Perché il procione viene detto “orsetto lavatore”?

Print Friendly, PDF & Email

Il procione, od orsetto lavatore, è un mammifero appartenente alla famiglia dei Procionidi (una famiglia dell’ordine dei Carnivori), che da adulto arriva ad una taglia di media lunghezza, compresa la coda, di circa 150 centimetri, e che vive negli Stati Uniti, nell’America centrale e nel Canada meridionale. Oltre alla zona dell’America Settentrionale, possiamo trovare il procione anche in alcune zone dell’Europa.

Un procione
Il procione è chiamato anche “orsetto lavatore

Perché viene chiamato orsetto lavatore?

Questo grazioso animaletto abita prevalentemente sugli alberi ma all’occorrenza si nasconde e sparisce anche sottoterra. Quando l’animale si trova in cattività, si può osservare il curioso comportamento di mettere nell’acqua o sfregare nell’erba il cibo, quasi a lavarlo o pulirlo, tenendolo saldamente con le zampette anteriori che sembrano delle vere e proprie piccole mani. Da qui nasce la definizione di “orsetto lavatore”.







Orsetto lavatore
Un orsetto lavatore fotografato da vicino

Il piccolo mammifero si ciba prettamente in buona parte di invertebrati, piccoli roditori, crostacei, pesci e vegetali. Non è del tutto scientificamente convincente l’idea che il procione immerga il cibo nelle pozze d’acqua al fine di lavarlo. I procioni che vivono in cattività lavano il cibo in modo più frequente se la pozza d’acqua non dista più di tre metri da loro. Secondo diversi studi effettuati, tale comportamento non è stato invece riscontrato negli esemplari selvatici che vivono in libertà: loro catturano il cibo ma non lo portano mai ad una pozza d’acqua vicina, ne tanto meno lo sfregano nell’erba per pulirlo.

Secondo recenti studi di zoologia, si pensava che il procione, dato che non disponeva di un’adeguata salivazione per inumidire il cibo, dovesse bagnarlo nelle pozze d’acqua per ammorbidirlo e facilitarne la consumazione, ma tale teoria si è rilevata infondata. L’abitudine di “lavare” il cibo da parte degli animali in cattività, potrebbe derivare da un’azione istintiva fatta dal procione che imita la ricerca delle prede e del cibo lungo le rive dei fiumi, questo a detta degli studiosi.

In ultimo, come è stato evidenziato da vari zoologi, alcuni cibi sarebbero lavati più soventemente rispetto ad altri. Indipendentemente dalla veridicità delle varie teorie, l’orsetto lavatore rimane un animale simpatico e dal comportamento particolare, che suscita curiosità, non solo da parte degli zoologi.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante