I gladiatori: divi e sex symbol dell’Antica Roma

Print Friendly, PDF & Email

Nella società dell’Antica Roma, che considerava il coraggio come la massima virtù, i gladiatori hanno rappresentato nell’Impero Romano i primi divi e hanno costituito un modello d’immagine per tutti i romani: quello dell’eroe, del superuomo. Per queste ragioni alcuni di loro sono diventati veri e propri divi al pari dei nostri calciatori di oggi, ammirati dagli uomini e desiderati dalle donne.

gladiatori
Gladiatori: considerati divi nella società dell’Antica Roma

I gladiatori dell’Antica Roma, combattenti con la spada romana “Gladius”, erano prigionieri di guerra, schiavi o condannati a morte, ma talvolta erano anche uomini liberi attratti dalla notorietà, dalle ricompense e dalla gloria. Chi sceglieva di diventare gladiatore veniva considerato “infamis” per legge; ma se aveva successo nell’arena, diventava un eroe, carico di ricompense e pagato molto più di un generale dell’esercito.

Il Gladiatore
Il Gladiatore, locandina del film del 2000

I gladiatori sono figure imponenti, incutono paura e rispetto. Il momento del loro ingresso nell’arena viene sempre vissuto con grande trepidazione da parte degli spettatori. I combattimenti all’interno dell’arena seguono regole ferree, con il pubblico che partecipa con estrema intensità ed emozione, applaudendo il vincitore e invocando il più delle volte una conclusione sanguinosa, del combattimento.

I gladiatori che vincevano, venivano spesso premiati con oggetti d’oro, denaro e godevano di immensa popolarità. Alcuni gladiatori si trovavano a ricoprire tale ruolo solo per denaro, altri perché attratti dalle sfide, altri per trovarsi una collocazione dignitosa all’interno della società romana e lasciarsi così alle spalle, lo stato di povertà.

Tra i gladiatori divenuti eroi si ricordano: Spartaco, Crixo ed Enomao. Spartaco è stato il famoso gladiatore romano che capeggiò la rivolta degli schiavi, infatti venne soprannominato “lo schiavo che sfidò l’impero“. Crixo fu condottiero gallico e leader della ribellione degli schiavi durante la Terza guerra servile assieme a Spartaco ed Enomao. Enomao è stato uno dei tre capi ribelli della terza guerra servile. Anche il mondo del cinema li ha da sempre considerati veri e propri sex symbol, ultima pellicola della lunga serie dedicata ai ”forti uomini di Roma” , “Il gladiatore”, film del 2000 diretto da Ridley Scott e interpretato da Russell Crowe.

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999 (un millennio fa!). Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Instagram, LinkedIn, Twitter, Facebook.

Ci siamo impegnati per preparare questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Facci sapere cosa ne pensi: