Bobi Bazlen, un italiano inedito: recensione del libro di Roberto Calasso

Roberto Calasso è morto il 28 luglio del 2021. Lo stesso giorno sono usciti in libreria i suoi due ultimi libri: Bobi e Memè scianca, editi entrambi dalla casa editrice Adelphi. Parliamo qui del primo, Bobi.

Bobi, libro di Roberto Calasso

Roberto Bazlen

Bobi racconta alcuni aspetti della vita e della personalità di Roberto Bazlen, un intellettuale difficile da definire e che è stato fra i fondatori dell’Adelphi, casa editrice che Calasso ha diretto dal 1971.

Bazlen fu un intellettuale ineffabile, misterioso e ammirato dai pochi che lo conoscevano; fra questi c’era Roberto Calasso che per anni ne ha parlato con lo stesso atteggiamento misterico che Bazlen aveva in vita. Fino a questo libro, che non rivela altro che la capacità dell’autore di raccontare la forza intellettuale di Bazlen.

Calasso e Bazlen

Il non detto, ciò che è implicito, era una caratteristica di Bobi, un suo modo per parlare dei libri oltre i libri. E lo è in parte anche in questo ritratto che Calasso dedica al suo amico, andando oltre la semplice biografia.

Infatti, anche dopo aver letto il libro, Bazlen rimane una personalità ineffabile. Mentre la scrittura di Calasso riempie ogni sfumatura, trasportando il lettore verso un’idea del modo in cui si cercano i libri.

I libri e il dialogo

Questi suoi ricordi sono anche la spiegazione magica di come l’Adelphi è nata grazie all’ingegno di poche persone e alla capacità di Bobi di dialogare con i libri, intuendo la forza e la capacità che questi magnifici oggetti hanno di dialogare fra loro.

In fondo i buoni libri, come ha dichiarato Calasso in un’intervista di qualche anno fa, sono accessibili a tutti e l’Adelphi, che pubblica libri solo in apparenza elitari, in realtà svolge un lavoro davvero raro nell’editoria europea: rendere accessibile ciò che è di qualità.

Bobi

La figura di Calasso e l’operato della casa editrice hanno dunque una breve ma fondamentale radice nel lavoro intellettuale di Roberto Bazlen; questo sconosciuto profeta, che ha saputo cercare i libri fondamentali in un’Italia culturalmente interessante ma ideologicamente troppo divisa. Là dove la cultura era appannaggio spesso di partitismi.

Il taoista Bazlen non si preoccupava minimamente di ciò: cercava, invece, di impostare un lavoro editoriale molto al di là del contingente.

Leggendo con attenzione il libro Bobi si intuisce la forza di un intellettuale che non voleva apparire, ma voleva essere.

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale è nato a Padova e vive a Milano. Laureato in Scienze Politiche svolge la professione di consulente editoriale e pubblicitario. Collabora con case editrici e giornali cartacei e online occupandosi di libri, arte ed eventi culturali. Ha tradotto testi letterari e tecnici dallo spagnolo, dal portoghese, dall'inglese e dal catalano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap