Adelchi: riassunto e breve analisi

Print Friendly, PDF & Email

Composta da Alessandro Manzoni tra il 1820 e il 1822, delle due tragedie da lui scritte, Adelchi è un’opera più complessa e più ricca di poesia rispetto all’altra, Il Conte di Carmagnola. In quest’opera che andiamo a riassumere e ad analizzare è rappresentato l’epilogo della guerra tra Desiderio, re dei Longobardi, e Carlo, re dei Franchi, disceso in Italia in aiuto del Papa Adriano I.

Adelchi, principe longobardo
Il principe longobardo Adelchi, in una rappresentazione dell’ XI secolo

Questa tragedia si apre con la scena di Ermengarda, che, ripudiata da Carlo, ottiene dal padre di ritirarsi nel monastero di San Salvatore a Brescia (ove è badessa la sorella Ansberga), per dimenticare, nella preghiera, le sue sofferenze.

Adelchi
Adelchi

Il ripudio di Ermengarda acuisce il dissidio politico di re Desiderio con Carlo, il quale protegge il pontefice e ingiunge ai Longobardi di abbandonare le terre della Chiesa. Desiderio rifiuta e dichiara la guerra ai Franchi, nonostante i consigli di moderazione del figlio Adelchi, che lo esorta ad un accordo con il pontefice. Nemmeno alcuni duchi longobardi sono d’accordo sulla guerra ai Franchi. Essi si riuniscono nella casa di Svarto, per macchinare il tradimento, inviando a Carlo lo stesso Svarto, per renderlo consapevole delle loro intenzioni.

Intanto Carlo è bloccato col suo esercito alle Chiuse, difese valorosamente da Adelchi, e, sta per rinunciare all’impresa, quando giunge il diacono Martino ad indicargli un sentiero ignoto, attraverso il quale l’esercito franco piomba alle spalle dei Longobardi, costringendoli alla fuga.

Mentre avviene ciò, Ermengarda muore nel monastero di Brescia.







Finale

Cade intanto Pavia, per il tradimento di Guntigi, e mentre Desiderio, fatto prigioniero, intercede presso Carlo per la salvezza del figlio, assediato in Verona, Adelchi, che con un’audace sortita è fuggito dalla città, sopraggiunge ferito e muore sotto gli occhi del padre e di Carlo: una catastrofe arbitraria, perché storicamente Adelchi non morì in combattimento, ma fuggì a Costantinopoli.

Analisi e commento

L’Adelchi di Alessandro Manzoni è superiore al Carmagnola anzitutto per la più ampia prospettiva storica, costituita dall’urto tra due popoli, i Franchi e i Longobardi, nel quale si inserisce il dramma del popolo italiano oppresso, che si illude di ottenere la libertà dallo straniero.

In più l’Adelchi è superiore per la maggiore complessità psicologica dei personaggi, che non lottano contro una forza esterna, come il conte di Carmagnola contro i politici veneziani, ma lottano contro alcuni sentimenti umani profondamente radicati nel loro animo, in contrasto con altri sentimenti, ugualmente radicati, ma più elevati. Questo dramma interiore è evidente soprattutto in Ermengarda e Adelchi.

Ermengarda, sebbene ripudiata da Carlo, lo ama ancora in modo profondao, nonostante gli sforzi che ella fa per staccarsi dai «terrestri ardori» e rivolgersi a Dio. Solo nella morte si placherà il suo dissidio interiore, il suo martirio.

Lo stesso destino tocca ad Adelchi, combattuto tra il suo dovere di lottare accanto al padre e la consapevolezza di una guerra ingiusta e senza speranza. Nelle parole che pronuncia prima di spirare vi è tutto il senso del suo Cristianesimo elegiaco, che vede nella morte la liberazione dalla feroce violenza che infuria nel mondo:

…Loco a gentile.
ad innocente opra non v’è: non resta
che far torto o patirlo.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Serena Marotta

Serena Marotta

Laureata in giornalismo, nata il 25 marzo 1976, Serena Marotta è anche scrittrice e poetessa. In passato ha collaborato con il "Giornale di Sicilia" e con "La Repubblica" e, attualmente, scrive articoli per il giornale "L'ora" e per questo sito, cura l'ufficio stampa della casa editrice Torri del Vento, del Caffè letterario Riso e dell'associazione Siciliae Mundi. Queste sono in sintesi, le notizie di base per redigere una qualunque biografia. Quello che non può essere né schematizzato né semplicemente elencato, è in primo luogo la passione che riversa in tutto ciò che fa. Il mondo osservato da due occhi verdi carichi di dolcezza e determinazione, una voce sublime che incanta, un’anima che grida attraverso parole che, considerati gli obiettivi che Serena è riuscita a raggiungere, assumono la caratteristica di concreti fatti.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante