I Soliti Idioti

Print Friendly

I Soliti Idioti sono Fabrizio Biggio (nato il 27 giugno del 1974 a Firenze) e Francesco Mandelli (nato il 3 aprile del 1979 a Erba, in provincia di Como). I due si conoscono a Mtv, dove tra il 2000 e il 2001 fanno parte del programma “Mtv Mad”: in questa trasmissione, condotta da Gip, Biggio e Mandelli (soprannominato “Nongio”) fingono di essere dei telespettatori dello show.

I soliti idioti
I soliti idioti: il duo è composto da Francesco Mandelli (a sinistra) e Fabrizio Biggio (a destra)

I due si ritrovano poi nel 2004, presentando il programma comico “Mtv Pets Show”, mentre nel 2005 recitano nella sitcom “Mtv Bathroom”.

I primi sketch

A partire dal 2009 creano la serie di sketch “I soliti idioti”. Lo show si propone come un omaggio alla commedia italiana (il titolo stesso richiama il film cult “I soliti ignoti”) e intende ironizzare e prendere in giro lo stereotipo dell’italiano medio.

Ispirato da “Little Britain”, una serie comica inglese, lo sketch show proposto da Biggio e Mandelli si basa su una comicità grottesca e a volte volgare. La prima serie si compone di dieci episodi, e va in onda ogni sabato sera dal 28 febbraio al 25 aprile del 2009, dalle dieci e mezzo.

I soliti idioti: due personaggi
I soliti idioti: due personaggi

Molti degli episodi trattano questioni scottanti quali la prostituzione, l’eutanasia e la crisi economica, ma anche la visione dell’omosessualità e la politica. Anche per questo motivo sin dalla prima stagione talvolta lo show viene criticato per la sua spudoratezza e la sua volgarità, oltre che per la dissolutezza morale di alcuni protagonisti che vengono messi in scena.

La seconda e la terza stagione

Dopo il successo ottenuto dalla prima stagione, Biggio e Mandelli tornano al lavoro per realizzarne una seconda: i primi tre episodi che la compongono vengono mostrati nel luglio del 2009 in occasione del Roma Fiction Fest per la categoria fuori concorso Sit-com.

I soliti idioti sono: Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio
I soliti idioti sono: Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio

In televisione, la seconda stagione, che conta su guest star come Rocco Tanica e Paola e Chiara, viene proposta dal 18 febbraio al 18 aprile del 2010, per un totale di quattordici episodi.

A partire dal mese di febbraio del 2011, I Soliti Idioti tornano su Mtv con la terza stagione del programma: anche in questo caso non mancano le guest star: ancora Rocco Tanica, ma anche Giulia Michelini (nello sketch del mafioso) e Gianmarco Tognazzi. La serie va in onda dal 16 febbraio al 31 marzo del 2011, per quattordici episodi complessivi.







I soliti idioti: il film

Sempre nel 2011, I Soliti Idioti debuttano al cinema con il film “I soliti idioti – Il film” diretto da Enrico Lando e sceneggiato, oltre che da Biggio e Mandelli, anche da Martino Ferro, che è anche autore della serie tv.

Le riprese avvengono tra il mese di luglio e il mese di settembre in Lombardia e a Roma, e il film viene distribuito nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 4 novembre: per promuoverlo, Biggio e Mandelli partecipano a diverse trasmissioni televisive, da “Amici” a “Colorado”, passando per “X Factor” e “Le Iene”, dove vengono sottoposti a un’intervista doppia.

La commedia, prodotta dalla Taodue di Pietro Valsecchi, vede la partecipazione – tra gli altri – di Miriam Leone, Rocco Tanica, Maurizia Cacciatori, Cristina Del Basso, Valeria Bilello e Francesco Sarcina. “I soliti idioti – Il film” si rivela un ottimo successo di pubblico: solo nel primo week-end di programmazione supera abbondantemente i quattro milioni di euro di incasso, e il guadagno complessivo al botteghino è di circa dieci milioni e mezzo di euro; la commedia è il film italiano più visto tra settembre e novembre, nonostante le pesanti contestazioni sollevate dalla critica.

A febbraio del 2012 I Soliti Idioti sono protagonisti di una discussa apparizione al “Festival di Sanremo”: nel corso della loro esibizione, andata in scena nella seconda serata, propongono lo sketch della coppia omosessuale fingendo di sposarsi in una cerimonia celebrata da Gianni Morandi, conduttore del Festival.

I soliti idioti a Sanremo
I soliti idioti a Sanremo

Lo sketch, tuttavia, nelle ore seguenti viene stigmatizzato da più parti, con alcune associazioni LGBT che prendono posizione contro I Soliti Idioti. Mentre Gay Center parla di un’offesa alla comunità gay, Arcigay evidenzia una situazione “vergognosa”, e l’Associazione genitori di omosessuali sottolinea la “gravità offensiva” del tutto.

La stagione finale e il nuovo film

Nell’aprile seguente, in ogni caso, Mandelli e Biggio tornano nei panni dei Soliti Idioti su Mtv per la quarta e conclusiva stagione dello sketch show, che vede la partecipazione di Francesco Renga, Benedetta Parodi, Rocco Siffredi, Piero Chiambretti, Teo Teocoli, Fabio Caressa e Madalina Ghinea.

Lo show viene proposto dal 26 aprile al 7 giugno del 2012, con quattordici puntate in totale. A giugno, invece, Biggio e Mandelli iniziano a girare il loro secondo film, intitolato “I 2 soliti idioti”, che viene distribuito nelle sale dal 20 dicembre e che incassa al botteghino poco meno di nove milioni di euro.

Prodotta sempre da Taodue, diretta sempre da Enrico Lando e sceneggiata sempre da Ferro, Biggio e Mandelli, la commedia vede nel cast i Club Dogo, Rosita Celentano, Teo Teocoli e Gianmarco Tognazzi.

Cantanti a Sanremo

Il 14 dicembre del 2014 Carlo Conti, nel corso della trasmissione di Raiuno “L’Arena”, rende noto che I Soliti Idioti saranno tra i concorrenti del “Festival di Sanremo” del 2015 nella categoria Big: torneranno sul palco dell’Ariston, questa volta in gara, per cantare il brano “Vita di inferno”.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante