Dieta Dukan: il medico e la tendenza

Print Friendly, PDF & Email

Pierre Dukan è il guru della dieta più famosa del mondo. Sono circa due anni che tutte le riviste di benessere parlano di questo medico, del suo regime dimagrante iperproteico, della radiazione dall’albo e anche del successo strepitoso che ha avuto il suo libro di ricette. Dukan in pochissimo tempo da dottore anonimo è diventato un caso mediatico ed editoriale, merito anche di una signorina molto famosa. Kate Middleton ha seguito la dieta Dukan per prepararsi alle nozze con il principe William. Il risultato? Un ritorno d’immagine che non ha investito solo la futura regina d’Inghilterra, ma anche Pierre Dukan.

Dieta Dukan, la copertina del libro
Dieta Dukan, la copertina del libro

Nella primavera del 2012, però, dopo una lunga polemica, il nutrizionista francese è stato radiato dall’Ordine dei medici. A chiedere la radiazione è stato proprio Dukan: una mossa molto intelligente per evitare alcune sanzioni disciplinari (Dukan infatti è in pensione già da 4 anni e da un punto di vista professionale la radiazione non cambia più nulla). L’associazione dei medici francesi lo accusa di sfruttare la professione a fini di lucro e i dietologi d’Europa, in prima linea sempre i francesi seguiti dai britannici, sostengono che la sua dieta faccia sì dimagrire, ma non sia salutare.

Chi è Pierre Dukan?

È un nutrizionista attivo da più di 30 anni, molto noto nel suo Paese. Ha alle spalle 19 opere, la più famosa è “La dieta Dukan”, che ormai è considerata un best seller. Il suo metodo dimagrante è stato tradotto in 14 lingue, diffuso in oltre 30 Paesi (tra cui anche l’America, la Russia e la Corea) e i seguaci (soddisfatti dei risultati) sono una vera miriade.

Pierre Dukan
Pierre Dukan

La sua dieta è strutturata in 4 fasi fin da subito:







  1. la prima è quella d’attacco (dura dai 3 ai 10 giorni) e dà immediati risultati, perché sfrutta 72 alimenti a base di proteine pure ed è obbligatorio bere almeno 1,5 litri di acqua iposodica.

  2. Poi c’è la fase di crociera (durata: una settimana per ogni chilo da perdere), che dovrebbe permettere al corpo di raggiungere un peso giusto. In quest’arco di tempo l’alimentazione deve alternare giornate di Pure Proteine alimentari (dette “giornate PP”) e giornate di Proteine accompagnate dalle 28 Verdure raccomandate (dette “giornate PV”) da Dukan.

  3. Poi c’è il consolidamento, che dura circa 10 giorni (per ogni chilo smaltito) e serve, come si può intuire, a consolidare i risultati e a portare il paziente verso un’alimentazione più equilibrata. Si possono introdurre progressivamente degli alimenti di piacere con due pasti definiti di gala.

  4. Infine, la stabilizzazione che si basa su tre regole, ovvero mai più senza crusca d’avena (alimento fondamentale della dieta), un giorno a settimana solo proteine pure (ovvero il programma della fase d’attacco) e tutti i giorni almeno 30 minuti di camminata. Questa tecnica dovrebbe servire a non recuperare i chili persi e, soprattutto, a evitare quello che in gergo viene chiamato effetto yo-yo e condanna le persone che seguono le diete fai-da-te non solo a riprendere peso, ma riprenderlo con gli interessi.

Pierre Dukan non è un semplice nutrizionista. È un uomo di marketing e per rendere fattibile la sua dieta, ovviamente, ha realizzato un ricettario (vendutissimo). Ma c’è di più. Chi sceglie di seguire i suoi principi ha a disposizione, online, un servizio di coaching. È necessario iscriversi al sito dietadukan.it e rispondere a un questionario con 80 domande mirate per avere un tutor personalizzato.

Attraverso la tecnologia EARQ (E-mail Andata Ritorno Quotidiana) ogni mattina si possono ricevere i consigli di Dukan, le consegne alimentari con i menu tra cui scegliere e gli esercizi fisici per la giornata. Ogni sera, il paziente deve inviare un resoconto con i risultati e le difficoltà della giornata. Inoltre, Dukan è disponibile in chat durante alcune ore della giornata per rispondere direttamente a tutte le curiosità.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante