La vita variopinta (quadro famoso di Kandinsky)

Print Friendly, PDF & Email

La vita variopinta” del pittore russo Vasilij Kandinsky è un grande dipinto a tempera del 1907, centimetri 130 x 162,5, conservato a Monaco, presso la Stadtische Galerie im Lenbachhaus. Ciò che colpisce l’occhio dell’osservatore a prima vista è la grande vivacità cromatica: ottenuta con una tecnica simile a quella del mosaico, attraverso l’accostamento di molteplici pennellate di colore puro e una netta separazione dei colori. Questa tecnica permette di individuare i vari protagonisti della scena.

Kandinsky  (1907) - Vita variopinta - Colorful life
Kandinsky: La vita variopinta (Colorful life, 1907)

La vita variopinta: il quadro

Al centro, è rappresentato un vecchio che cammina lentamente appoggiato al suo bastone, che diventa il fulcro del suo equilibrio e dell’intera composizione. Di fronte a lui, c’è una mamma che abbraccia il suo bambino e dal modo in cui è abbigliata si intuisce subito che si tratta di una Madonna con il Bambino. Questa figura dà alla parte centrale della rappresentazione una parvenza di scena sacra.







Kandinsky: Vita variopinta - dettaglio
Vita variopinta: un dettaglio del celebre quadro di Kandinsky

Nella parte destra notiamo invece un giovane che suona il flauto e ai suoi piedi un gatto bellissimo, realizzato con pochi colori. Nella parte opposta, quella sinistra, troviamo un sacerdote ortodosso e accanto a lui un mendicante, mentre sullo sfondo ci sono i guerrieri in combattimento, anche questi molto variopinti. Contro un invisibile nemico si scaglia anche un cavaliere con la spada sguainata, lanciato sul suo cavallo in corsa per combattere contro il male. In fondo troviamo gli alberi, una chiesa e un cimitero.

Descritta sullo sfondo, nella campagna russa, un probabile ricordo del viaggio di studio fatto da Kandinsky nella provincia della Vologda nel 1889: un giovane insegue giocosamente una fanciulla, mentre sulla cima del monte è rappresentata una città fortificata.

La rievocazione del mondo russo, anche se in chiave fiabesca, continua a essere presente nell’immaginario pittorico dell’artista anche molti anni dopo il suo trasferimento a Monaco. “La vita variopinta” della Russia del passato diventa un’allegoria della vita e della morte, con i suoi drammi e le sue gioie, con il buio della guerra e la luce dell’amore, la paura della morte e la fede nella resurrezione.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Loading...
Serena Marotta

Serena Marotta

Laureata in giornalismo, nata il 25 marzo 1976, Serena Marotta è anche scrittrice e poetessa. In passato ha collaborato con il “Giornale di Sicilia” e con “La Repubblica” e, attualmente, scrive articoli per il giornale “L’ora” e per questo sito, cura l’ufficio stampa della casa editrice Torri del Vento, del Caffè letterario Riso e dell’associazione Siciliae Mundi. Queste sono in sintesi, le notizie di base per redigere una qualunque biografia. Quello che non può essere né schematizzato né semplicemente elencato, è in primo luogo la passione che riversa in tutto ciò che fa. Il mondo osservato da due occhi verdi carichi di dolcezza e determinazione, una voce sublime che incanta, un’anima che grida attraverso parole che, considerati gli obiettivi che Serena è riuscita a raggiungere, assumono la caratteristica di concreti fatti.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante