Gioia di vivere (Joie de vivre, quadro famoso di Matisse)

Print Friendly, PDF & Email

Joie de vivre” (Gioia di vivere) è un olio su tela del 1905-1906 del pittore francese Henri Matisse, di centimetri 175 x 241, conservato a Merion, presso the Barnes Foundation. Il tema del dipinto si riallaccia a “Luxe, Calme et Volupté” . Matisse realizza una composizione piatta, dalle tinte accese e solari, secondo i canoni fauves, sottolineata da forti contorni scuri simili ad arabeschi. Adesso è infatti la linea a trionfare sul colore, con il quale Matisse cerca una difficile convivenza.

Henri Matisse: Joie de vivre (Gioia di vivere)
Matisse: Gioia di vivere (Joie de vivre, 1905-1906)

Gioia di vivere (Joie de vivre): il quadro

Il pittore illustra attraverso nudi femminili in abbandono sulla spiaggia, un’epoca primitiva e idilliaca. Il paesaggio in Gioia di vivere è semplice e lineare, costruito con rossi, verdi e viola accesi come quelli fauves dipinti a Collioure nell’estete del 1905. Le figure sono inedite e di pura invenzione. Rappresentate in maniera indipendente, vivono di vita propria e sono raccordate da quel piccolo girotondo danzante che si vede sullo sfondo. Matisse fonde in questo dipinto uomo e natura in una specie di ritorno al primitivo. Il paesaggio è rappresentato con colori innaturali: si veda, per esempio, l’albero rosa, dello stesso colore della pelle delle bagnanti, una scelta che forse vuole sottolineare l’unione tra uomo e natura.







Il dipinto fu esposto al Salon des Indépendants nel 1906, provocando la reazione dell’amico Paul Signac che lo definì “un dipinto con colori ripugnanti e troppo spessi con contorno largo un pollice” e alcune perplessità suscitò anche nel collezionista Leo Stein che, dopo averla acquistata, la rivende al collezionista danese Christian Tetzen –Lund, che la cede poi al dottor Barnes.

Questo grande dipinto rappresenta una svolta nel percorso di Matisse, in quanto recupera, accanto al colore fauve, la linea sinuosa e decorativa. Il colore, nei dipinti fauves, costruisce immagini, senza linea né disegno. Il pittore sente la necessità di far conciliare i diversi mezzi espressivi e desidera riconquistare la linea e il disegno, elementi fondamentali nella pittura per raggiungere l’armonia dei maestri classici.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Serena Marotta

Serena Marotta

Laureata in giornalismo, nata il 25 marzo 1976, Serena Marotta è anche scrittrice e poetessa. In passato ha collaborato con il "Giornale di Sicilia" e con "La Repubblica" e, attualmente, scrive articoli per il giornale "L'ora" e per questo sito, cura l'ufficio stampa della casa editrice Torri del Vento, del Caffè letterario Riso e dell'associazione Siciliae Mundi. Queste sono in sintesi, le notizie di base per redigere una qualunque biografia. Quello che non può essere né schematizzato né semplicemente elencato, è in primo luogo la passione che riversa in tutto ciò che fa. Il mondo osservato da due occhi verdi carichi di dolcezza e determinazione, una voce sublime che incanta, un’anima che grida attraverso parole che, considerati gli obiettivi che Serena è riuscita a raggiungere, assumono la caratteristica di concreti fatti.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante