La stanza di Van Gogh ad Arles

Print Friendly, PDF & Email

La stanza di Van Gogh ad Arles è stata dipinta da Vincent Van Gogh nel 1889. E’ un olio su tela di 57, 5 x 74 cm ed è attualmente esposto al museo d’Orsay di Parigi. Questo dipinto è il terzo realizzato dall’artista sulla propria stanza e, rispetto agli altri due, è più piccolo.

La camera da letto di Van Gogh ad Arles: opera del 1889
La stanza di Vincent Van Gogh ad Arles è uno dei più celebri quadri dell’artista olandese. Realizzato nel 1889, è indicato anche come “La camera di Vincent ad Arles” oppure “La camera da letto di Vincent Van Gogh ad Arles”

Il primo quadro dedicato a questo tema è conservato nel museo Van Gogh di Amsterdam, ma a causa di un successivo danneggiamento, l’artista ne realizzò altri due: quello che vediamo e un altro della stessa dimensione del primo e che attualmente è conservato nell’Art Institute di Chicago.







La stanza di Van Gogh: analisi e descrizione dell’opera

Van Gogh, attraverso l’utilizzo dei colori, vuole esprimere la tranquillità della sua stanza. I toni cromatici costituiscono una sorta di percorso visivo, che descrive e unisce le singole parti della sua camera da letto. Le pareti lilla chiaro, il pavimento rosso slavato, le sedie e il letto giallo acceso, cuscini e lenzuolo verde chiaro, la coperta rossa, il catino azzurro e la finestra verde scuro, sono parti che si integrano per richiamare un unico stato d’animo e per ricordare la caducità della vita. La stanza, infatti, è vuota e ricorda la presenza-assenza dell’artista.

I diversi toni cromatici e l’utilizzo coraggioso e originale dei colori, servono per comunicare ciò che la stanza regala al pittore: tranquillità e riposo. Secondo quanto scrive Van Gogh al fratello Theo, la decisione di dipingere la sua stanza in questo modo, si rifà alle stampe giapponesi e al modo in cui gli orientali consideravano la loro stanza da letto.

Al di là di questa curiosa relazione con la cultura domestica giapponese, il quadro mostra un’abile combinazione di colori e superfici, che si integrano perfettamente controllando visivamente la prospettiva assolutamente instabile della stanza.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Fulvio Caporale

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale è nato a Padova e vive a Milano. Laureato in Scienze Politiche svolge la professione di consulente editoriale e pubblicitario. Collabora con case editrici e giornali cartacei e online occupandosi di libri, arte ed eventi culturali. Ha tradotto testi letterari e tecnici dallo spagnolo, dal portoghese, dall'inglese e dal catalano.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante