San Paolo

Nato nel 5-10 d.C. a Tarso (un territorio corrispondente all’odierna Turchia meridionale, confinante con la Siria), San Paolo è uno dei discepoli che ha maggiormente contribuito, insieme a Pietro, alla diffusione del Vangelo nei Paesi mediterranei di quel tempo. Si potrebbe dire che è stato un vero e proprio missionario, pur non avendo conosciuto personalmente Gesù. Paolo conosce la lingua e la cultura greca, ma fin da giovane riceve un’educazione giudaica. Il suo nome ebraico è Saul, che significa “implorato a Dio”.

San Paolo
San Paolo

Gli Atti degli Apostoli descrivono Paolo come un feroce persecutore di chiunque segue il Cristianesimo, un inflessibile sostenitore della religione dei Padri che, a causa del suo fanatismo, costringe molti cristiani a lasciare Gerusalemme per cercare rifugio a Damasco.

Proprio mentre sta raggiungendo la città siriana il Signore appare a Paolo, e gli chiede il motivo della persecuzione e dell’odio che nutre verso i cristiani.

Gli uomini che sono con lui si spaventano, restano senza parole di fronte all’avvenimento, di cui però non riescono a dare una spiegazione. Per tre giorni Paolo rimane in uno stato di choc, sconvolto e attonito rispetto a ciò che gli è accaduto, e per di più i suoi occhi non riescono più a vedere.

Mentre si trova a Damasco si avvicina a Paolo il capo della comunità cristiana, chiamato Anania, che gli rivela di essere stato mandato direttamente dal Signore per fargli recuperare la vista e colmarlo di Spirito Santo. Dopo di che Anania impone la mano sulla fronte di Paolo, e dopo averlo battezzato questi recupera la vista.

San Paolo
San Paolo

Nei giorni seguenti Paolo visita la Sinagoga e racconta a tutti la sua conversione, destando gioia tra i cristiani di Damasco e suscitando ovviamente lo sconcerto tra gli ebrei, che pensano sia impazzito.

LEGGI ANCHE  San Nicola

Da quel momento in poi la vita di Paolo cambia profondamente, e dopo essersi ritirato a meditare per tre anni nel deserto, diventa un apostolo, un testimone di Cristo che insegna alla gente la sua dottrina. Paolo compie più di un viaggio apostolico, ma poi a Gerusalemme viene arrestato a causa di alcuni scontri con i suoi oppositori ebrei.

Ad un certo punto, per vari motivi, i discepoli lo lasciano solo e nel 66 il tribunale di Roma lo condanna a morte perché seguace di Cristo: Paolo viene decapitato nel 67, ed il suo corpo martoriato è seppellito dove oggi sorge la Basilica di San Paolo fuori le Mura.

La Chiesa romana e cattolica nomina i Santi Pietro e Paolo come patroni della città di Roma, essendo i considerati i due fondatori della religione cristiana a Roma. La liturgia celebra la festività dei Santi Pietro e Paolo il giorno 29 giugno di ogni anno.

San Paolo è anche il patrono di Malta e dal 1914 anche della Grecia, in suo onore sono dedicate chiese e basiliche in ogni parte del mondo. San Paolo viene invocato come protettore dei cestai e dei cordai, in caso di cecità, quando si verificano le tempeste di mare, e per guarire dai morsi di serpente.

San Paolo è l’autore di diverse lettere in cui esprime il suo pensiero (nel Nuovo Testamento ce ne sono tredici, ma solo sette sono attribuibili sicuramente a lui). Da queste lettere si ricavano importanti informazioni anche sulla sua vita, infatti gli studiosi si sono soffermati più su queste che su altro.

San Paolo

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Ci siamo impegnati per preparare questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Facci sapere cosa ne pensi:

13 Shares 581 views
Share via
Copy link
Powered by Social Snap