Lo sbarco di Anzio (operazione Shingle)

Print Friendly, PDF & Email

Lo sbarco di Anzio avvenne il 22 gennaio del 1944. Il nome in codice dell’operazione fu codificato con il termine Shingle. Si trattò di un’operazione militare fondamentale per la conquista dell’Italia da parte degli Alleati e fu decisa il 25 dicembre del 1943 da Winston Churchill e Franklin Delano Roosevelt in un incontro avvenuto nella città di Cartagine. L’attaccò fu comandato dal generale John P. Lucas. Lo scopo era quello di aggirare le truppe dell’Asse che erano schierate sulla linea Gustav e conquistare Roma.

22 gennaio 1944: Lo sbarco di Anzio, operazione il cui nome in codice fu: Shingle
Operazione Shingle: Lo sbarco di Anzio avvenne il 22 gennaio 1944. Nelle prime ore dell’operazione gli Alleati non incontrarono forti resistenze da parte delle truppe germaniche ma nei giorni seguenti restarono bloccati dalla controffensiva tedesca.

Inoltre la missione aveva lo scopo di alleggerire la pressione dell’esercito Alleato che da settimana contrastava i tedeschi nella battaglia per liberare l’Italia. L’idea dei comandanti alleati era quella di tagliare le linee di rifornimento dei tedeschi che approvvigionavano le loro truppe sulla linea Gustav, per fare ciò impiegarono un ampio dispiegamento di uomini e mezzi. Parteciparono all’operazione, che iniziò il 22 gennaio alle 2.00 del mattino, la VI armata comandata dal generale Lucas, che era formata dalla 45ª divisione di fanteria comandata dal generale W. Eagles, dalla 1ª divisione corazzata, dalla 3ª divisione di fanteria e da alcuni reparti inglesi, fra cui la 1ª divisione comandata dal generale Penney.

Inoltre i mezzi impiegati furono: sei navi da trasporto, quattro incrociatori e ventiquattro cacciatorpediniere, oltre a mezzi anfibi e da sbarco di varie dimensioni. Il contingente sbarcò da Tor San Lorenzo al comune di Nettuno. Gli anniversari dello sbarco, infatti, si celebrano sia ad Anzio che a Nettuno. La popolazione venne evacuata già dal 1943.

Lo sbarco di Anzio - cartina
Lo sbarco di Anzio – cartina con il dettaglio dei luoghi

I mezzi e gli uomini impiegati fanno comprendere quanto, per il comando alleato, fosse importante questa operazione. La velocità dello sbarco di Anzio avrebbe dovuto mettere in crisi la difesa tedesca, che non si aspettava questo attacco. Tuttavia, la lentezza nel rafforzare la testa di ponte diede ai tedeschi un vantaggio temporale insperato. Il terreno, infatti, dove le truppe di terra anglo-americane furono sbarcate, era stato per diversi giorni bombardato al fine di indebolire la difesa tedesca. Le forze germaniche, comandate dal generale Kesselring, erano composte da due battaglioni, pertanto il loro destino era segnato se non ci fossero stati rallentamenti da parte delle forze alleate.

Verso mezzogiorno arrivarono altre truppe anglo-americane. A questo punto il generale Lucas disponeva di 50.000 uomini. La sua offensiva sarebbe stata micidiale per i tedeschi se non si fosse, come si è detto, soffermato troppo a lungo a rafforzare la testa di ponte.

Quando, infatti, Lucas decise di attaccare, il 29 gennaio 1944, utilizzando tutte le sue forze, si trovò di fronte non più due battaglioni ma la 14ª armata comandata dal generale Eberhard von Mackensen. I tedeschi bombardarono Anzio, distruggendo gran parte del porto e danneggiando la città. La retroguardia anglo-americana continuò a sbarcare fino al 31 gennaio del 1944.







Scontri si ebbero a Moletta, Cisterna e Campoleone, dove i tedeschi utilizzarono una buona tattica difensiva. A Cassino gli Alleati guadagnarono posizioni ma il 2 febbraio il Comando generale ordinò a Lucas di fermarsi e di organizzare le difese del territorio conquistato. Il 3 febbraio, il generale von Mackensen, ordinò un pesante attacco nella zona di Campoleone. Il 6 febbraio i tedeschi attaccarono la VI armata a Carroceto e ad Aprilia. Entrambe le posizioni vennero raggiunte e i tedeschi riuscirono a respingere gli anglo-americani, i quali risposero il 15 febbraio con un’intensa controffensiva, che portò alla distruzione dell’Abazia di Montecassino.

Nel frattempo ad Anzio gli Alleati subivano una serie di sconfitte che li costrinse a ritornare sulle linee del 29 gennaio. Il generale Lucas venne rimosso e al suo posto fu nominato il generale Lucian Truscott.

Lo sbarco di Anzio - rievocazione storica
Fotografia di una recente rievocazione storica dello Sbarco di Anzio

L’offensiva Alleata venne realizzata in questo modo:

Il 18 maggio Monteccassino venne aggirata. Il 23 maggio venne sferrato un attacco dalla 5ª Armata Usa e dall’8ª armata britannica, contro la linea Senger. Mentre ad Anzio iniziava l’Operazione Buffalo che vedeva tutte le truppe impegnate in una controffensiva totale.

Dopo un intenso bombardamento le truppe di terra si mossero rapidamente ma la resistenza tedesca si dimostrò migliore di quello che gli Alleati immaginavano.

Comunque, mentre i tedeschi tenevano nel territorio di Anzio, le truppe anglo-canadesi sfondavano la Linea Senger. Gli alleati conquistarono Pontecorvo, Terracina, sfondando in direzione di Velletri. L’accerchiamento era quasi completo e a questo punto anche ad Anzio i tedeschi iniziarono a lasciare le loro posizioni. Iniziava così il ripiegamento delle truppe tedesche verso la Linea Gotica, mentre gli americani avanzavano velocemente in direzione di Roma, dove entrarono il 4 giugno del 1944.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Loading...
Fulvio Caporale

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale è nato a Padova e vive a Milano. Laureato in Scienze Politiche svolge la professione di consulente editoriale e pubblicitario. Collabora con case editrici e giornali cartacei e online occupandosi di libri, arte ed eventi culturali. Ha tradotto testi letterari e tecnici dallo spagnolo, dal portoghese, dall’inglese e dal catalano.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante