Zanna Bianca (Jack London): riassunto

Print Friendly

Zanna Bianca” è forse il più famoso romanzo scritto dall’autore statunitense Jack London, pubblicato la prima volta a puntate, tra maggio ed ottobre del 1906. L’opera di Jack London è considerata tra i maggiori classici della letteratura per ragazzi. Vengono narrate le vicende di un lupo chiamato appunto Zanna Bianca. Il romanzo è ambientato nell’America settentrionale, tra l’Alaska ed il Canada.

Zanna Bianca - Jack London - 1906 - riassunto
Jack London, “Zanna Bianca” (1906)

Analisi

L’autore esprime il punto di vista degli animali, descrivendo il modo con cui essi vedono il mondo circostante e soprattutto gli uomini. Jack London descrive in modo dettagliato il violento mondo selvaggio in cui vige la regola “la legge del bastone e della zanna”, affiancato subito all’altrettanto mondo violento della cosiddetta civiltà umana. Il libro è composto da 182 pagine divise in tre parti e in quattro macrosequenze, caratterizzate dall’entrata in scena di nuovi personaggi che arricchiscono il racconto.

Il narratore è esterno e racconta in modo minuzioso i fatti e la vicenda del protagonista, Zanna Bianca. La trama è molto simile ad un’altra opera dello stesso autore, ovvero “Il richiamo della foresta” (del 1903). Dato il successo dell’opera, “Zanna Bianca” è stato tradotto in moltissime lingue e ha avuto anche numerose trasposizioni cinematografiche, tra le più recenti quella del 1994.

Zanna Bianca - film 1973 - Franco Nero
Zanna Bianca, locandina del film del 1973, con Franco Nero e Virna Lisi

Riassunto del libro

Nel libro vengono narrate le vicende del protagonista principale, un piccolo lupacchiotto selvaggio che si chiama Zanna Bianca e dei suoi inseparabili amici. Nella prima parte, si raccontano le vicende di due cercatori d’oro, Henry e Bill, che, dopo un lungo viaggio alla ricerca dell’oro nel Klondike, nella taiga canadese, tentano di tornare a casa con una slitta trainata da sei cani. I due si trovano in assoluta difficoltà quando devono fronteggiare un branco di lupi, tra cui anche la lupa Kiche (incrociata con una cagna che metterà al mondo Zanna Bianca). Il momento è terribile: Bill e quattro cani vengono uccisi e divorati dai lupi, mentre Henry viene salvato prontamente da un’altra spedizione che corre in suo aiuto.







Nella seconda parte del libro, viene descritto il momento della caccia alle alci da parte dei lupi e quello dei combattimenti tra i maschi per il corteggiamento della lupa alfa, di nome Kiche. A spuntarla sarà Guercio, un lupo cieco da un occhio per gli innumerevoli combattimenti, che diventerà il compagno di Kiche. La lupa dà alla luce sei cuccioli, ma solo uno di essi sopravvive alle avverse condizioni climatiche, Zanna Bianca.

Vengono inoltre narrati i primi istanti di vita del piccolo lupacchiotto, la sua voglia di vivere e la sua conoscenza del mondo indiano. Durante una delle sue esplorazioni, il piccolo lupo sfortunatamente incontra una comitiva di cinque indiani, capitanati da Castoro Grigio che si impossessa sia del lupacchiotto che della madre. Castoro Grigio dà a quest’ultimo il nome di Zanna Bianca, perché il piccolo possiede delle zanne bianchissime data la sua giovanissima età, quando di solito gli animali le hanno gialle per aver sbranato le loro prede. A quel punto Zanna Bianca diventa utile per i lavori da svolgersi nelle foreste dell’Alaska, da parte degli indiani. Kiche invece viene venduta e scompare dal romanzo.

Zanna Bianca passa un’infanzia molto dura: maltrattato dai cani del campo indiano (e in particolare dal capo-slitta Lip-Lip, un husky) che vedono in lui solo un lupo. In seguito, Castoro Grigio porta Zanna Bianca a Fort Yukon, per cederlo ad uno dei cercatori d’oro, Smith il Bello. L’uomo si appropria di Zanna Bianca con l’inganno e lo vuole trasformare in un cane da combattimento. Le peripezie del povero lupo non sono finite ed è costretto a combattere proprio come un vero cane da combattimento fino a quando un potente bulldog, di nome Cherokee, tenta di ucciderlo e di soffocarlo con la mascella. Interviene in sua difesa un uomo, Weedon Scott, che, minacciando di denunciare i loschi affari di Smith il Bello, salva da una morte certa Zanna Bianca. Per fortuna, la sua vita sembra cambiare in meglio.

Weedon Scott si prodiga a riammaestrare Zanna Bianca per far diminuire la sua aggressività. L’uomo, infatti, avverte che il male fatto al lupo era un debito contratto dall’uomo. Weedon decide perfino di portarlo con sé in California, in un clima molto insolito per i lupi dell’Alaska. Qui Zanna Bianca impara a vivere in città e le regole della tenuta del giudice Scott, padre di Weedon. A questo punto, Zanna Bianca diventa un perfetto cane da guardia e riesce pazientemente a convivere con i cani di casa, la femmina di cane pastore Collie, che si accoppia con lui, e il levriero Dick.

Jack London
Jack London, autore del celebre romanzo per ragazzi “Zanna Bianca”

Finale del romanzo

Nel finale del romanzo di Jack London, Zanna Bianca riesce a salvare la vita al padre di Weedon, ex-giudice in pensione, da un pericoloso assassino, Jim Hall, che quest’ultimo aveva condannato proprio nell’ultimo periodo della sua attività lavorativa. L’uomo, evaso dal carcere, tenta di uccidere il padre di Weedon ma arriva in sua difesa Zanna Bianca, che rimane però gravemente ferito. Il finale del libro si rivela però lieto: Zanna Bianca riesce a riprendersi grazie alle cure della famiglia di Weedon e si rallegra del fatto che la sua amata Collie ha appena dato alla luce alcuni cuccioli. La conclusione del romanzo vede la celebrazione di Zanna Bianca eroico e dei suoi cuccioli che prendono il sole con lui, tutti insieme riposando sotto il sole che domina la valle.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante