La stanza rossa (Armonia in rosso), di Henri Matisse

Matisse dipinse Armonia in rosso (La stanza rossa) fra il 1908 e il 1909. Si tratta di un olio su tela di ampie dimensioni, 180 x 220 cm, che attualmente è esposto all’Hermitage di San Pietroburgo, in Russia. E’ uno dei quadri più famosi di Henri Matisse in cui il rosso domina sulla tela inglobando la prospettiva e non permettendo una chiara distinzione tra linee verticali e orizzontali. E’ una caratteristica di questo periodo, che ritroviamo in altri quadri di Matisse del periodo fauve, utilizzare elementi cromatici intensi e disegni decorativi che annullano quasi completamente lo spazio.

Armonia in rosso - La stanza rossa
Henri Matisse: Le chambre rouge (Harmonie rouge, 1908)

Proprio questo aspetto dona all’occhio una sensazione di calma e di serenità. Oltre al rosso i colori dominanti sono il verde, il blu e il giallo che completano un quadro la cui visione trasmette un piacevole equilibrio e una diffusa armonia di colori, spazi e prospettiva.

Durante la prima stesura del dipinto il verde predominava sulla tela e il titolo del quadro era Armonia in verde. Nel 1908 Matisse cambia idea e decide di ridipingerla utilizzando il blu e  vende il dipinto al collezionista russo Sergej Sukin, il titolo a questo punto cambia e diventa Armonia in blu.

Matisse espone il quadro al Salon d’Automne ma non è ancora soddisfatto e decide in modo definitivo di ridipingere parte della tela con un rosso acceso che ne cambierà per sempre il titolo in Armonia in rosso.

Ci siamo impegnati per scrivere questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Se ti è stato utile, lascia un messaggio in fondo.

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale è nato a Padova e vive a Milano. Laureato in Scienze Politiche svolge la professione di consulente editoriale e pubblicitario. Collabora con case editrici e giornali cartacei e online occupandosi di libri, arte ed eventi culturali. Ha tradotto testi letterari e tecnici dallo spagnolo, dal portoghese, dall'inglese e dal catalano.

Ci siamo impegnati per preparare questo articolo. Speriamo ti sia piaciuto. Facci sapere cosa ne pensi: