Cassius Clay contro Sonny Liston

Print Friendly, PDF & Email

E’ il 25 febbraio 1964 quando Cassius Clay, a soli 22 anni, vince il titolo di campione del mondo dei pesi massimi. Il suo avversario Sonny Liston, campione in carica, all’ottava ripresa, con il volto tumefatto, dice ai suoi collaboratori che non ce la fa più e abbandona.

Cassius Clay contro Sonny Liston
25 febbraio 1964: Cassius Clay sconfigge Sonny Liston e diventa campione del mondo dei pesi massimi a soli 22 anni

La vittoria inaspettata e trionfale mette Clay sul podio dei campioni della boxe e gli permette di entrare nel mito dell’arte nobile. Dopo la vittoria Cassius Clay euforico grida “ho scosso il mondo” e se ne va, lasciando i suoi compagni a festeggiare una vittoria che entrerà nella storia non solo dello sport.

Clay Liston vittoria
Cassius Clay e il suo staff esultano per la vittoria contro Sonny Liston

Durante la notte il pugile eccentrico e un po’ pazzo incontra Malcolm X e il giorno dopo, ad una sala gremita di giornalisti, dichiara di essersi convertito all’Islam. Dopo dieci giorni, il 6 marzo, il suo nome viene cambiato: abbandona il nome di Cassius Clay e diventa Muhammad Alì per volere di Elijah Muhammad, capo spirituale della Nazione dell’Islam e padre spirituale di Malcolm X, organizzazione afroamericana che si ispirava alle leggi dell’Islam.

Malcolm X e Cassius Clay: la vicinanza tra i due era cosa nota
Il leader politico afroamericano Malcolm X

Da quel momento le sue azioni e il suo pensiero influiranno sulla storia dei diritti civili statunitensi e il suo modo di agire avrà un peso completamente diverso. Cassius Clay era considerato, fino ad allora, un pugile di talento ma dal comportamento bizzoso e incontrollabile: spesso era additato come uno sbruffone e un pagliaccio.







Tuttavia dopo la sua adesione all’Islam e la sua battaglia contro il potere e a favore dei diritti delle persone di colore, l’opinione pubblica ha dovuto ricredersi, spesso dovendo fare i conti con un carisma da leader politico.

Una settimana prima dell’incontro il Miami Herald aveva intervistato il padre di Clay, che preoccupato aveva descritto il figlio come una vittima dell’organizzazione di Malcolm X. In seguito l’intervista sarebbe stata smentita ma già si era a conoscenza della vicinanza fra i due.

Di fatto l’intervista genera scompiglio e molti tifosi restituiscono i biglietti del match. Per gli organizzatori è una tragedia e anche gli esponenti della Nazione dell’Islam cercano di non alimentare le polemiche, perché capiscono l’importanza di quell’incontro e quali possano essere le conseguenze della vittoria di Clay.

Prima dell’incontro la stampa è contro di lui: viene dato perdente, il suo avversario è considerato superiore in tecnica e velocità. Sonny Liston è più anziano ma è quasi imbattibile: figlio di un mezzadro è il tredicesimo di venticinque figli, non sa né leggere né scrivere; la mafia ne gestisce gli incontri ma è una bestia di muscoli e cattiveria e può solo vincere: così pensano in molti. Ma si sbagliano.

Cassius Clay (Muhammad Ali) in piedi e Sonny Liston al tappeto
Una celebre foto che ritrae la cattiveria agonistica di Cassius Clay contro Sonny Liston, al tappeto.

Cassius Clay colpisce duramente, resiste e riattacca fino a quando Liston non ce la fa più e getta la spugna. E’ da quel giorno che nasce il mito di Muhammad Ali insieme a un nuovo capitolo della storia americana.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Fulvio Caporale

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale è nato a Padova e vive a Milano. Laureato in Scienze Politiche svolge la professione di consulente editoriale e pubblicitario. Collabora con case editrici e giornali cartacei e online occupandosi di libri, arte ed eventi culturali. Ha tradotto testi letterari e tecnici dallo spagnolo, dal portoghese, dall'inglese e dal catalano.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante