Vecchia città II (opera di Kandinsky)

Print Friendly

Il quadro “Vecchia città II” del pittore russo Vasilij Kandinsky rappresenta un paesaggio reale. Si tratta di un’opera realizzata a Monaco nell’anno 1902. L’opera è un olio su tela, che misura 52 x 78,5 centimetri, ed è esposto a Parigi presso il Musée national d’Art moderne, Centre Georges Pompidou.

Kandisnky: Vecchia Città II (1902)
Vecchia Città II (Kandisnky, 1902)

In quest’opera la luce proveniente da destra illumina quasi a infuocare la stradina, su cui passeggia placidamente una donna con abito lungo e copricapo, e i tetti delle case sullo sfondo, i cui comignoli sembrano “guardarsi negli occhi”.

L’intensità della luce crea anche forti ombre e un cangiantismo dei colori, accentuato nella vegetazione e nei tetti delle case.







Questo importante dipinto del periodo impressionista di Kandinsky nasce dai ricordi di un viaggio a Rothenburg, piccola cittadina bavarese sul fiume Tauber. Così lo stesso artista ricorda quella circostanza:

Fu un viaggio fuori dalla realtà. Mi sembrava che una sorta di incantesimo mi trascinasse di secolo in secolo, contro le leggi naturali, nella profondità del passato. Lasciai alle spalle la stazioncina irreale e attraverso i campi mi avviai verso la porta della città. Rivedo quella porta, le tombe, le case i cui comignoli si stringevano sopra i vicoli e si guardavano, gli occhi negli occhi, fin nel profondo”.

Vecchia città II è dunque la rappresentazione di un paesaggio reale, visto da Kandinsky, ma che diventa nei suoi ricordi qualcosa di magico, un viaggio fantastico attraverso i secoli, grazie a una sorta di incantesimo che lo trascina nel passato. E’ infatti in questi primi anni del secolo XX – che sono anche i primi anni della sua attività artistica – che Kandinsky descrive nei suoi quadri un’atmosfera fiabesca.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Serena Marotta

Serena Marotta

Laureata in giornalismo, nata il 25 marzo 1976, Serena Marotta è anche scrittrice e poetessa. In passato ha collaborato con il "Giornale di Sicilia" e con "La Repubblica" e, attualmente, scrive articoli per il giornale "L'ora" e per questo sito, cura l'ufficio stampa della casa editrice Torri del Vento, del Caffè letterario Riso e dell'associazione Siciliae Mundi. Queste sono in sintesi, le notizie di base per redigere una qualunque biografia. Quello che non può essere né schematizzato né semplicemente elencato, è in primo luogo la passione che riversa in tutto ciò che fa. Il mondo osservato da due occhi verdi carichi di dolcezza e determinazione, una voce sublime che incanta, un’anima che grida attraverso parole che, considerati gli obiettivi che Serena è riuscita a raggiungere, assumono la caratteristica di concreti fatti.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante