Sorpresa! (o Tigre in una tempesta tropicale): opera di Henri Rousseau

Print Friendly, PDF & Email

Uno dei dipinti più rappresentativi della pittura di Henri Rousseau a soggetto esotico è “Sorpresa! (o Tigre in una tempesta tropicale)”. Si tratta di un dipinto ad olio su tela delle dimensioni di 128 x 61,9 cm realizzato dal pittore nel 1891 e attualmente conservato nella National Gallery di Londra. È il primo di una lunga serie di dipinti ambientati in giungle rigogliose e perfino irreali, popolate da animali.

Sorpresa - Tigre in una tempesta tropicale - Henri Rousseau - 1891
Sorpresa! (o Tigre in una tempesta tropicale) • Quadro famoso di Henri Rousseau, realizzato nell’anno 1891

Sorpresa! (o Tigre in una tempesta tropicale): analisi del quadro

La scena principale è caratterizzata dalla presenza di una tigre che, durante una tempesta tropicale nella giungla, è intenta nel balzare addosso ad una preda. Il fine del pittore era quello di mostrare il pericoloso animale indomito, in un momento saliente dove esprime tutta la sua forza, rappresentandolo in un inquietante ambiente naturale.







Nel realizzare la sua tigre, il pittore utilizza come modello la riproduzione di un vecchio disegno a pastello realizzato in precedenza da Eugene Delacroix e quella di un gatto domestico, riproducendolo sulla tela, dopo aver dipinto la giungla, con l’ausilio di un pantografo (strumento che permette di riprodurre disegni in scala diversa). Grazie a ciò, la tigre sembra essere sospesa sopra la vegetazione, donandoci un effetto surrealistico.

Tigre - Sorpresa - dettaglio del quadro di Henri Rousseau - 1891
Il dettaglio della Tigre

Da sfondo, possiamo ammirare i grandi rami degli alberi e gli alti cespugli. Le piante della giungla, invece, sono realizzate prendendo come spunto rami di piante visti in vaso. Gli effetti decorativi dei motivi vegetali ripetuti, tramite l’intenso fogliame ondeggiante al vento, sono probabilmente ispirati ai bidimensionali disegni degli arazzi medievali o di miniature persiane. L’intera superficie dell’opera è solcata da striscioline di vernice semitrasparente grigio-bianca che mettono in luce l’andamento diagonale della pioggia e dei fulmini che illuminano il cielo, diventato ormai scuro.

Alla sua presentazione il dipinto suscitò l’ironia da parte della critica di quel tempo, che schernì Rousseau per le sue limitate capacità tecniche, evidenziando l’incongruenza della vegetazione, senza capire che il tutto, era solo frutto della sua straordinaria fantasia artistica.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Loading...
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante