I dolori del giovane Werther: riassunto

Print Friendly

Il romanzo “I dolori del giovane Werther” scritto da Wolfgang Goethe uscì nella sua prima redazione nel 1774. Ebbe un successo enorme e l’autore divenne punto di riferimento per gli intellettuali tedeschi del movimento dello Sturm und Drang (movimento tedesco di fine ‘700 collegato alla nascita del Romanticismo). Il personaggio principale è importante perché ispirò Ugo Foscolo per la stesura del suo romanzo epistolare Ultime lettere di Jacopo Ortis.

I dolori del giovane Werther
I dolori del giovane Werther: sulla sinistra la pagina iniziale della prima edizione (1774); sulla destra una copertina italiana del romanzo.

La vicenda del romanzo di Goethe racconta i fatti che si sarebbero svolti nel 1771-1772 e presenta molti rimandi autobiografici. Si divide in due libri, conservando però sempre lo stesso protagonista.

Il primo libro

Il primo libro racconta di Werther, giovane borghese che decide di rifugiarsi in campagna per restare più a contatto con la natura. Legge i classici di Omero e fa conoscenza con le persone locali. In particolar modo con un giovane contadino, vivendo quindi in pace con la natura. Werther incontra poi Lotte, una ragazza che fa da madre ai suoi fratellini. Se ne innamora perdutamente senza mai confessarglielo, perché la ragazza è già impegnata.

I due però si frequentano in modo libero fin quando torna il fidanzato di lei, Alberto, che diventa a sua volta amico del protagonista. I due però hanno un forte scontro per una divergenza di opinioni sul tema del suicidio.

Il secondo libro

Qui comincia il secondo libro, quando Werther torna in città per prestare servizio a seguito di un ambasciatore. Iniziano così i suoi conflitti con la società: a causa della sua nascita borghese, non può essere ammesso in numerosi ricevimenti.







Werther entra così in una spirale di passioni e forti sentimenti: Lotte e Alberto si sono sposati e lui si indentifica non più con Omero ma con il tragico personaggio di Ossian. Una sera Lotte lo abbraccia e si accorge di amarlo, ma lo allontana senza cedere alla passione. Werther manda a chiedere la pistola di Alberto e si uccide sparandosi alla testa.

L’ultima parte viene narrata dall’editore che legge le lettere di Werther.

I dolori del giovane Werther: breve analisi

Il romanzo I dolori del giovane Werther è più di una semplice storia d’amore mai nata a causa di un rifiuto. È un vero e proprio attacco alla società borghese massificata da parte di Goethe. La visione negativa della natura, che si evince nella seconda parte, capovolge la visione positiva della prima. Essa esprime tutta la portata degli ideali rivoluzionari contro il conformismo della società dell’epoca.

Werther diventa così l’eroe ribelle che va contro tutto per seguire la sua passione. Diventa poi nel corso del tempo il baluardo dei rivoluzionari che spingevano verso le forme del romanticismo. Non manca neppure l’aumento dei casi di suicidio in quel periodo e quindi l’imitazione della vita del protagonista.

In Italia l’esempio del romanzo goethiano è seguito in pieno dal Foscolo. Anch’egli propose la descrizione della storia di un ragazzo passionale immischiato nel mondo politico.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Anna D'Agostino

Anna D'Agostino

Anna D'Agostino è nata e cresciuta a Napoli. Laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna, è una grande appassionata di libri e scrittura. Collabora come giornalista pubblicista presso varie testate online e lavora come insegnante di approfondimento letterario presso una scuola media.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante