Yoga, come nasce e a cosa serve.

Print Friendly, PDF & Email

Antica  disciplina indiana di indagine esistenziale, lo Yoga si presenta come un variegato sistema in grado di aiutare a risolvere molti problemi psicofisici e di vita. Lo Yoga affonda le radici nella più profonda antichità dell’India misteriosa e spirituale. Già l’etimologia della parola “yoga” può fornirci qualche utile indicazione su questa disciplina. Si tratta di un vocabolo dell’antica lingua sanscrita che deriva dalla radice del verbo “yuj” e significa “aggiogare”. Lo yoga ha appunto la finalità di “aggiogare” la personalità umana, soprattutto la parte istintuale di essa, orientandola verso scopi ed obiettivi più alti.

Yoga
Yoga: praticarlo fa bene a corpo e spirito

Chi pratica questa disciplina si esercita ad ottenere una perfetta armonia tra mente e corpo, sperimentando gli stati piacevoli che una mente organizzata può offrire.

Un’altra proposta interpretativa, altrettanto valida, attribuisce al verbo “yuj” il significato di “fusione”, che rappresenta il livello di coscienza più avanzato che si raggiunge dopo anni di esperienza, quando si compie la completa realizzazione dell’unione psico-fisica.

Una donna pratica yoga al parco
Una donna pratica yoga al parco

Lo Yoga deve essere considerato un percorso evolutivo che prevede, come primo step, quello di “destare lo stato di attenzione”, giungere poi alla consapevolezza e da questa al successivo “risveglio della coscienza”, imparando lungo la via a distinguere il vero dal falso, il soggettivo dall’oggettivo, attraverso diverse pratiche.

Tra queste, è fondamentale imparare la meditazione e il “pranayama”, ossia la pratica di una corretta respirazione. Controllando il respiro, infatti, si riesce a raggiungere un equilibrio psico-fisico che conduce ad uno stato di calma e benessere. Altra tecnica che rientra nella disciplina yogica è l’utilizzo dei Mudra, gesti delle mani che hanno significati propiziatori.

Yoga - Posizione della mani
La tipica posizione della mani nello Yoga

A cosa serve lo Yoga

Oggi siamo tutti frenetici, viviamo in uno stato continuo di ansia che spesso provoca reazioni a livello psicosomatico. Lo Yoga è un metodo di autodisciplina in grado di agire sul corpo, rendendolo più flessibile e tonico (grazie a particolari posizioni corporee chiamate “asana”) e sulla mente, calmando il flusso continuo dei pensieri tramite la meditazione ed il controllo del respiro.

Praticando con regolarità lo yoga si impara ad essere presenti a se stessi e consapevoli in ogni momento della propria vita. La consapevolezza aumenta la forza interiore e la fiducia in sé stessi e permette di superare incertezze e limiti esistenziali.

Tipi di Yoga

A seconda dei benefici che si vogliono ottenere, si possono scegliere diverse tipologie di Yoga. Ad esempio, un tipo di yoga più filosofico e meditativo è il Kundalini o il Raja Yoga. Chi preferisce una disciplina più movimentata e dinamica può optare, oltre che per Hatha Yoga, anche per l’Ashatanga Yoga o il Power Yoga.

Yoga in palestra
Lo Yoga si può praticare soli, oppure in gruppo, in palestra.

Come si svolge una seduta di Yoga

I partecipanti ad una lezione di “Hatha yoga” (o yoga comune), quello più propriamente fisico, vengono invitati dal loro docente a tenere gli occhi chiusi anche mentre si eseguono le singole posizioni. Il Maestro, normalmente, invita poi gli allievi a prendere coscienza delle posizioni assunte dal corpo. Solo successivamente verrà suggerito al praticante di portare l’attenzione e la consapevolezza sull’atto respiratorio. La seduta di Hatha yoga si apre in genere con la sequenza dei Saluti al Sole (Suryanamaskara).

Yoga - Saluto al sole
La posizione e i movimenti del saluto al sole nello Yoga

Forse sarebbe meglio precisare che talvolta, durante alcuni asana, è funzionale tenere gli occhi chiusi; più comunemente lo sguardo è considerato un punto focale della pratica dello hatha yoga e ancora di più dell’ashtanga vinyasa.







Nelle comunità yogiche indiane questi movimenti vengono eseguiti rigorosamente al sorgere del sole, per sfruttare meglio un particolare aspetto dell’energia solare presente in quel determinato momento. Ogni posizione della sequenza ha le caratteristiche di stimolazione o purificazione ben precise.

Gli asana del Saluto al Sole favoriscono l’allungamento di tutte le membra del corpo e migliorano l’elasticità e la scioltezza della colonna vertebrale. Per partecipare ad una seduta yoga è consigliabile indossare un abbigliamento comodo e preferibilmente non sintetico e portare con sé un tappetino ed un cuscino. Quest’ultimo servirà a stare più comodi e con la schiena dritta durante la fase dedicata alla meditazione.

Gli Asana più comuni

Ci sono posizioni yoga facilmente fruibili anche da chi ha da poco cominciato a praticare, ed altre che invece richiedono una maggiore esperienza e dimestichezza con la disciplina yogica. Chi si avvicina allo yoga principalmente con lo scopo di rendere più tonico e flessibile il corpo, oltre alla sequenza dei Saluti al Sole, trarrà giovamento da una serie di asana che migliorano la postura e le condizioni della schiena. Tra queste, vi è “Paschimottanasana”, che è una delle principali posizioni dello Hatha yoga e che consiste, in pratica, in un auto stiramento della schiena.

Yoga - posizione Paschimottanasana
La posizione Paschimottanasana

Ecco come si esegue: dopo aver collocato a terra un tappetino, ci si sdraia in posizione supina sul pavimento, con le gambe unite e distese. Si procede piegandosi in avanti e portando la fronte verso le ginocchia. Gradatamente, se vi è sufficiente scioltezza, le mani andranno a raggiungere le dita dei piedi, in particolare gli alluci che si afferrano per mantenere la posizione. Nel caso in cui si riscontrino difficoltà e poca scioltezza, la stessa posizione potrà essere eseguita partendo da seduti. Alla posizione dinamica dovrà seguire una fase statica, durante la quale si cerca di praticare l’immobilità “confortevole”, respirando con calma e rilassando tutto ciò che è possibile per ridurre al minimo lo sforzo di mantenimento.

Yoga - Posizione del loto - Siddhasana - La postura del perfetto yogin
Siddhasana e padmasna (più conosciuta come “posizione del loto“) sono posizioni tra le più comuni.

Tra le posizioni più comuni ci sono“Siddhasana” (parola sanscrita) considerata la postura del “perfetto yogin” e “padmasana“, la posizione del Loto, che è la tipica posizione di chi si mette a praticare la meditazione (e che sembra facile da mantenere, ma non è così). Entrambe le posture sono molto buone per la meditazione e per il pranayama in quanto la nutazione del bacino favorisce una posizione eretta della colonna vertebrale.

Altre posizioni comuni ma non di facile esecuzione sono quelle sulla testa. Lo yoga considera tali asana benefiche, in quanto favoriscono la presenza e l’afflusso di sangue nel capo. Il praticante si posiziona con la testa sul pavimento e le gambe in alto e parallele. Queste asana hanno una valenza simbolica: i piedi sono appoggiati sull’elemento più materiale, mentre il corpo si erige verso il sottile ed il capo va più in alto, verso il cielo. Praticando queste posizioni all’adepto è dato di sperimentare uno stato di natura divina.

L’autorilassamento

L’uomo moderno vive in uno stato di continua veglia e attenzione, sempre coinvolto nelle preoccupazioni e incombenze che la vita gli mette davanti ogni giorno. Le tensioni che si accumulano nel corpo si somatizzano trasformandosi in contrazioni e piccoli dolori più o meno frequenti e intensi, e lentamente consumano ogni energia presente.

Grazie alla consapevolezza che si sviluppa durante la pratica dello yoga si può provare ad agire sul rilassamento senza ricorrere ad alcuna guida esterna. Potete dedicare qualche minuto al giorno alla pratica dell’autorilassamento per distendere il corpo e la mente, ottenendo grandi benefici psico-fisici.

Ecco come fare. Sdraiatevi sul pavimento utilizzando un tappetino, cercate di abbandonarvi totalmente. Diventando consapevoli del corpo che è steso sul pavimento, cominciate a rilassare ogni singola parte di esso. Ogni tanto ripetete a voi stessi: mi sto rilassando. Questo vi aiuterà a trasferire l’attenzione su quello che state facendo. I pensieri, almeno all’inizio, tenderanno a distrarvi e voi dovrete essere bravi a riportare l’attenzione sul corpo. Passate in rassegna ogni zona del corpo partendo dai piedi, sciogliendo le contrazioni che individuate durante la pratica. Cercate di restare immobili fino alla fine.

Ricordate che la tecnica di auto rilassamento che state sperimentando è un momento da dedicare a voi stessi e va vissuto come tale, fino in fondo. Tenendo sotto controllo il respiro, riuscirete a “domare” anche il vostro lato emotivo. Ricominciate a muovervi lentamente, muovendo prima le dita dei piedi, poi quelle delle mani. Ruotate il capo prima a destra, poi a sinistra. Passate poi allo stiramento dei muscoli, come fate quando ci si sveglia al mattino. Quando vi sentirete pronti, mettetevi prima seduti e solo in un secondo momento, alzatevi in piedi.

Yoga Nidra - Auto rilassamento
Yoga Nidra: l’auto-rilassamento è guidato da un Maestro

Per praticare l’autorilassamento potete optare per qualsiasi momento della giornata che sia a voi più congeniale, purché scegliate un luogo confortevole e silenzioso. In caso di necessità meglio coprirsi con un telo o una coperta per non avvertire il freddo quando si resta immobili. Se preferite praticare l’autorilassamento “guidato” esiste una pratica specifica, denominata “Yoga Nidra” che induce rilassamento nel corpo e nella mente e viene svolta con la guida di un Maestro e con l’obiettivo di ripetere un proposito che si intende realizzare nella vita per tutta la durata della seduta (il sinkalpa).







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante