Differenza tra manga e anime

Print Friendly

Tutti gli appassionati del mondo dei cartoon, conoscono la differenza che passa tra manga e anime. Ma per i più profani, qual è la sostanziale differenza tra le due parole? Scopriamolo in questo articolo che ne mette in luce le caratteristiche diverse e quelle analoghe.

Anime - Dragon Ball
Anime: i personaggi di Dragon Ball

Manga

Con il termine manga vengono indicati, in Giappone, i fumetti in generale, mentre nel resto del mondo questo termine viene usato per indicare “storie a fumetti giapponesi“. Il termine manga, letteralmente “immagini derisorie”, venne usato per la prima volta alla fine del XVIII secolo per alcune pubblicazioni, come il libro d’illustrazioni “Shiji no yukikai” di Santo Kyoden e il “Manga hyakujo” di Aikawa Minwa.

In seguito fu anche usato dal famoso artista giapponese Hokusai in “Hokusai manga” e da Rakuten Kitazawa, che fu realmente il primo disegnatore ad utilizzare il termine manga. Altre parole per indicare il fumetto in Giappone sono: toba-e (proveniente da Toba, artista del XI secolo) e ponchi-e che proviene dalle popolari maschere inglesi Punch e Judy.







Il fenomeno manga si afferma maggiormente nel nostro Paese agli inizi degli anni Novanta, grazie a case editrici come la Glenat con la pubblicazione di Akira, la Granata Press con la pubblicazione di Ken il Guerriero e di alcune riviste quali Mangazine e Zero. Successivamente, la casa editrice Star Comics pubblica, tra gli altri, gli indimenticabili e famosissimi manga di Dragon Ball.

Manga: il fumetto giapponese Dragon Ball
Manga, fumetti giapponesi

Anime

Per anime, invece, si intende l’animazione e i cartoni animati solitamente tratti dal manga stesso, mentre in Occidente questo termine viene comunemente utilizzato per indicare le opere di animazione di produzione esclusivamente giapponese.

Il termine deriva dall’abbreviazione di animeshon (traslitterazione giapponese della parola inglese animation, ovvero animazione). Le anime possono essere prodotte in diversi format: per il mercato home video come original anime video, per la televisione sottoforma di serie televisive, per internet e le web tv come original net anime e, infine, per il cinema come lungometraggi, mediometraggi o cortometraggi.

In Giappone i format descritti vengono normalmente indicati rispettivamente come: TV Anime (TVA), Original Video Anime (OVA), Movie e Net Anime (NETA).







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante