Perché maschi e femmine hanno nei vestiti abbottonature differenti?

Print Friendly

Maschi e femmine hanno nei vestiti abbottonature differenti per varie ragioni. Secondo una prima teoria, inizialmente l’abbottonatura era tutta posta in quello che oggi consideriamo il modo femminile, pare però che nel periodo medioevale gli uomini l’abbiano invertita perché avevano la cucitura sulla parte destra del vestito e potevano così sbottonarsi più facilmente con la sinistra, tenendo libera la mano destra, pronta per sfoderare la propria arma.

Abbottonature maschili e abbottonature femminili
Le allacciature dei bottoni sono differenti per gli abiti maschili e per quelli femminili: le motivazioni sono diverse e alcune ipotesi risalgono fino al Medioevo.

Inoltre ciò permetteva loro anche di non impigliarsi con l’allacciatura della camicia. Da lì in poi, camicie, bluse ed altri indumenti che avevano la chiusura a bottoni cominciarono ad avere l’allacciatura posta sul lato destro.







Mami allaccia il corsetto a Rossella O' Hara
Una famosa scena tratta dal film Via col vento (1939): Mami allaccia il corsetto a Rossella O’ Hara

Secondo un’altra teoria invece le abbottonature maschili sarebbero differenti da quelle delle donne, poiché i primi erano soliti vestirsi da soli mentre le donne, di un certo rango, solitamente usavano farsi vestire dalle dame di compagnia o dalle cameriere. In questo modo, l’abbottonatura femminile, risultava più pratica in considerazione del fatto che qualcun altro dovesse allacciare o slacciare i bottoni.

Tale differenza potrebbe dipendere non solo da ragioni storiche ma anche da scelte sartoriali e stilistiche che tendono a classificare e differenziare gli abiti maschili da quelli femminili. Tale tradizione e costume è arrivata anche fino ai giorni nostri e tutti i capi maschili hanno i bottoni sulla destra e le asole sulla sinistra, mentre quelli femminili, al contrario, hanno i bottoni a sinistra e le asole a destra. Ad oggi è diventata un’abitudine sartoriale irrinunciabile.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante