La vitamina C: proprietà e benefici

Print Friendly

Per mantenersi in uno stato di salute il nostro organismo ha necessità di assumere le vitamine attraverso gli alimenti e gli integratori specifici. La vitamina C (acido ascorbico) è particolarmente importante perché ricca di numerose proprietà, da tempo testate su persone e/o animali.

Vitamina C
Vitamina C

Questa tipologia di vitamina è idrosolubile (simile al glucosio), ed è capace di sintetizzare il collagene per rinforzare le ossa, i muscoli, la cartilagine, i vasi sanguigni. Grazie alla vitamina C il nostro organismo è in grado di assorbire un minerale indispensabile come il ferro.

L’utilizzo della vitamina C è molto comune e ricorrente per la cura delle malattie da raffreddamento e le infezioni respiratorie. Parecchi studi hanno infatti confermato gli effetti positivi di una regolare assunzione di vitamina C nei soggetti colpiti dal raffreddore o affezioni delle vie respiratorie.

 

Inoltre la vitamina C viene consigliata anche come prevenzione nell’insorgenza dei sintomi del raffreddore, soprattutto in quei soggetti che si trovano in particolari condizioni climatiche o in situazioni fisiche specifiche (come maratoneti o sciatori).

Proprietà della vitamina C

Oltre alla cura e prevenzione del raffreddore e stati influenzali e il potenziamento dell’assorbimento di ferro, la vitamina C possiede altre interessanti proprietà:







  • riduce il rischio di sviluppare patologie dell’apparato respiratorio come l’asma;
  • riduce il rischio di sviluppare infezioni urinarie durante la gravidanza;
  • previene la formazione di diverse tipologie di tumore;
  • è un potente antiossidante ed è quindi utile come additivo alimentare;
  • previene le emorragie e contribuisce alla formazione dei globuli rossi;
  • essendo una “vitamina da stress”, la vitamina C si consuma più rapidamente durante i periodi di stress (in questi casi quindi va assunta diverse volte al giorno).

Alimenti che contengono vitamina C

Gli esperti raccomandano di consumare regolarmente alcuni alimenti in cui si trova una maggiore quantità di vitamina C (soprattutto verdura e frutta):

  • Frutti di bosco;
  • Asparagi;
  • Cavoli;
  • Broccoli;
  • Anguria;
  • Cavolfiori;
  • Melone;
  • Cavoli;
  • Agrumi (arance, limoni, mandarini);
  • Patate;
  • Spinaci;
  • Kiwi;
  • Cavolini di Bruxelles;
  • Peperoni verdi e rossi;
  • Patate a pasta bianca;
  • Mango e papaya;
  • Ananas.
Vitamina C - agrumi
La vitamina C è presente negli agrumi

Benefici della vitamina C

La vitamina C è indispensabile per il nostro benessere. Alcuni studi hanno rilevato che tale vitamina, tra le altre cose, è in grado di contrastare l’invecchiamento e la secchezza della pelle, di ridurre le infiammazioni, di migliorare la degenerazione maculare, ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e tumore.

Le persone abituate a consumare discrete quantità di frutta e verdura hanno una maggiore concentrazione di vitamina C nel sangue e probabilità in meno di essere colpite da infarto (lo ha stabilito un recente studio sull’argomento).

La carenza di vitamina C è abbastanza rara, si riscontra soltanto in situazioni estreme di malnutrizione. Una conseguenza grave della carenza di vitamina C è lo scorbuto, una patologia i cui sintomi sono anemia, perdita dei denti, emorragia, debolezza generale.

Per capire se si è carenti di vitamina C, porre attenzione ai seguenti sintomi: capillari fragili, gengive sanguinanti, ferite che stentano a rimarginarsi, giunture doloranti e gonfie, frequenti raffreddori e influenza che si ripete.

Dosi e somministrazioni consigliate

Per quanto concerne il dosaggio, per gli uomini oltre i 18 anni si raccomanda una dose giornaliera di 90 milligrammi, alle donne può invece bastare 75 milligrammi. Alcuni soggetti particolari come i fumatori possono eccedere questo dosaggio, ma mai più di 2000 milligrammi al giorno (incluse le donne in gravidanza e quelle che allattano).

Naturalmente va evitata la somministrazione di vitamina C se i soggetti manifestano sensibilità o allergia ai componenti in essa contenuti. Eventuali effetti collaterali possono essere conseguenti al sovradosaggio: diarrea, calcoli renali, gastrite, nausea. Secondo gli esperti, per trarre il massimo beneficio dall’assunzione di vitamina C, bisognerebbe assumerla da frutta e verdura, piuttosto che ricorrere ad integratori (che potrebbero avere ripercussioni negative sullo stomaco).







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante