BTS, storia del gruppo: biografie, foto e curiosità

Come boy band sudcoreana che infrange ogni record, i BTS propongono un’interessante miscela di pop-dance e hip hop, ma sono molto più. Quel che li rende così diversi e ha contribuito al successo mondiale dei Bangtan Boys è la profondità dei testi, molto introspettivi, che superano le barriere linguistiche, al punto da essere considerati negli anni 2020 la band K-pop di maggior successo negli USA.

BTS foto
Foto dei BTS: i componenti sono nati tutti tra il 1992 e il 1997

Nell’estate del 2020 i BTS hanno aggiunto una pietra miliare al proprio percorso, posizionandosi sulla vetta della Billboard Hot 100 con il singolo Dynamite; di questa canzone hanno eseguito una versione anche nel famoso programma tv The Tonight Show di Jimmy Fallon. Vediamo di seguito chi sono i BTS, come nascono e quali sono i momenti salienti della loro carriera.

BTS gruppo
BTS

Le origini dei BTS

La band nasce a Seul nel 2013 per volontà del produttore Bang Si Hyuk.

Quanti sono i BTS?

I ragazzi sono in 7. Ecco i loro nomi ed i loro ruoli:

  1. RM (Kim Nam-joon), team leader e rapper;
  2. Jin (Kim Seok-jin), cantante;
  3. Suga (Min Yoon-gi), rapper;
  4. J-Hope (Jung Ho-seok), rapper e coreografo;
  5. Park Ji-min, cantante e coreografo del gruppo;
  6. V (Kim Tae-hyung), cantante;
  7. Jungkook (Jeon Jung-kook), cantante, rapper e coreografo.

Come si può evincere dai ruoli, gran parte dei membri del gruppo vanta nozioni ed esperienze nei campi della danza e del rap. Oltre a produrre e comporre, i membri dei BTS si occupano in prima persona di scrivere i testi.

Proprio questi sono tra gli elementi più rilevanti del successo di questa band. Tra i temi affrontati nelle canzoni vi sono la salute mentale e l’autoaccettazione, che parlano in maniera profonda a un pubblico di giovani.

Le foto dei componenti dei BTS

RM (Kim Nam-joon), rapper e team leader dei BTS
RM (Kim Nam-joon), rapper e team leader dei BTS
Jin (Kim Seok-jin), cantante dei BTS
Jin (Kim Seok-jin), cantante dei BTS
Suga (Min Yoon-gi), rapper dei BTS
Suga (Min Yoon-gi), rapper dei BTS
J-Hope (Jung Ho-seok), rapper e coreografo dei BTS
J-Hope (Jung Ho-seok), rapper e coreografo dei BTS
Park Ji-min, cantante e coreografo dei BTS
Park Ji-min, cantante e coreografo dei BTS
Kim Tae-hyung, in arte V, cantante dei BTS
Kim Tae-hyung, in arte V, cantante dei BTS
Jungkook (Jeon Jung-kook) - Cantante, rapper e coreografo dei BTS
Jungkook (Jeon Jung-kook) – Cantante, rapper e coreografo dei BTS

Il mix unico della formula di questi ragazzi unisce un look giovane, musica dance, ballate romantiche e rap spinto; sono tutti ingredienti che sin dall’inizio mettono i BTS sul radar di critica e, in particolare, di pubblico. In particolare, possono vantare sin dall’inizio una fanbase molto dedicata, auto-proclamatasi Army (esercito).

I BTS negli anni 2010

Rispetto al competitivo mercato musicale del K-pop (abbreviazione di Korean popular music, musica popolare della Corea del Sud), i BTS si sono distinti nel 2013 con il primo episodio della serie School Trilogy, 2 Cool 4 Skool. Qualche mese più tardi pubblicano il secondo della saga, O! RUL8,2?, per completare la trilogia con Skool Luv Affair, pubblicato a San Valentino nel 2014.

Verso la fine del 2014, i BTS pubblicano il loro album di debutto in versione integrale, Dark & Wild. Nel disco spicca la hit Danger. Seguono poi il disco Wake Up e la raccolta 2 Cool 4 Skool/O!RUL8,2? (sempre nel 2014).

I loro tour internazionali registrano il tutto esaurito, come quello per The Most Beautiful Moment in Life, Pt. 2 (quarto EP), che entra nelle classifiche mondiali in quasi ogni angolo del globo, stabilendo il primato come il primo gruppo K-pop a realizzare un’impresa di questa proporzione.

L’uscita di Wings e l’ascesa verso il successo

Il gruppo consacra il proprio successo con l’album Wings, pubblicato alla fine del 2016, arrivando anche nella Canadian Hot 100 e debuttando nella Top 30 della Billboard 200. Il disco esce dopo poche settimane dal disco precedente Youth.

I BTS, con Wings, diventano così i primi artisti K-pop a trascorrere quattro settimane in classifica nel continente nord-americano.

L’album fa proseguire la crescita artistica e creativa del gruppo, attraverso sette brani solisti in grado di mettere in mostra la personalità di ogni membro.

Nel 2017 si aggiudicano il titolo di Top Social Artist Award ai Billboard Music Awards; ciò proprio mentre il loro quinto EP, Love Yourself: Answer, uscito a settembre, diventa il primo disco K-pop a debuttare nella Top Ten di Billboard 200.

Nel 2018 il disco di platino per Love Yourself: Tear, diventa il primo album K-pop a raggiungere il numero uno negli Stati Uniti. Gli stessi record vengono battuti con Love Yourself: Answer e Map of the Soul: 7 (2020), in cima alle classifiche in ben venti nazioni.!

2020: l’anno della consacrazione globale

Dopo una piccola pausa dai riflettori, il 2020 si rivela l’anno fondamentale per i BTS. Love Yourself: Answer diventa il primo disco di platino sudcoreano negli Stati Uniti, mentre il gruppo viene chiamato a eseguire Old Town Road (canzone del rapper americano Lil Nas X) sul palco dei Grammy Awards.

In primavera il gruppo dei BTS pubblica il quarto album in lingua coreana e una hit negli Stati Uniti, Map of the Soul: 7, aggiungendo più di dieci nuove tracce, tra cui Black Swan e la collaborazione con la cantante asutraliana Sia per il singolo On, disponibile in digitale.

Nell’ottica di accontentare un crescente numero di fan del mondo anglosassone, il gruppo pubblica la prima traccia cantata interamente in lingua inglese. Il brano, Dynamite, batte ogni record di streaming a qualche ora dal suo rilascio! Debutta in cima alla Billboard Hot 100. Il risultato rende i BTS la prima band interamente sudcoreana a raggiungere i vertici musicali USA. Il gruppo celebra il successo con un’apparizione agli MTV Video Music Awards, cantando Dynamite per un pubblico virtuale.

Nel 2021 arriva un’altra collaborazione eccellente: pubblicano insieme ai Coldplay di Chris Martin il brano My Universe.

My Universe : video ufficiale

Negli stessi giorni in cui esce il brano, i BTS sono ospiti della 76ª assemblea generale delle Nazioni Unite (oltre ad altre diverse attività diplomatiche) negli Stati Uniti, in qualità di inviati speciali del presidente sudcoreano Moon Jae-in.

BTS: foto di gruppo
BTS: foto di gruppo

Curiosità sui BTS

  • Il nome della band in lingua originale è Bangtan Sonyeondan, che significa: boy-scout a prova di proiettile. È questo il motivo per cui i fan dei BTS si fanno chiamare Army.
  • Nonostante il loro successo internazionale, questi ragazzi mantengono fermamente le proprie tradizioni sudcoreane: lo dimostra anche l’approccio del leader, RM, che ricopre un ruolo istituzionale e fa da tramite tra gli altri membri del gruppo e le istituzioni.
  • Dopo qualche accusa di sessismo, la band ha cambiato radicalmente l’approccio, impegnandosi fortemente nel sociale, soprattutto contro il bullismo con le varie collaborazioni legate al disco Love Yourself (sul tema dell’amor proprio).
0 Shares

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999 (dal secolo scorso). Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia birre e formaggi. Aiuta anche le persone a posizionarsi sul web raccontando la loro storia. Puoi metterti in contatto con lui su Instagram, LinkedIn, Twitter, Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap