Vergine delle Rocce (opera di Leonardo da Vinci)

Print Friendly, PDF & Email

E’ nell’anno 1482 che Leonardo da Vinci si reca a Milano. Del suo soggiorno milanese abbiamo poche pitture ma, come sempre, di altissimo valore. Oltre alla celeberrima Ultima Cena (o cenacolo) a questo periodo risale “La Vergine delle Rocce”, che andremo qui ad analizzare.

Vergine delle rocce - Parigi
Leonardo da Vinci: “Vergine delle rocce” (1483-1486). Parigi, Museo del Louvre. Olio su tavola: 199×122 cm

Sono rappresentati, davanti ad un panorama roccioso, seduti ai bordi di un piccolo specchio d’acqua, la Madonna che tiene una mano maternamente appoggiata sulle spalle del piccolo San Giovanni in preghiera, un angelo e il Bambino Gesù benedicente.







Vergine delle rocce - dettaglio
Dettaglio delle figure presenti nella parte bassa del quadro e della mano della Madonna, che poggia sulla spalla del piccolo San Giovanni Battista.

Le quattro figure sacre si dispongono su una pianta a croce, o meglio agli estremi delle diagonali interne di un quadrangolo, dal quale si alza una forma piramidale il cui vertice è costituito dalla testa della Vergine. Ma lo schema geometrico è animato dalla complessa articolazione delle membra: dallo slancio in avanti del piccolo Battista all’atteggiamento protettivo di Maria che, mentre tiene una mano sulle spalle di lui, avanza l’altra a coprire la testa di Gesù, che, accavallando le gambe e appoggiandosi a terra con la mano sinistra, si volge per benedire con la destra sollevata, mentre l’angelo, guardando obliquamente verso l’esterno, indica Giovanni.

Affinché il rapporto con l’ambiente sia totale, si viene sempre più eliminando la linea di contorno che è limite, è confine, è divisione. Lo “sfumato” di Leonardo permette di passare, senza scarti, quindi senza violenza, da un volume all’altro. Ciò fa apparire le figure lievemente mosse, dandoci la sensazione di vedere tridimensionalmente. Lo sfondo roccioso è realizzato avvalendosi della prospettiva aerea (i colori schiariscono in profondità). La luce arriva dall’interno della grotta e dall’alto.

Esiste una seconda versione della Vergine delle Rocce, sempre realizzata da Leonardo: databile al 1494-1508, l’opera è conservata presso la National Gallery di Londra; si tratta di un dipinto a olio su tavola che misura 189,5×120 cm. E’ facile notare tra le principali differenze l’assenza delle aureole.

Vergine delle rocce - Parigi e Londra
La Vergine delle rocce di Leonardo da Vinci nelle versioni di Parigi (a sinistra) e Londra (a destra)







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Serena Marotta

Serena Marotta

Laureata in giornalismo, nata il 25 marzo 1976, Serena Marotta è anche scrittrice e poetessa. In passato ha collaborato con il "Giornale di Sicilia" e con "La Repubblica" e, attualmente, scrive articoli per il giornale "L'ora" e per questo sito, cura l'ufficio stampa della casa editrice Torri del Vento, del Caffè letterario Riso e dell'associazione Siciliae Mundi. Queste sono in sintesi, le notizie di base per redigere una qualunque biografia. Quello che non può essere né schematizzato né semplicemente elencato, è in primo luogo la passione che riversa in tutto ciò che fa. Il mondo osservato da due occhi verdi carichi di dolcezza e determinazione, una voce sublime che incanta, un’anima che grida attraverso parole che, considerati gli obiettivi che Serena è riuscita a raggiungere, assumono la caratteristica di concreti fatti.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante