Il Violinista: storia e interpretazione del quadro di Chagall

Il violino come mezzo per incontrare il divino

È difficile riscontrare nei grandi artisti di inizio Novecento un profondo attaccamento, quasi morboso, ad uno strumento musicale, come invece emerge dal mondo artistico di Marc Chagall. Per il pittore, il violino, che appare ripetutamente nelle sue opere, non è solo uno strumento musicale, ma rappresenta il mezzo per incontrare Dio e i grandi segreti della vita e della morte.

Il Violinista (Marc Chagall, 1912-1913)
Il Violinista (Marc Chagall, 1912-1913). Olio su tela; 188 cm x 158 cm. Stedelijk Museum, Amsterdam.

La figura dello zio

Ne “Il violinista”, l’immagine raffigura suo zio Neuch, fratello della madre, intento a suonare sul “tetto del mondo” aspirando, tramite l’estasi musicale e la danza, alla comunione con Dio.

La rappresentazione simbolica si rifà al dettato di una congregazione religiosa di Ebrei russi e polacchi, gli Hasidim.

Il Violinista: descrizione e spiegazione del quadro

Di volta in volta, Chagall è investito di significati diversi dalla figura del violino e, nella cultura tradizionale ebraica, il violinista aveva un ruolo importante in occasione di nascite, matrimoni e funerali; da qui, nasce la necessità di raffigurarlo in questo quadro rappresentandolo nel suo paese natale, Lyozno, trascinando nella sua scia una figura circondata da un alone d’oro.

In fondo, come dargli torto.

La condizione degli Ebrei di quel tempo era ben raffigurata nel quadro: una vita instabile come quella del musicista che deve suonare stando in equilibrio su un tetto.

Pur essendo dipinto a Parigi, il quadro si ricollega alle opere di Vitebsk del 1909, nelle quali, come dice Chagall, egli tendeva a vedere le cose in bianco, grigio e nero. Ma nelle zone in cui dominano il nero e il bianco, il pittore ha introdotto una modulazione cromatica che dona al dipinto morbidezza calda e luminosa.

LEGGI ANCHE  Intorno a lei, analisi e storia del quadro celebre di Chagall

La piccola figura a sinistra del dipinto, con le tre teste, è la raffigurazione di un’esteticità ammirativa e ricorda certi affollamenti di devoti attorno ai santi, nei vecchi dipinti bizantini dove tra la folla in preghiera si scorgono solo le teste e il biancore degli occhi. Il violinista risulta essere il vero e unico eroe.

Dati tecnici

Il violinista” è un dipinto olio su tela di 188 cm x 158 cm, realizzato tra il 1912 e il 1913 dal pittore ed è conservato al Stedelijk Museum di Amsterdam – Olanda.

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Avatar photo

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini lavora sul web dal 1999. Ha fondato Biografieonline.it nel 2003. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. È degustatore professionale e giudice internazionale di birre. Copywriter e storyteller, aiuta le persone a posizionarsi sul web raccontando la loro storia. Puoi metterti in contatto con lui su Instagram, LinkedIn, Twitter, Facebook.

Speriamo questo articolo ti sia servito. Noi ci siamo impegnati. Lascia un commento, per favore: