Le foibe e il Giorno del Ricordo

Il Giorno del ricordo è stato istituito il 30 marzo 2004 e la legge che ne determina i parametri legislativi è la n. 92 votata e approvata, a larga maggioranza, dal Parlamento italiano il 16 marzo 2004. La legge stabilisce che il 10 febbraio di ogni anno vengano commemorate le vittime delle foibe: uomini e donne uccisi in Istria, Dalmazia e nelle provincie del confine orientale dai partigiani jugoslavi durante e subito dopo la Seconda Guerra Mondiale. In tale giorno si commemorano anche i cittadini italiani che furono costretti a lasciare le loro case e i loro beni in Istria, Dalmazia e Fiume per sfuggire alle persecuzioni del nuovo governo jugoslavo del maresciallo Josip Broz Tito.

Foibe istriane
Schema di una foiba istriana: illustrazione tratta da una pubblicazione datata 1946.

La legge, inoltre, stabilisce che siano previste iniziative per diffondere la conoscenza di questi tragici eventi e che ciò avvenga nelle scuole di ogni ordine e grado e che attraverso istituzioni e enti sia favorita la raccolta e la diffusione di documentazioni riguardanti gli eccidi delle foibe e gli esodi, affinché ne sia conservata la memoria. Infine, la legge stabilisce che vengono favoriti dibattiti, incontri e convegni su questo aspetto della storia italiana ed europea e sugli avvenimenti che ne hanno caratterizzato le cause e le conseguenze. La commemorazioni avvengono al Quirinale di fronte al Presidente della Repubblica e in molte città nelle vie e nelle piazze che ricordano i massacri delle foibe e l’esodo giuliano-dalmata.

Cosa sono le foibe?

Con tale espressione si identificano i massacri  e gli eccidi che furono perpetrati dai partigiani jugoslavi ai danni delle popolazioni italiane (cittadini italiani di etnia italiana e di etnia slovena e croata) per motivi sia etnici che politici i quali risiedevano nella Venezia Giulia e nella Dalmazia.

Il periodo storico è la Seconda guerra Mondiale e gli anni immediatamente successivi al conflitto. Le foibe sono delle voragini profonde all’interno delle quali venivano gettati  i corpi delle vittime. Tali voragini erano presenti nella Venezia Giulia e si chiamavano appunto foibe. Furono soprattutto luoghi di raccolta dei cadaveri. Infatti i prigionieri venivano giustiziati soprattutto nei campi di prigionia e durante il trasferimento. A volte le vittime venivano gettate nelle foibe quand’ erano ancora vive.  Come tutte le tragedie che sono state generate da decisioni politiche e ideologiche anche le foibe sono oggetto di interpretazioni e polemiche; il dato oggettivo dei massacri però rimane e la decisione della sua commemorazione è un passo avanti verso il ricordo delle vittime della barbarie e della furia omicida.

Foibe istriane

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale è nato a Padova e vive a Milano. Laureato in Scienze Politiche svolge la professione di consulente editoriale e pubblicitario. Collabora con case editrici e giornali cartacei e online occupandosi di libri, arte ed eventi culturali. Ha tradotto testi letterari e tecnici dallo spagnolo, dal portoghese, dall'inglese e dal catalano.

Ci siamo impegnati per preparare questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Facci sapere cosa ne pensi:

GIA C'E' STATA UNA PROTESTA DA PARTE DELL'AMBASCIATA SLOVENA SUL USO DI QUESTA FOTO……………NON VI SEMBRA DI ESAGERARE?

potete cambiarla grazie………………………………e' una mistificazione della storia e IGNORANZA!

cosa vuoldire puramente simbolica…………………..la FOTO E' SBAGLIATA MI SPIEGA COSA C'ENTRA LA FUCILAZIONE DI SLOVENI CON LE FOIBE???? USATE I SIMBOLI SBAGLIATI??? VI SEMBRA LOGICO ? LA POTETE CAMBIARE GRAZIE…………….ALTRIMENTI QUELLI SLOVENI GLI STATE FUCILANDO UNA SECONDA VOLTA

LA FOTO PER COMMEMORARE LE FOIBE E' SBAGLIATA…………E' UNA FUCILAZIONE DEL REGIO ESERCITO ITALIANO………

17 Shares 167 views
Share via
Copy link
Powered by Social Snap