Sant’Anna

Print Friendly, PDF & Email

Celebrata il 26 luglio, Sant’Anna è patrona della località spagnola di Mainar; invocata contro la sterilità coniugale e nei parti difficili, è protettrice delle nonne, delle madri e delle partorienti, in quanto madre di Maria e nonna di Gesù (non a caso negli ospedali molti reparti di ostetricia e ginecologia sono dedicati a lei).

Il suo culto è molto diffuso sia in Occidente che in Oriente; in Italia, sono molte le città ad averle dedicato una Chiesa. In Bretagna ella viene invocata per la raccolta del fieno. Inoltre, è considerata la patrona di tornitori, carpentieri, falegnami, ebanisti, minatori, bottai e orefici, poiché custodì Maria come fosse un gioiello in uno scrigno. Sant’Anna, inoltre, è patrona dei tessitori, dei fabbricanti di scope, dei commercianti di biancheria e dei sarti, poiché insegnò alla Vergine a tessere, cucire e pulire casa.

Sant'Anna
Sant’Anna

Vita di Sant’Anna

Figlia di Achar e sorella di Esmeria, madre di santa Elisabetta (e quindi nonna di Giovanni Battista), Anna si sposa con Gioacchino, un uomo benestante e virtuoso appartenente alla tribù del Regno di Giuda: il matrimonio, tuttavia, dopo vent’anni non ha ancora prodotto figli per colpa della sterilità di Gioacchino.

Così, mentre suo marito viene pubblicamente umiliato (gli viene proibito di effettuare sacrifici al tempio, visto che non ha dato figli a Israele) e si ritira tra i pastori nel deserto in preghiera, Anna, dopo aver implorato Dio a sua volta, riceve la visita di un angelo, che le annuncia il concepimento imminente di un figlio; lo stesso angelo contemporaneamente appare anche a Gioacchino in sogno.







Marito e moglie, ricongiuntisi, si incontrano vicino alla Porta Aurea di Gerusalemme, dove – secondo la tradizione medievale – un casto bacio dà vita al concepimento immacolato di Maria. Dopo la nascita di Maria, la famiglia vive vicino all’attuale Porta dei Leoni, a Gerusalemme, là dove si trovano i resti della piscina di Betzaeta nella parte a nord-est della città vecchia.

La piccola Maria viene cresciuta con amore dai genitori, pii e devoti a Dio che ha concesso loro quel dono: la bambina viene condotta a tre anni al Tempio di Gerusalemme, dove viene consacrata al suo servizio rispettando la promessa fatta da Anna e Gioacchino nel momento in cui avevano chiesto la grazia di un figlio. Rimasta vedova, Anna si sposa altre due volte, e ha due figli: la progenie che ne deriva viene considerata la Santa Parentela di Gesù, specialmente nei Paesi tedeschi. Sant’Anna muore intorno agli ottant’anni.

Il suo culto si diffonde in Oriente e, dopo le reliquie portate dalle Crociate, in Occidente. La prima manifestazione di culto risale al 550, quando Giustiniano fa costruire una chiesa in suo onore a Costantinopoli. Se è vero che nel Vangelo Gesù sottolinea che la pianta si riconosce dai frutti, dalla santità di Maria, cioè il frutto, si può dedurre la santità di Anna, sua madre.

Il nome di Anna, che in ebraico significa “grazia”, non è presente nei Vangeli canonici: a fare riferimento a lei, invece, sono i vangeli apocrifi che parlano della Natività e dell’Infanzia, tra cui il Protovangelo di San Giacomo è il più antico, essendo stato composto intorno alla metà del II secolo. Tali scritti non sono stati formalmente riconosciuti dalla Chiesa, e tuttavia hanno influenzato in maniera considerevole la liturgia e la devozione corrente. Molte delle notizie in essi contenute, come l’Assunzione al cielo o la Presentazione al tempio di Maria, vengono infatti considerate in linea con la tradizione e pertanto autentiche.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante