Strade extraurbane principali e strade extraurbane secondarie, differenze

Quando si guida o semplicemente andando in giro per commissioni o al lavoro, si ha a che fare con termini come strade extraurbane principali e strade extraurbane secondarie. Quasi sempre le percorriamo in modo automatico senza soffermarci a pensare quali siano le caratteristiche di ognuna. E troppo spesso non ricordiamo le differenze studiate ai tempi della scuola guida. (State annuendo?)

In generale, la “strada” (ovvero l’area ad uso pubblico destinata alla circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali) può essere distinta a seconda delle sue caratteristiche funzionali, tecniche e strutturali. Vediamo di seguito le due definizioni per classificare correttamente le strade extraurbane principali e quelle secondarie.

Strade extraurbane principali

Le strade extraurbane principali sono diverse rispetto a quelle secondarie perché presentano una diversità strutturale dovuta ad una maggiore grandezza.

Questo tipo di strade è caratterizzato da carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico invalicabile. Sono strade dotate di corsie di accelerazione / decelerazione ed hanno spazi eventuali per sostare con il proprio mezzo.

Il limite sulle strade extraurbane è di 110 km/h per le automobili, i camion e le moto. Bisogna prestare attenzione perché sono strade riservate solo ad alcune categorie di veicoli a motore e bandite per altri: ad esempio non vi possono transitare motocicli di cilindrata inferiore ai 150 cc e mezzi come biciclette e pedoni sono severamente vietati.

Strade

Strade extraurbane secondarie

Le strade extraurbane secondarie, come può essere facilmente intuibile dal nome, sono molto più piccole rispetto a quelle principali.

Presentano una singola carreggiata a doppio senso di marcia e possibili intersezioni laterali o passaggi a livello.
A differenza delle extraurbane principali, il limite di velocità su questo tipo di strade si abbassa a 90 km/h e sono abilitate al transito di tutte le tipologie di veicoli a motore. Non manca poi anche la circolazione di biciclette e, in casi eccezionali, addirittura il transito pedonale è ammesso.

Se volete continuare la lettura sull’argomento “strade”, vi consigliamo una selezione di celebri frasi, citazioni e aforismi dedicate proprio alle strade.

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999 (dal secolo scorso). Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia birre e formaggi. Aiuta anche le persone a posizionarsi sul web raccontando la loro storia. Puoi metterti in contatto con lui su Instagram, LinkedIn, Twitter, Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap