Leo Da Vinci, il cartone animato di Sergio Manfio piace ai ragazzi: in tv su Rai Gulp

Mentre Rai Uno continua a trasmettere le puntate del kolossal dedicato a Leonardo da Vinci, anche i ragazzi e i bambini hanno la possibilità di conoscere i prodigi di questo personaggio geniale che tutto il mondo ci invidia.

Ogni giorno, su Rai Gulp, alle 12.55, va in onda “Leo Da Vinci”, il cartoon del regista Sergio Manfio, che racconta le avventura di Leonardo Da Vinci. La serie cartoon sta avendo molto successo, anche grazie all’interesse che circola in questo periodo verso la figura del grande artista e scienziato vinciano.

Si dichiara soddisfatto Sergio Manfio, ideatore e regista del cartone animato interamente dedicato a Leonardo: “Mi riempie di soddisfazione il fatto che la nostra sia la prima e unica produzione per un target ragazzi. Pensando al personaggio principale della nostra serie non abbiamo plasmato un supereroe, bensì un ragazzo di 14 anni con i suoi problemi e le sue difficoltà, dotato di grande fantasia e creatività, come ci piace immaginare potesse essere il vero Leonardo.

Abbiamo quindi creato il suo gruppo di amici, prima fra tutti Lisa, una ragazzina che ha un ruolo fondamentale nel cartoon. Lisa non è la “spalla” di Leo, ma è l’assoluta co-protagonista delle storie. È lei che risolve i problemi, mettendo Leo di fronte alla realtà da cui egli tenderebbe ad allontanarsi…”.

Le puntate svelano alcuni particolari della vita di Leonardo in chiave avventurosa, e sono sicuramente l’occasione migliore per i bambini e  ragazzi per conoscere disegni, dipinti ed invenzioni che sono passati alla storia.

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Ci siamo impegnati per preparare questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Facci sapere cosa ne pensi:

1 Share 172 views
Share via
Copy link
Powered by Social Snap