La vitamina E: proprietà e benefici

Print Friendly, PDF & Email

Il nostro organismo ha bisogno, tra le altre cose, del corretto apporto di vitamine per mantenersi in salute. Tali composti sono indispensabili per migliorare il metabolismo del corpo e per prevenire e curare numerose patologie.

Vitamina E
Vitamina E

Nella maggior parte dei casi le vitamine sono reperibili negli alimenti che consumiamo ogni giorno. Quindi, in caso di carenza, è opportuno variare l’alimentazione introducendo nella dieta i cibi contenenti il tipo di vitamina che manca.

Le proprietà di questa vitamina sono assai importanti per la salute dell’organismo, a qualsiasi età: è nota per essere un potente antiossidante ed antinfiammatorio, quindi molto utile per curare patologie cardiache, mentali e riguardanti la vista. In generale la vitamina E si assume (anche sotto forma di integratori) per rafforzare l’intero sistema immunitario.

Quando si parla di vitamina E in realtà si indica un gruppo di otto vitamine liposolubili che si assorbono insieme ai grassi. Tra i composti vi è l’alfa- tocoferolo: essendo uno tra i più attivi spesso la vitamina E viene chiamata anche con questo nome. Tale molecola è indispensabile per la vita e la crescita delle cellule.

Benefici della vitamina E

Per avere un organismo in salute la vitamina E rappresenta un valido aiuto. Nello specifico l’assunzione di vitamina E è un toccasana in caso di: eczema, acne e problemi dermatologici, degenerazione oculare e cataratta, disturbi oculari, declino mentale.

Assumere le giuste dosi di vitamina E aiuta a prevenire malattie cardiovascolari e tumore. In caso di malattie coronariche è stato riscontrato che tale vitamina previene la formazione di pericolosi coaguli e ristagni di sangue e quindi l’insorgere di attacchi di cuore. La sostanza di cui è fatta la vitamina E rallenta inoltre la formazione di colesterolo LDL, responsabile della maggior parte di patologie cardiovascolari.

Essendo un valido antiossidante la vitamina E, se consumata regolarmente tramite gli alimenti e/o integratori, diminuisce in maniera concreta la formazione di tumori al colon, alla vescica, al seno e alla prostata. La vitamina E è composta da alcuni antiossidanti che impediscono il proliferare dei radicali liberi, e in questo modo riescono a bloccare la crescita delle cellule tumorali.







Un altro utilizzo parecchio diffuso della vitamina E è in campo estetico, poiché è presente in lozioni e creme che apportano benefici alla pelle. Questa vitamina rende più belli e luminosi i capelli, infatti la si trova contenuta in parecchi cosmetici specifici per la capigliatura.

La vitamina E aiuta a regolarizzare il ciclo mestruale nelle donne e previene la sterilità negli uomini, in quanto svolge azione protettiva degli spermatozoi.

Vitamina E

E’ importante rispettare le dosi giornaliere nell’assunzione di vitamina E: 15 mg per chi ha 14 anni e oltre, 4 mg al giorno per neonati e bambini fino a 14 anni. Prima di procedere ad assumere vitamine è sempre consigliabile consultare il medico, per evitare che insorgano spiacevoli effetti collaterali.

Assumere vitamina E in dosaggi elevati può provocare conseguenze anche gravi come ictus emorragico e sanguinamento. E’ quindi opportuno non superare mai i 1000 milligrammi al giorno assunti per più giorni. Chi prende farmaci particolari come gli anticoagulanti e antiaggreganti deve stare più attento e consultare subito il proprio medico in caso di presenza di alcuni sintomi.

Alimenti che contengono vitamina E

L’assunzione di vitamina E attraverso i cibi è senz’altro più efficace rispetto a quella che avviene tramite integratori. Ecco quali sono gli alimenti che contengono una maggiore quantità di vitamina E: semi di girasole e arachidi, e negli oli che da questi si ricavano: olio di mais, canapa, olio di oliva e soia. Sono ricchi di tocoferolo i cereali integrali, mandorle, ortaggi, frutta, uova, burro, mentre carne e pesce ne contengono in quantità esigua.

Per assumere vitamina E bisogna consumare molta frutta a guscio come noci, mandorle, arachidi, alcuni ortaggi in particolare come il crescione, gli asparagi, gli spinaci, i ceci, il broccolo, i pomodori.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante