Quando ridere è un’emergenza: intervista a… “Noidellescarpediverse”

Print Friendly

Noidellescarpediverse” nascono nel 1997 ad Arezzo, dall’incontro artistico tra Luigi Basco, Francesco Cecinato e Samuele Boncompagni, a cui si aggiunge poi anche Riccardo Valeriani. Come gruppo teatrale specializzato sul Comico e sulla Formazione Teatrale si consolida intorno alle figure di Samuele e Riccardo.
Nel 2001 si costituisce una vera e propria associazione culturale, a cui si aggiungono Alan Bigiarini e Lenny Graziani, del duo “Alan e Lenny”, specializzati in cabaret e magia comica.

Riccardo Valeriani e Samuele Boncompagni sono "Noidellescarpediverse"
Riccardo Valeriani e Samuele Boncompagni sono “Noidellescarpediverse”

Il nucleo del gruppo restano sempre loro due, Samuele e Riccardo.
Così iniziano a partecipare a programmi e selezioni di comici, dai festival di Champluc a Martina Franca, passando per Quartu Sant’Elena, girando letteralmente l’Italia (isole comprese). In tv sono apparsi in Rai e nelle reti Mediaset in varie occasioni, da sitcom come “Andata e Ritorno” (Rai Due), a “Wozzup” di Daniele Bossari (Italia 1), o “Bulldozer – pezzi di ricambio” (ancora RaiDue), o “Cultura Moderna” di Antonio Ricci (Canale 5) fino ad approdare a” Zelig Off” (Canale 5).

Nel 2006 nasce il progetto “SOS Cabaret”, un festival – concorso nazionale dedicato alla comicità, che si tiene ogni anno nei teatri e nelle piazze della Toscana, in cui si inserisce anche la manifestazione “RidiCasentino” (giunta alla sua VI edizione), una serie di eventi estivi sotto le stelle del Casentino aretino, e “AuroraRidens” (alla sua X edizione), serate comiche in collaborazione con il Circolo Culturale Aurora di Arezzo.

Samuele Boncompagni nasce ad Arezzo il 2 ottobre 1980. Frequenta il liceo musicale (studiando violoncello) e si laurea in Musica e Spettacolo presso l’università degli Studi di Siena nel 2003. Ha poi studiato e lavorato presso l’ ”Accademia d’Arti e Mestieri” del Teatro alla Scala di Milano. Si divide tra l’attività di organizzatore, scrittore di teatro, attore e formatore.

Riccardo Valeriani nasce ad Arezzo l’8 gennaio 1973. Dopo la maturità classica, si laurea in Lettere con indirizzo Musica e Spettacolo presso l’Università di Siena nel 1997. In seguito lavora come attore con le compagnie “Teatro Popolare d’Arte”, “Officine della Cultura” e “Liberaccademiadelteatro”. Insegna teatro nelle scuole della Provincia di Arezzo (dall’Infanzia alle Superiori) da circa vent’anni.

Il 1997 è l’anno della svolta e della nascita di “Noidellescarpediverse”.

Intervista

Allora, come è nata l’idea e da chi?

Riccardo: Io la prima volta ero tra il pubblico…

Samuele: In effetti il primo folle gruppo era con Luigi Basco (oggi affermato pianista) e Francesco Cecinato (affermato ingegnere, ma chitarrista umoristico per passione).

La passione per il teatro è qualcosa di innato. Ma è anche una strada difficile e con poche risorse a disposizione, specie in una piccola città come Arezzo …

Riccardo: Noi puntiamo molto sulla nostra città. Quando abbiamo iniziato non c’erano molte occasioni o luoghi per fare un cabaret nazionale che non fosse solo vernacolo.

Samuele: Abbiamo iniziato a provare cose che piacevano a noi, a farle ad Arezzo, e iniziare a girare l’Italia per confrontarci e crescere.

Riccardo: Per questo abbiamo fatto cinque anni circa di festival dalle Alpi alla Puglia, andando spesso in finale, non vincendo niente, ma accumulando esperienza e conoscenze importanti.

Come nascono i vostri spettacoli?

Riccardo: Il cabaret è una cosa di pancia, un’idea può nascere anche in macchina o a tavola. Per le produzioni di teatro di solito la mente è Samuele, che scrive un testo o butta giù un’idea, e poi proviamo a viverla, mettendoci i corpi.

Samuele: E direi che ce ne mettiamo molto di corpo, visto il nostro peso…

“Noidellescarpediverse”: ogni volta che salite sul palco avete scarpe diverse. Chi è stato l’autore della trovata?

Samuele: Le esperienze in tv ci hanno portato a lavorare in maniera un po’ più metodica e quindi ci siamo divisi i compiti: io curo i testi, ma ci mettiamo tutti e due del nostro.

Riccardo: Io non so scrivere.

Samuele: Io non so leggere.

Riccardo: Forse è per questo che vengono fuori cose che fanno ridere

“Zelig” è uno dei palcoscenici principali per i comici in Italia. Quanta fatica per arrivarci?

Riccardo: Tanta direi!

Samuele: Più o meno noi siamo stati sei anni a fare il laboratorio “Zelig” tra Milano e Firenze, prima di essere scelti per “Zelig Off”, e dopo che ogni anno venivamo invitati ad esibirci davanti ai grandi capi di Milano come rappresentanti del laboratorio toscano.

Riccardo: Grande soddisfazione e grande responsabilità.

Ho assistito ai vostri spettacoli, e la mia impressione è che ricordate le grandi coppie del cabaret degli anni passati, in cui c’era una grande intesa e una grande professionalità, senza volgarità, o battute sguaiate e forzate, come spesso si usa oggi …

Riccardo: La dinamica della spalla e del comico non tramonterà mai.

Samuele: Soprattutto in serate dal vivo è il ritmo che piace al pubblico, è la tensione che si crea tra l’uno con l’altro che ti fa avvicinare ora alla spalla ora al comico.

Riccardo: In tv forse va un po’ camuffata, perché appare stantia alle volte, ma nei live è l’ossatura del nostro spettacolo.

Samuele: Alle volte è difficile staccarsene, ma per quello abbiamo il teatro…

Insegnare teatro e calcarlo. Due lavori complicati!

Riccardo: Insegnare è una gioia, i ragazzi vogliono tanto, se si è generosi.

Samuele: E se ci si mette in gioco!

Riccardo: Alla fine sei prosciugato, ma torni a casa carico.

Samuele: I ragazzi ti danno anche mille spunti comici.

Riccardo: Ogni giorno verifichiamo l’importanza di fare teatro nelle scuole.

Samuele: A patto che gli operatori siano preparati.

Riccardo: Tra me e Samuele avremo fatto venti laboratori sull’insegnare teatro.

Samuele: E coordinarsi con i docenti è fondamentale, in modo che il nostro intervento si integri con quello che i ragazzi fanno a scuola.

Riccardo: Al di là del saggio finale, noi preferiamo fare una dimostrazione aperta del lavoro svolto.

Non è così facile far ridere. Ci vuole espressività, spontaneità …

Samuele: E una faccia come la sua!

Riccardo: E una trippa come la tua!

Samuele: Lasciami stare!

Riccardo: Uno alto e uno basso, uno con i capelli e uno senza… basta entrare in scena e già ridono…

Samuele, pregi e difetti di Riccardo.

Samuele: Fa ridere e russa.

Riccardo: Qual è il pregio?

Riccardo, pregi e difetti di Samuele.

Riccardo: E’ precisino. Vale sia come difetto che come pregio…







Collaborate anche con il duo “Alan e Lenny”. In quattro è più difficile organizzare lo spettacolo?

Riccardo: In effetti… No, scherzo! E’ una gioia!

Samuele: Se dovessimo indicare due persone e due colleghi con cui ci troviamo bene per forza sono loro due.

Riccardo: Pensare che la prima volta che li abbiamo incontrati ci stavano antipatici…

Samuele: Eravamo a un provino allo “Zelig” a Milano.

Riccardo: E c’erano questi due comici del Casentino

Samuele: E noi:” Ah chissà quanto fanno ridere”…

Riccardo: Dopo tre mesi abbiamo iniziato a collaborare…

La sesta edizione di “Ridicasentino” si concluderà l’8 luglio nella cornice di Chitignano (Ar), in Casentino. Ci saranno ospiti illustri?

Riccardo: E’ bellissimo portare serate di puro divertimento, con comici di qualità, nei borghi del Casentino che d’estate sono pieni di turisti, i cittadini sono ospitalissimi, c’è il fresco, Alan e Lenny sono di casa…

Samuele: E quest’anno avremo tanti comici ospiti da Daniele Magini, che ha fatto anche “La sai l’ultima?” su Canale 5, poi Massimiliano Galligani da “Comedy Central” e infine proprio a Chitignano Claudio Marmugi, comico livornese che ha fatto “Zelig” al fianco di Bisio.

“Ridicasentino” fa parte del network nazionale “Sos Cabaret”, altra vostra creatura?

Riccardo: Si, perché anche a “Ridicasentino” c’è una gara di comici. Il vincitore si aggiudica l’accesso alla finale nazionale di “Sos Cabaret” del 22 agosto ad Arezzo e un weekend in Casentino.

Samuele: “Sos Cabaret” è l’unico concorso nazionale presente in Toscana.

Riccardo: Oltre che un festival diffuso.

Samuele: Quest’anno, tra gennaio e agosto, abbiamo fatto e faremo circa 20 spettacoli, toccando le province di Arezzo e Firenze.

Riccardo e Samuele con la locandina della manifestazione “Sos Cabaret”

Ci raccontate l’episodio più curioso della vostra carriera?

Samuele: Una volta eravamo in una piazza, entrò in scena una signora e si mise a sedere accanto a noi.

Riccardo: Facevamo i nostri personaggi degli animalisti.

Samuele: E noi abbiamo improvvisato coinvolgendola, senza prenderla in giro, ma giocandoci un po’. E lei stava al gioco!

Riccardo: Insomma, alla fine venne fuori che era una che aveva appena lanciato forchette e coltelli dalla sua terrazza a dei passanti, ed era inseguita dai Carabinieri. Appena scesa dal palco l’hanno arrestata…

E quello che vorreste dimenticare?

Riccardo: Una serata a Subbiano (Arezzo), una delle prime, pure ripresa da una tv locale. Fu un disastro, ma la tv continuava a mandare in onda la replica…

Un incontro con un personaggio famoso …

Samuele: Ne abbiamo incontrati tanti, da Bisio ad Abatantuono, da Cerami a Benigni

Riccardo: Ma il Gabibbo ci resta nel cuore.

Samuele: Si, lui.

Mai avuta la “paura da palcoscenico”?

Samuele: Un formicolio alla pancia c’è sempre.

Riccardo: E meno male, vuol dire che siamo ancora appassionati!

Riti scaramantici prima di salire sul palco?

Samuele: Il limoncello per Riccardo.

Riccardo: Prima e dopo, ma uno solo…

Progetti di “Noidellescarpediverse”.

Samuele: Finire di ristrutturare la casa.

Riccardo: C’hai quarant’anni e stai con i tuoi…

Samuele: Non ce n’ho quaranta…

Dopo “Ridicasentino” il pubblico potrà vedervi …

Riccardo: Subito!

Samuele: Martedì 10 luglio all’Arena Eden di Arezzo saremo sul palco assieme al mitico Oriano Ferrari.

Riccardo: Ovvero Marco della Noce, il tecnico della Ferrari di “Zelig”.

Samuele: Noi e “Alan&Lenny” apriremo umilmente la serata… e poi tante date tra Marciano, Civitella, Lastra a Signa, insomma controllate il nostro sito…

Riccardo: E Facebook…

Samuele: … E Twitter.

Riccardo: Abbiamo anche Twitter?

Samuele: Direi…

Per chi volesse diventare un duo comico come voi, cosa consigliereste?

Riccardo: Venite ad un nostro laboratorio!

Samuele: Mettetevi in gioco!


http://www.noidellescarpediverse.it







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Laura Bondi

Laura Bondi

Scrittrice (Autrice del BestSeller 2012 di Amazon "Il Diario di una Cameriera", "Il posto segreto del cuore", "Cofanetto Rosa" ed il nuovo "Incubo a Dubai"), Blogger, Insegnante, Traduttrice, Laura Bondi per Biografieonline intervista personaggi famosi o emergenti e scrive contenuti di carattere culturale.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante