Differenza tra judo e karate

Print Friendly, PDF & Email

Nell’ambito delle varie discipline delle arti marziali, esistono delle sostanziali differenze. In particolare tra le due in assoluto più frequentate e conosciute, ovvero judo e karate. Il judo è un’arte marziale che nasce nel 1882, in Giappone, con la fondazione del Kodokan ad opera del Professor Jigoro Kano. Si tratta di un metodo di difesa personale e di uno sport da combattimento.

Judo
Judo

Con il termine judo si intende “via della cedevolezza”. Si è alla ricerca di un progressivo annullamento dell’ego per ottenere quell’armonia tra uomo e cosmo, uniti in una sola essenza. Si studiano i punti di squilibrio dell’avversario per farlo cadere al suolo, ma vengono eliminate le tecniche considerate pericolose. Sono possibili, ai danni dell’avversario, lanci o ribaltamenti, colpi di braccio o gamba su punti di leva ben precisi, controllo in piedi e al suolo, prese, sbilanciamenti, immobilizzazione al suolo. Nel judo è evidente il contatto con l’avversario.







Chi fa judo, usa vestirsi con il kimono bianco bloccato da una cintura, di diverso colore a seconda dei gradi del praticante. Le cinture del judo sono le medesime cinture utilizzate dal karate: cintura bianca, gialla, arancio, verde, blu, marrone, nera 1° Dan, nera 2° Dan, 3° Dan, 4° Dan e 5° Dan. Dal 6° Dan in su, la cintura diventa di colore bianco rossa e il livello degli atleti è il massimo raggiungibile.

Karate
Due giovani bambini che praticano il Karate (in giapponese “mano vuota”)

Per quanto riguarda invece il karate, è un’arte marziale sviluppata nelle Isole Ryukyu, oggi Okinawa, in Giappone, che si differenzia dal judo in quanto vengono praticate le tecniche di pugno e di calcio, attraverso successioni di movimenti (kihon) e di esercizi prestabiliti (kata).

È sia uno sport di difesa che di attacco. È necessario essere in possesso ed indossare il karategi (il tradizionale kimono bianco di cotone) per poterlo praticare. I principali stili di karate sono: shotokan, goju ryu e shito ryu. Il colore delle cinture è il medesimo che per il judo. Il karate è diventato, anche da noi in occidente, una filosofia di vita, un impegno costante di ricerca del proprio equilibrio, un insegnamento a “combattere senza combattere“.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante