La nascita del giornale “la Repubblica” di Eugenio Scalfari

Print Friendly, PDF & Email

Il giornale italiano “la Repubblica” nacque nel 1976 da una intuizione del suo fondatore Eugenio Scalfari

Il quotidiano la Repubblica nasce a Roma il 14 gennaio 1976 dall’intuizione di Eugenio Scalfari, già direttore de “L’Espresso” con lo scopo di fare di “Repubblica” un quotidiano che includesse in sé uno spirito moderno. Uno spirito proprio dei settimanali, grandi laboratori del linguaggio giornalistico italiano, dalla narrazione leggera e romanzata, tipici degli anni Cinquanta e Sessanta.

la Repubblica - giornale - primo numero - 1976
la Repubblica, il primo numero del 14 gennaio 1976

Il debutto in edicola

Così, a metà del mese di gennaio del 1976, il nuovo quotidiano debutta in edicola. “la Repubblica” è una testata che si presenta come quotidiano di approfondimento, dichiaratamente di sinistra, che esce in edicola dal martedì alla domenica. Il suo è un formato più piccolo, cioè è un tabloid, composto da una foliazione di 20 pagine circa, con l’inconsueta novità della terza pagina, che è riservata al paginone centrale.

nascita del quotidiano la Repubblica
Gli uomini che diedero vita al nuovo giornale “la Repubblica”: al centro c’è Eugenio Scalfari. Sulla sinistra (il primo in piedi) è il celebre vignettista Giorgio Forattini.

Lungimirante l’intuizione dei titoli: si trasforma sia nel formato sia nel lessico, con caratteri bodoniani, quindi i caratteri con le grazie, che differiscono dai bastoni utilizzati dagli altri quotidiani. Altra differenza: poiché i titoli sono più grandi, la lunghezza è di venti battute e di conseguenza nasce l’esigenza del gioco di parole, rendendo il titolo accattivante e d’impatto per il lettore.

Eugenio Scalfari
Eugenio Scalfari

L’imposizione di Eugenio Scalfari per i titoli è quella di dotarli di una loro metrica, ovvero renderli recitabili, cantabili. Un’altra novità riguarda la vignetta, inizialmente collocata nella pagina dei commenti, poi in prima pagina. Primo vignettista del nuovo giornale è Giorgio Forattini. La vignetta, priva di scritte, “doveva parlare da sola“. La scelta del nome della testata? Nasce invece dalla volontà di fare di “Repubblica” un giornale nazionale.

I primi successi: 1978

I primi veri successi di vendita arrivano dopo due anni dalla nascita, ossia nel 1978, quando Piero Ottone lascia il Corriere della Sera per entrare a far parte del quotidiano. È l’anno in cui l’Italia è sconvolta dal caso Moro e il quotidiano mostra una linea politica ferma e coerente, condannando la scelta della trattativa. Successivamente, nel 1979, arriva il pareggio di bilancio e una tiratura di 180.000 copie. Inoltre aumenta la foliazione e viene aggiunto lo sport.

Ciò fa de la Repubblica il rivale del Corriere: i due giornali si contenderanno a lungo il primato tra i giornali italiani. Nel 1985 il quotidiano vende in media 373.000 copie circa, superando La Stampa e aggiudicandosi il posto come secondo quotidiano d’Italia.

Gli anni Ottanta e la nascita dei supplementi

Negli anni Ottanta arrivano anche le prime strategie di vendita con i supplementi. Nasce nel 1986 il supplemento Affari & Finanza, poi, nel 1987 nasce Il Venerdì.

Nel 1986 per festeggiare i dieci anni dalla nascita e dalla prima uscita in edicola, esce l’opera Dieci anni 1976/1985. Si tratta di dieci fascicoli in carta patinata, uno per ogni anno di pubblicazione, che riproducono molti articoli originali.







A lanciare l’iniziativa editoriale è uno spot pubblicitario che ottiene un buon successo: protagonista è uno studente universitario che acquista il quotidiano in un’edicola. E ancora, dopo dieci anni, lo stesso giovane, diventato ormai uomo, stringe in mano il giornale, lo stesso, e si vede che nel frattempo ha fatto carriera, diventando il manager di una grande azienda.

Nel 1989 l’editore Carlo De Benedetti, diventa l’azionista di maggioranza della testata (attraverso la CIR – Compagnie Industriali Riunite).

Gli anni Novanta: Ezio Mauro diventa il nuovo direttore

Negli anni Novanta esce anche il numero del lunedì. La prima pagina diventa a colori. Ma la grossa novità è che Eugenio Scalfari lascia la direzione della testata a Ezio Mauro. Mauro con molta dignità e coerenza raccoglie il testimone, in un momento veramente difficile per il Paese e rende il quotidiano una testata nazionale.

Ezio Mauro
Ezio Mauro

Ezio Mauro aveva iniziato la sua carriera giornalistica nel 1972 collaborando con la Gazzetta del Popolo di Torino e occupandosi in particolare del terrorismo nero degli anni di piombo.

La nascita di Repubblica.it

Nel 1996 nasce anche il sito web, in versione sperimentale, proprio in occasione delle elezioni politiche di aprile. Un anno dopo, il quotidiano lancia il sito web ufficiale della testata giornalistica: repubblica.it, che in poco tempo diventa il più importante sito di informazione italiana. È il 14 gennaio 1997 e ad annunciare l’arrivo ufficiale del giornale telematico è Eugenio Scalfari.

la Repubblica Logo
Il Logo la Repubblica e quello del sito repubblica.it

Gli anni Duemila: Repubblica si rinnova con le pagine a colori

Negli anni Duemila ‘Repubblica’ continua a rinnovarsi. Viene inserito il colore in ogni pagina ed escono i supplementi mensili XL e Velvet. Con Ezio Mauro nascono una serie di iniziative Repubblica Radio Tv, che ha anche una diretta televisiva.

Le Rubriche

Nascono e si diffondono con successo nuove rubriche: L’amaca curata da Michele Serra dove commenta un fatto del giorno. Bonsai a cura di Sebastiano Messina che con ironia commenta i fatti politici recenti. Carta canta sul sito Repubblica.it di Marco Travaglio che punta a mostrare le incongruenze di personaggi politici, mettendo a confronto vecchie e nuove dichiarazioni. E poi: la Notte dei Gufi e Scalfari risponde per rispondere ai lettori, poi chiusa nel 2006.

Le edizioni locali

Il quotidiano la Repubblica ha realizzato in dieci diverse località d’Italia le edizioni locali. Esse sono: Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Parma, Roma e Torino.

Gli anni 2010

Tra i più recenti e importanti cambiamenti vi è il nuovo cambio di direttore, nel 2016. Ezio Mauro lascia la direzione del quotidiano italiano al nuovo direttore Mario Calabresi, figlio del commissario Luigi Calabresi, assassinato nel 1972, quando il piccolo Mario aveva solo due anni.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Serena Marotta

Serena Marotta

Laureata in giornalismo, nata il 25 marzo 1976, Serena Marotta è anche scrittrice e poetessa. In passato ha collaborato con il "Giornale di Sicilia" e con "La Repubblica" e, attualmente, scrive articoli per il giornale "L'ora" e per questo sito, cura l'ufficio stampa della casa editrice Torri del Vento, del Caffè letterario Riso e dell'associazione Siciliae Mundi. Queste sono in sintesi, le notizie di base per redigere una qualunque biografia. Quello che non può essere né schematizzato né semplicemente elencato, è in primo luogo la passione che riversa in tutto ciò che fa. Il mondo osservato da due occhi verdi carichi di dolcezza e determinazione, una voce sublime che incanta, un’anima che grida attraverso parole che, considerati gli obiettivi che Serena è riuscita a raggiungere, assumono la caratteristica di concreti fatti.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante