Latte scremato e latte intero: differenze

Print Friendly, PDF & Email

Il latte è visto come elemento fondamentale nella nostra alimentazione. Anche se a detta di alcuni esperti di alimentazione, questo tipo di bevanda può risultare quasi “dannosa” per la salute, se si considera che la maggioranza della gente risulta essere, da adulta, intollerante a questo alimento. In questo articolo facciamo chiarezza su quali sono le principali differenze tra latte intero e latte scremato.

Indianapolis: per tradizione il vincitore alla fine della gara beve del latte
Per tradizione il vincitore della 500 miglia di Indianapolis beve del latte

Latte intero

Il latte intero è una bevanda ricca di grassi ed è sostanzialmente più nutriente rispetto al latte scremato. Il latte intero presenta un contenuto di grassi che non risulta mai inferiore al 3,5%. Ciò perché non viene sottoposto al procedimento della centrifugazione che permette di eliminare i grassi.

E’ una bevanda meno digeribile rispetto al latte scremato tuttavia risulta più gustoso al palato. Il latte intero è caratterizzato da proteine, provitamina A, B1, B12 e fosforo, che sono un toccasana per l’organismo. In generale è ricco di vitamine e sali minerali. Si tratta di una bevanda consigliata ai bambini, agli adolescenti e alle donne fra i 24 e i 45 anni, nonché a tutti i soggetti che praticano regolarmente attività sportive.

Dalle tabelle dei valori nutrizionali che troviamo sulle confezioni, possiamo leggere che 100 g di latte intero contengono 3,1 g di proteine. Tra queste vi sono la caseina e la lattoalbumina.Latte intero o latte scremato







Latte scremato

Il latte scremato è privo di grassi. Viene reso tale grazie a un processo che viene chiamato centrifugazione. Questo procedimento permette di eliminare le particelle più pesanti (materiale grossolano e parte delle cellule somatiche) che sedimentano sul fondo, e vengono allontanate. Le parti più leggere vengono separate (scrematura). Il latte scremato è quasi privo di grassi: si parla di un livello medio inferiore allo 0,3%.

La scrematura viene effettuata ad  una temperatura di circa 55 °C. Questa condizione termica permette la completa separazione della parte grassa, ovvero la panna. Più lungo è il processo di centrifugazione, migliore è la separazione della porzione grassa del latte.

Si tratta di un alimento considerato dietetico e indicato per i soggetti che vogliono introdurre poche calorie dalla somministrazione della bevanda. Il latte scremato è anche indicato per soggetti che possiedono problemi di ipercolesterolemia. Contiene poche vitamine liposolubili A e D.

Latte parzialmente scremato

Il latte può essere anche parzialmente scremato. Si indica così quando la percentuale di grasso è compreso è tra 1,5 e 1,8%.

I dati e i valori si riferiscono al normale latte di mucca (o latte vaccino). Esiste poi la possibilità di bere bevande alternative come il latte di capra. Oppure vegetali, come il latte di riso o di soia (solitamente scelto da vegani e vegetariani). Non si beve invece il latte di maiale: sai perché?







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante