I fratelli Montgolfier

Print Friendly

Joseph Michel e suo fratello Jacques Etienne Montgolfier sono considerati gli inventori della “mongolfiera”. Nati ad Annonay, nei pressi di Lione (Francia) i due fratelli Montgolfier appartengono ad una ricca famiglia che possiede una fabbrica per la lavorazione della carta.

I fratelli Montgolfier presentano la Mongolfiera a Versailles
I fratelli Montgolfier presentano la Mongolfiera a Versailles

I due sono caratterialmente diversi: sognatore e geniale Joseph, più pratico e portato agli affari Etienne. Quest’ultimo si dedica per lo più all’attività familiare, introducendo innovazioni tecnologiche nella lavorazione del prodotto, tanto che la fabbrica diventa ben presto un modello per tutte le altre del settore della carta.

Tra i due Joseph è da considerarsi la “mente”: pare sia stato lui ad ipotizzare la possibilità di costruire un pallone aerostatico in grado di volare grazie all’aria calda. Mentre osserva un falò, Joseph si rende conto che alcune parti del fuoco si sollevano verso l’alto, giungendo alla conclusione che il fuoco contiene un gas dotato di una caratteristica peculiare, la “levità”. I suoi esperimenti cominciano nel 1782, mentre si trova ad Avignone. Sulla base di questi, Joseph costruisce un contenitore in legno ricoperto di un leggero tessuto di taffettà. Accendendo un falò di carta nella parte inferiore del contenitore, Joseph vede che questo si solleva in aria, urtando infine contro il soffitto.

Jacques Étienne Montgolfier
Jacques Étienne Montgolfier

Dopo questo esperimento anche Etienne si convince che il progetto è vincente, e si mette a lavorare con il fratello alla realizzazione del primo aerostato ad aria calda. L’apparecchio costruito viene fatto volare il 14 dicembre 1782, ma il volo ha la durata di pochi metri. Successivamente le dimostrazioni in pubblico dei fratelli Montgolfier vengono accolte con grande curiosità ed entusiasmo. Il primo volo in pubblico del nuovo apparecchio funzionante ad aria calda avviene il 4 giugno 1783, ad Annonay. Stavolta il volo riesce perfettamente, e la notizia arriva anche a Parigi, dove Etienne si reca per confermare la paternità della loro scoperta.







Un modello della Mongolfiera presente al London Science Museum
Un modello della Mongolfiera presente al London Science Museum

Intanto comincia a circolare qualche perplessità circa gli effetti del volo in alta quota sugli esseri viventi. A questo proposito il re Luigi XVI emana un bando per vietare qualsiasi volo con persone a bordo, almeno fino a quando non fossero chiare le conseguenze di questo sugli animali. I fratelli Montgolfier presentano l’aerostato a Versailles, alla presenza del re Luigi XVI e della Regina Maria Antonietta, il 19 settembre 1783. I primi aeronauti della mongolfiera sono una pecora, un’oca ed un gallo, collocati in un cesto appeso alle corde del pallone.

Anche questa volta il volo è piuttosto instabile, ed il pallone dopo essere decollato si inclina su di un lato. Per fortuna gli animali a bordo vengono recuperati senza riportare alcuna conseguenza. Alla dimostrazione di Versailles assiste anche Pilatre de Rozier, che si candida ad essere il primo uomo a salire a bordo di una mongolfiera.

Ottenuto questo risultato, i due fratelli si mettono subito al lavoro per costruire un aerostato in grado di volare con un equipaggio umano. Il primo volo libero si realizza il 21 novembre 1783: il marchese d’Arlandes e Pilatre de Rozier si innalzano a circa 100 metri di altezza, sorvolando la capitale francese. La storica impresa viene celebrata dappertutto con grande entusiasmo. Lo stesso Etienne sale a bordo della “creatura” da lui inventata, ma solo una volta. Per la loro scoperta i fratelli Montgolfier vengono nominati membri straordinari nell’Accademia delle Scienze di Parigi.

A seguito della scoperta dell’idrogeno, avvenuta nel 1766, parallelamente agli esperimenti di Montgolfier con l’aria calda, si comincia a sperimentare l’aerostato a gas di idrogeno. Si instaura una vera e propri competizione tra i due pur validi sistemi, ma alla fine prevale l’idrogeno. Ed infatti la trasvolata della Manica viene compiuta con un pallone ad idrogeno, il 7 gennaio 1785.

Record moderni

Il 14 settembre 1984 per la prima volta un uomo, l’americano Joseph Kittinger, attraversa con una mongolfiera l’Oceano Atlantico. Un altro importante traguardo viene realizzato il 3 luglio 2002 da Steve Fossett, che compie il giro della terra in mongolfiera, in solitaria.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante