Cous Cous Fest, dal 17 al 26 settembre: ecco dove si terrà e gli appuntamenti previsti

Dopo lo stop forzato dovuto all’emergenza sanitaria per il Covid, tornano il Cous Cous Fest e il Campionato Italiano di Cous Cous Conad. Le due iniziative si inseriscono nell’ambito del Festival dell’integrazione culturale. Organizzato dal Comune di San Vito Lo Capo (Trapani) e dall’agenzia di comunicazione Feedback, questo è senz’altro uno dei maggiori eventi italiani del settore.

L’edizione 2021 è finalizzata al riconoscimento del Cous Cous quale Patrimonio culturale immateriale dell’Unesco, come già annunciato lo scorso dicembre. La candidatura all’Organizzazione delle Nazioni Unite è stata avanzata congiuntamente da 4 Paesi africani: Marocco, Algeria, Tunisia e Mauritania.

Cous Cous candidato come Patrimonio culturale immateriale Unesco

Il documento di candidatura si basa sull’assunto che:

donne e uomini, giovani e anziani, si identificano in questo piatto, considerato il simbolo del vivere insieme.

All’interno dell’evento sono numerosi gli appuntamenti e gli spettacoli previsti (come il teatro popolare e la danza etnica).

Grazie a questa manifestazione, che si rinnova annualmente, il cous cous si è affermato sempre più come un vero e proprio simbolo di multiculturalità e integrazione.

Il Cous Cous: notizie e curiosità

Forse non tutti sanno che il cous cous è un alimento tipico non solo della cucina nord-africana, ma anche di alcune zone d’Italia (in primis Sicilia, e poi anche Sardegna). Il cous cous è un piatto che vanta una tradizione millenaria. E’ originario dell’Africa, poi è approdato in Europa (Italia, Francia, Spagna), grazie ai mercanti che viaggiavano per mare.

La Sicilia è uno dei luoghi in cui tale alimento fu adottato per primo. Nel Seicento il cous cous arrivò con gli Arabi a Trapani e dintorni. Qui, in particolare, è molto apprezzato con il brodo di pesce, accompagnato con zuppa di pesce e crostacei.

In Sardegna, invece, lo troviamo soprattutto a Carloforte, nell’isola di San Pietro, dove arrivò grazie ai tabarkini, discendenti di coloni liguri provenienti dall’isola di Tabarka e successivamente approdati sull’isola.

Un alimento “sostenibile”

Il cous cous, oltre ad essere un piatto che racchiude in sé tradizione e cultura, è anche sostenibile, in quanto per realizzarlo serve una modesta quantità di acqua.

0 Shares

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap