Vaso di nasturzi e La Danza (opera di Henri Matisse)

Print Friendly

Vaso di nasturzi e La Danza” è un’opera di Henri Matisse realizzata nel 1912. Si tratta di un olio su tela di centimetri 190,5 x 114 custodito presso il Museo Puskin di Mosca.

Vaso di nasturzi e La Danza - Matisse - dettaglio del vaso
Il dettaglio del quadro in cui appare il vaso

Vaso di nasturzi e La Danza: il quadro

Su uno sfondo blu viene realizzato un particolare della danza: le danzatrici ruotano attorno a un vaso di fiori posato su un tavolo ligneo a tre piedi. In primo piano, si vede anche la sagoma di una sedia. Il movimento delle danzatrici è collegato a quello dei fiori, che scendono sinuosi dal vaso, come se accompagnassero il ritmo della danza.

Vaso di nasturzi e La Danza - Matisse
Vaso di nasturzi e “La Danza” (il quadro completo di Matisse, 1912)

L’opera fa sì che si realizzi un quadro nel quadro, tema dell’arte nell’arte, che non è nuovo: viene utilizzato infatti sin dal Quattrocento in Europa e messo in pratica anche dai pittori francesi dell’Ottocento. Matisse lo utilizza spesso nelle sue opere, in cui rimanda appunto ad altri quadri; lo fa in particolare nei dipinti con l’atelier e con la natura morta.  “Oggetto della pittura non è più descrivere la storia” diceva nel 1909 “poiché la si trova nei libri. Noi ne abbiamo un concetto più alto. Con la pittura l’artista esprime le proprie visioni interiori”, sottolineava Matisse. L’artista si serviva del colore “come mezzo per esprimere la mia emozione e non per riprodurre la natura”; in contemporanea si serve di una linea semplificata.







Nel 1910 l’artista francese realizzò “La Danza“, un quadro in cui è facile percepire le similitudini delle figure in movimento.

Henri Matisse, La Danza (1910)
La Danza (1910) quadro famoso di Henri Matisse

Vaso di nasturzi e La Danza” è una veduta dello studio di Matisse a Issy-les-Moulineaux, che si trova nella regione sud-occidentale di Parigi, tela dipinta dall’artista dopo un prolungato soggiorno in Marocco. È in questo periodo che Matisse orienta la sua arte in una ricerca formale cromatica e spaziale, diventando il promotore dello stile Fauve – Espressionista. Le immagini sono rappresentate da contorni lineari ben definiti, dai colori estremamente vivaci. La tecnica di Matisse si rifà a stesure “aplat” e al puntinato.

Tutto viene rappresentato sullo stesso piano, trasformando l’opera in una superficie con diversi motivi decorativi; ciò nonostante mantiene il suo stile lontano dall’arte astratta. Le sue opere esprimono la “gioia di vivere”, una costante in tutta la produzione dell’artista. Tutte caratteristiche che fanno di uno dei padri del Modernismo del XX secolo, un personaggio predominante del suo tempo.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Serena Marotta

Serena Marotta

Laureata in giornalismo, nata il 25 marzo 1976, Serena Marotta è anche scrittrice e poetessa. In passato ha collaborato con il "Giornale di Sicilia" e con "La Repubblica" e, attualmente, scrive articoli per il giornale "L'ora" e per questo sito, cura l'ufficio stampa della casa editrice Torri del Vento, del Caffè letterario Riso e dell'associazione Siciliae Mundi. Queste sono in sintesi, le notizie di base per redigere una qualunque biografia. Quello che non può essere né schematizzato né semplicemente elencato, è in primo luogo la passione che riversa in tutto ciò che fa. Il mondo osservato da due occhi verdi carichi di dolcezza e determinazione, una voce sublime che incanta, un’anima che grida attraverso parole che, considerati gli obiettivi che Serena è riuscita a raggiungere, assumono la caratteristica di concreti fatti.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante