Paesaggio con torre (opera di Kandinsky)

Print Friendly, PDF & Email

Paesaggio con torre” del pittore russo Vasilij Kandinsky è un olio su cartone del 1908, di centimetri 75 x 98,5 conservato a Parigi presso il Musée national d’Art moderne, Centre Georges Pompidou. È l’anno in cui Kandinsky si ritira a Murnau.

Kandinsky: Paesaggio con torre (1908)
Paesaggio con torre (1908), quadro di Kandinsky – Olio su tela, 75×98,5 cm – Centro Pompidou, Parigi

Qui la sua pittura subisce una trasformazione: l’artista abbandona i toni temperati del periodo “impressionista” di “Vecchia città II”, di “Coppia a Cavallo” e de “La vita variopinta”. Anche la tavolozza si scurisce e i colori diventano densi e pastosi, distribuiti con tocchi energici che sembrano ricordare Van Gogh.

Kandinsky inizia a utilizzare anche supporti molto scuri, come ad esempio il cartone catramato, che conferiscono all’insieme un aspetto buio.







Paesaggio con torre: il quadro

Il quadro Paesaggio con torre rappresenta una torre sulla sinistra, dove il comignolo si fonde nell’oscurità del cielo fatto di un blu che in alcuni punti diventa nero. Nel cielo scuro spiccano le nuvole bianche e leggere. Nella parte di sotto, la composizione è composta da un bosco fitto, i cui colori variano dal verde al nero, che copre quasi completamente la costruzione sulla parte sinistra, da cui si innalza imperiosamente la torre. I colori di questa piccola foresta nera contrastano con i campi arati che impongono in primo piano la luminosità del giallo e del rosso.

L’artista russo arriva così ad una pittura fatta di masse di colore contrapposte, questo è reso possibile dall’utilizzo di una gamma cromatica che va dai colori chiari e luminosi a quelli scuri e tenebrosi. L’artista così facendo abbandona il dato oggettivo della rappresentazione per dare invece forma alle proprie sensazioni soggettive.

A questi risultati l’artista arriva dopo aver meditato a lungo sull’uso del colore fatto dai fauves e dai nabis, uno studio che aveva fatto durante il suo soggiorno parigino, raggiungendo tuttavia soluzioni stilistiche che sono paragonabili a quelle dell’Espressionismo tedesco, anche se le sue opere non sono mai pervase dal senso tragico che caratterizza gli esponenti della Brucke (Il Ponte).







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Serena Marotta

Serena Marotta

Laureata in giornalismo, nata il 25 marzo 1976, Serena Marotta è anche scrittrice e poetessa. In passato ha collaborato con il "Giornale di Sicilia" e con "La Repubblica" e, attualmente, scrive articoli per il giornale "L'ora" e per questo sito, cura l'ufficio stampa della casa editrice Torri del Vento, del Caffè letterario Riso e dell'associazione Siciliae Mundi. Queste sono in sintesi, le notizie di base per redigere una qualunque biografia. Quello che non può essere né schematizzato né semplicemente elencato, è in primo luogo la passione che riversa in tutto ciò che fa. Il mondo osservato da due occhi verdi carichi di dolcezza e determinazione, una voce sublime che incanta, un’anima che grida attraverso parole che, considerati gli obiettivi che Serena è riuscita a raggiungere, assumono la caratteristica di concreti fatti.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante