Scarabeo: storia del gioco. Differenze con Scrabble e 3 trucchi per vincere.

Print Friendly, PDF & Email

Storia e curiosità del gioco di parole in scatola

I giochi da tavolo in Italia sono molto apprezzati e diffusi, e non solo tra i giovani. Tra i più conosciuti ci sono senz’altro il Monopoli, il Risiko e lo Scarabeo. Quest’ultimo, forse di nicchia rispetto ai primi due, si svolge con l’ausilio di un tabellone a scacchiera sul quale i partecipanti si sfidano a comporre parole di senso compiuto mettendo insieme le lettere pescate a caso in un sacchetto.

Scarabeo: una scatola degli anni '80. Lo slogan: "Piace ai ragazzi, appassiona gli adulti."
Scarabeo: una scatola degli anni ’80. Lo slogan: “Piace ai ragazzi, appassiona gli adulti.”

Scarabeo: le origini

L’invenzione dello Scarabeo risale al 1938, grazie ad un appassionato di questo genere di giochi con le parole: Alfred Mosher Butts. Ma bisogna aspettare il 1948 per trovare la versione dello Scarabeo in commercio, grazie a James Brunot, che iniziò a produrre lo Scarabeo in casa sua.

Nel 1952 le vendite del gioco iniziarono a decollare, e la licenza del gioco fu ceduta  in America e negli altri Paesi del mondo.  La “paternità” italiana si attribuisce ad Aldo Pasetti, verso la fine degli anni Cinquanta.

Nel 1963 il gioco venne distribuito da Editrice Giochi. In America esisteva un gioco simile, chiamato “Scrabble”, e infatti nacque un contenzioso tra Pasetti e i fondatori del gioco statunitense, che accusarono il nostro connazionale di plagio. La causa internazionale dimostrò l’innocenza di Pasetti, in quanto i giudici rilevarono che, benché simili all’apparenza, i due giochi erano diversi.

In cosa consiste il gioco

Il gioco da tavolo Scarabeo è formato da un tabellone 17×17, 130 tessere e quattro jolly. Ogni giocatore comincia avendo a disposizione otto lettere. Il gioco consiste nell’incrociare le lettere di ciascuno con quelle degli avversari posizionate sul tabellone, in modo da realizzare nuovi vocaboli di senso compiuto.

Alcune parole composte e incrociate, anche con il jolly (lo scarabeo)
Alcune parole composte e incrociate, anche con il jolly (lo scarabeo)

La parola “Scarabeo” rappresenta un Superbonus che assicura a chi la compone un gran numero di punti extra. All’interno del gioco inoltre vi sono caselle speciali che, se utilizzate, garantiscono un Bonus.

Per vincere in questo gioco è necessario possedere una discreta conoscenza della lingua italiana. Inoltre è importante “pescare” le lettere giuste, e in questo ciò che conta è la fortuna.

Gli appassionati di Scarabeo aggiungono che se si conosce qualche trucchetto si può vincere con maggiore facilità.

Tre metodi per vincere a Scarabeo

Per diventare esperti giocatori di Scarabeo occorre un po’ di ingegno e una conoscenza del gioco non approssimata. Ci sono lettere che valgono più punti rispetto alle altre: si tratta delle lettere Z, H, Q.

Se si ha la fortuna di averle a disposizione è consigliabile piazzarle subito sul tabellone, cercando di utilizzare le altre caselle speciali in modo che il valore delle singole lettere o delle parole in cui si trovano possa essere maggiorato.

Altro metodo altrettanto efficace consiste nello sfruttare le parole composte dagli altri avversari.

Nelle fasi iniziali del gioco è preferibile comporre termini brevi, in modo da andare avanti nella partita. Anche se non serve ad ottenere un punteggio alto, questo metodo toglierà un po’ di “terreno” agli avversari, che avranno meno “appoggi” su cui contare.

LEGGI ANCHE  Chi ha inventato i puzzle?

Scarabeo: le versioni moderne

I giochi da tavolo presuppongono la presenza fisica di partecipanti, senza i quali non è possibile cominciare una partita. Per ovviare a tale inconveniente si sono diffuse le versioni online dello Scarabeo, disponibili gratuitamente in Rete.

Ci sono anche app da scaricare gratis su smartphone, utilissime per esercitarsi in vista di qualche sfida dal vivo, come la famosa “Classic Words”, a metà strada tra l’italiano Scarabeo e l’americano Scrabble.  Sul sito ufficiale di Editrice Giochi si trova invece la controparte digitale a pagamento.

Per allenarsi ad acquisire dimestichezza e velocità con le parole c’è l’app Ruzzle, che ricorda le dinamiche di un altro celebre gioco: il Paroliere.

Differenze tra Scrabble e Scarabeo

Componenti ed estetica

  • Scrabble ha 120 tessere (lettere); Scarabeo ne ha 130 – con valori differenti;
  • Il tabellone di Scrabble è composto da 15×15 caselle mentre Scarabeo 17×17;
  • Le caselle speciali di Scrabble hanno un codice colorato; Scarabeo ha dei simboli.
  • Scrabble ha 2 jolly; Scarabeo ha 4 jolly di cui 2 con il simbolo dello scarabeo.
Scatola di Scrabble, crosswords game - versione italiana di Scarabeo
Scrabble, crosswords game. La versione americana (made in USA) del gioco. Lo slogan recita: “every letter counts” (ogni lettera conta).

Regole

Le differenze nelle regole costituiscono portano a una fruizione del gioco decisamente più profonda rispetto alle differenze estetiche. Proviamo ad elencarle.

  • L’andamento del gioco: nello Scrabble le caselle speciali danno il bonus appropriato solo la prima volta che si usa la casella; nello Scarebeo ciò accade ogni volta che si utilizza quella casella.
  • I jolly dello Scrabble non danno punti; quelli dello Scarabeo danno tanti punti quanto il valore della lettera che sostituiscono.
  • Nello Scrabble si usano 7 tessere; nello Scarabeo 8.
  • Ci sono bonus differenti; c’è il già citato super bonus per la parola “SCARABEO” che regala un mucchio di punti, dando possibilità di ritornare in partita anche ai giocatori rimasti più indietro.
  • In Scrabble è consentito “strisciare” ossia affiancare parole in sequenza, le une dopo le altre; nello Scarabeo è solamente possibile incrociarle.

Di fatto accade che nel finale di partita, nello Scarabeo è difficile formare parole che abbiano più di tre lettere; in Scrabble, al contrario, la possibilità di mettere in fila le parole crea mantiene la partita viva e accesa fino alla fine. In Scrabble i giocatori predispongono delle liste di parole da due e tre lettere, così da poter essere utilizzate al momento del proprio turno.

Sostanzialmente la versione italiana del gioco è considerata meno tecnica dello Scrabble; al tempo stesso e tuttavia, possiamo considerare Scarabeo un gioco più dinamico e adatto allo svago, rispetto all’omologo americano.

Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante