Perché si dice: in bocca al lupo ?

Print Friendly

Vi siete mai chiesti quale sia l’origine dell’espressione in bocca al lupo, utilizzata spesso per augurare buona fortuna in occasione di eventi particolari (quali per esempio un esame, una visita medica, un avvenimento importante)?

Lupo
Da dove deriva il detto “In bocca al lupo” ?

In realtà il modo di dire in bocca al lupo, che oggi è usato comunemente in senso scaramantico per augurare la buona sorte alla persona cui lo rivolgiamo, si presta a numerose e diverse interpretazioni.

Anticamente l’allevamento di bestiame, insieme all’agricoltura, era l’unica forma di sostentamento. Gli allevatori e i pastori utilizzavano questo modo di dire per indicare che il lupo è il nemico numero uno per gli animali.

Per i cacciatori, invece, l’espressione “in bocca al lupo” era l’equivalente di “buona caccia”, proprio perché consideravano questo animale pericoloso anche per gli uomini. In realtà il lupo è piuttosto schivo e riservato, e raramente arriva ad attaccare l’uomo o a fargli del male se non per difendersi.

La risposta che si è soliti dare, “crepi il lupo” è una consuetudine più recente, e deriva dalla circostanza che per affrontare questo animale ci vuole audacia e fortuna.

C’è chi ritiene che il detto in bocca al lupo sia di origine greca e significa: “Prendi la strada giusta”, la cui risposta è appunto “la prenderò”.







In bocca al lupo

In bocca al lupo: da dove deriva il detto

Un’altra interpretazione possibile del termine “in bocca al lupo” affonda le radici nella storia dell’Antica Roma. I due gemelli Romolo e Remo secondo la leggenda della fondazione di Roma, vengono salvati da una lupa che li allatta, quindi questo animale viene considerato salvifico. In tale periodo storico, “in bocca al lupo” è un vero e proprio augurio di fortuna. La risposta, però, non ha senso, dato che il lupo è ritenuto “la salvezza”.

Nella tradizione della navigazione la “bocca di lupo” è una lavagna dove i marinai appuntavano i nomi degli uomini e delle merci a bordo, quindi il termine sta per “buona navigazione”. La risposta in questo caso, però, non è quella solita, ma la più appropriata alla situazione: “che il Dio del mare ti ascolti”.

Gli animalisti preferiscono un’altra interpretazione che si riferisce al comportamento materno della lupa, che per proteggere i lupacchiotti dalle interferenze esterne li spostano da un luogo all’altro portandoli in bocca. La risposta corretta in questo caso è “grazie”. L’espressione “crepi” si rivolge a qualsiasi persona o animale che mette a repentaglio la tranquillità di questi animali.

C’è chi personalizza l’espressione in base al luogo in cui ci si trova: per esempio a Siena c’è la contrada della Lupa che si oppone a quella dell’Istrice. Se l’augurio viene rivolto ad un appartenente alla contrada dell’Istrice questo può rispondere, a giusta ragione: “Crepi il lupo, la lupa e tutti i Lupaioli” (che sono gli appartenenti alla Contrada della Lupa).

Dal gergo di cacciatori, allevatori e navigatori questa espressione è diventata di uso comune da Nord a Sud dell’Italia. Questo augurio è pronunciato da adulti e bambini. E’ pronunciato nelle più disparate situazione della vita, quando è necessario avere particolare coraggio o fortuna.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante