, li guarda e li protegge, in parte anche da se stessi, proprio narrando le loro peculiarità che a loro sono costate sofferenza. Ad esempio il carattere maniacale di Carbone o il masochismo di Pera: Trevi è riuscito a valorizzare senza retorica e senza sforzo questi lati, vedendo la bellezza della loro amicizia anche nei momenti più difficili.

Un altro aspetto importante del libro è il linguaggio, grazie al quale Trevi riesce a rendere interessanti due persone che non conosciamo e che sono lo stimolo – loro malgrado – per intessere una narrazione profonda sul male di vivere e sulla difficoltà di adattarsi ad un mondo per il quale, come dice Trevi, non siamo fatti.

La nuova stagione di un’amicizia

L’amicizia è anche raccontarsi, ricordare pezzi di vita condivisi e rivedere insieme quei ricordi che perdono senso nel tempo.

In fondo raccontare gli amici, per Emanuele Trevi è anche concedergli e concedersi la possibilità di vivere attraverso il ricordo, una nuova stagione del loro rapporto. Una stagione intellettuale, elitaria, letteraria ma comunque un modo per rivederli; e in effetti è vero che scrivere di persone scomparse sembra quasi un potere aggiunto al ricordo per evocarli e rivederli da un punto di vista diverso, rinnovato, inedito ma pieno di amore.

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale è nato a Padova e vive a Milano. Laureato in Scienze Politiche svolge la professione di consulente editoriale e pubblicitario. Collabora con case editrici e giornali cartacei e online occupandosi di libri, arte ed eventi culturali. Ha tradotto testi letterari e tecnici dallo spagnolo, dal portoghese, dall'inglese e dal catalano.

2 pensieri riguardo “Due vite, libro di Emanuele Trevi: recensione e commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap