Terapia di coppia per amanti, libro di Diego De Silva

Print Friendly

lui lei l’altra e viceversa

questa volta diegodesilva non racconta dell’avvocato malinconico (vincenzo, malinconico) che a me piasce tanto, ma affronta un tema diverso. terapia di coppia per amanti – einaudi, 2015 parla di lui che sta con lei, di lei che sta con lui, ed entrambi sono sposati con altre persone, prole a carico.

Terapia di coppia per amanti - libro - Diego De Silva
Terapia di coppia per amanti, la copertina del libro di Diego De Silva (Einaudi, 2015)

non si tratta di una storia di corna, si tratta proprio di una storia d’ammòre tra due persone che ops, sono già impegnate. lui e lei con l’altro e l’altra di contorno dove però l’altro e l’altra sono i coniugi reali, che in questo libro stanno un po’ ai margini, a contorno appunto, ma non come le patate al forno che sono un po’ il pezzo principale anche se accompagnano il secondo, sono un po’ come quell’insalatina sciapa sotto le seppie grigliate che la mangi solo se hai ancora fame e manco la puoi condire perché non ti portano il sale.

dire la mia sull’adulterio è difficile. sono davvero poco coerente all’apparenza, ne parlavo giusto recentemente in ufficio. la fedeltà non è genetica, è qualcosa a cui ci siamo adattati. se fosse genetica non ci sarebbero casi di infedeltà, o ce ne sarebbero meno.
da parte mia, scelgo di essere fedele ma è una scelta dettata dalla razionalità, non completamente naturale. come scelgo di non mangiare 5 pizze a sera, ma non perché non mi vadano, solo perché so che per un tot di motivi è meglio non lo faccia. ma se lo facessi? ma se qualcun altro lo facesse? chi sono io per giudicare? nessuno. ma nessuno proprio, ognuno fa le proprie scelte che non sono manco giuste o sbagliate, sono scelte.

era notte e gli era squillato il telefono e il giorno dopo avevo visto che c’era il nome roby. strano, che roby il suo amico di rapallo gli facesse uno squillo alle 2 di notte. allora dai dimmi [ridendo] chi è roby, davvero?
il gelo.
sono passati quanti, 13 anni? ma io la sua faccia ancora me la ricordo. è diventato verde. poi bianco. poi ha balbettato. e io non ci credevo ma invece sì.
ma se vuoi continuiamo a stare insieme eh, basta che chiudi con lei. 
ma io sono innamorato di entrambe.
ma vatteneunpoaffanculo, piglia i tuoi vestiti e vattene da questa casa. ti auguro di stare bene con lei. [poi in realtà no, lei l’ha scaricato subito. ma anni dopo lui ha trovato quella che secondo me è davvero sempre stata il sogno della sua vita e hanno una bimba e io sono davvero contenta per loro].
andava avanti da 6 mesi e uno dice ma sarai cretina che non ti sei accorta? non mi sono accorta perché era sempre con me, tutte le sere, compleanni, natali. e poi cazzo se era bello. come poteva uno bello così stare con me. e infatti, appunto.
ah quindi lei c’era quella sera a settala quando siamo andati a sentire quel gruppo che suonava. maronna se sei stato bravo a fare finta di niente.
oh, pazienza.







siamo 6miliardi e più sulla terra, è statisticamente impossibile che l’anima gemella viva in un raggio di qualche centinaio di km da noi, abbia l’età della ragione e voglia stare con noi. le nostre vite di coppia, è tutto scelto, è razionale.
credi nell’ammòre annina? ma va, io credo solo nelle cose che vedo o che spiego razionalmente.
ma stai bene col tuo moroso? sì certo, ma c’è anche una percentuale di scelta mia.

d’altro canto, sono gelosissima. ma facciamola breve, non è una questione di fedeltà qui, è una questione di autostima, di sicurezza in me stessa. non andare con altre ti prego perché vorrebbe dire che io non valgo abbastanza, che non sono, abbastanza.

i protagonisti del libro “terapia di coppia per amanti” di de silva io non lo so se sono davvero innamorati. ma di nessuno potrei dire è innamorato, perché appunto non ci credo. posso solo dire che lei è un po’ una cagacazzi e lui  un po’ come me, sdrammatizza per non crollare. me lo diceva sempre la sara, non fare ironia sulle cose che ti fanno stare male. ma è l’unico modo in cui so affrontarle.
i due finiscono da un terapista, che poi vabbe’, situazioni un pochino surreali che mi hanno convinto poco. ma mi è parsa l’ennesima richiesta di prova d’ammòre da parte di lei a lui. perché quando stai con uno che non puoi avere sempre, a volte tendi a chiedere di più. è una sottospecie del regalo di indennizzo.
de silva usa la narrazione a più voci e la questione degli amanti secondo me per scrivere una storia d’ammòre secondo i suoi canoni. almeno non è scontata.
secondo me però de silva l’ammòre l’aveva detto benissimo in mancarsi, qualche anno fa.

però mangiare 5 pizze sarebbe bellissimo vero?







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Arlec

Arlec

giro le pagine - solo così posso andare avanti è il nome della rubrica di arlec. arlec legge perché le piace. nella sua rubrica ci sono note sparse su quello che legge, che non sono proprio recensioni, ma pensierini.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante