Giallo, rosso e blu, famoso dipinto di Kandinskij

Print Friendly

Giallo, rosso e blu è un quadro di Vasilij Kandinskij ed è stato dipinto nel 1925. Si tratta di un olio su tela di 127×200 cm, attualmente esposto al Musée National d’Art moderne di Parigi. Il 1925 fu un anno molto intenso per Kandisnkij, sia per l’elaborazione di questo quadro, che poneva molti problemi di carattere teorico e tecnico – pittorico, sia dal punto di vista teorico, infatti, alcune questioni approfondite nell’elaborazione di Giallo, rosso e blu confluirono in seguito nel suo famoso saggio Punto, linea, superficie.

Kandinsky: Giallo, rosso e blu (1925)
Giallo, rosso e blu – Kandinsky

I colori fondamentali del quadro, che sono riportati anche nel titolo, creano insieme alle forme geometriche una tensione che percorre tutta la tela. Nella parte sinistra del quadro sono più evidenti e presenti le forme geometriche: curve, linee parallele o in singola posizione, cerchi, quadrati e rettangoli. L’incontro delle linee crea anche un profilo umano, il cui occhio è un cerchio nero bordato di rosso.

Nella parte destra i colori trionfano: il blu riempie un cerchio, si espande poi il rosso che si congiunge con il giallo della parte sinistra. In mezzo ai colori ci sono diverse figure geometriche fra cui scacchiere colorate, quadrati e rettangoli formati dal colore. Il nero assume diverse forme fra cui quella di un nastro in movimento. Il viola invece borda parte della tela.







L’incontro fra figure, segni e colore sviluppa una ricerca continua di significato a cui si sottopone l’osservatore più attento. E’ un dialogo cromatico e geometrico senza fine. I colori trascinano l’occhio in una fase di riposo, quasi di sogno, mentre le figure geometriche aguzzano l’attenzione.

I cerchi che hanno mille significati vengono spiegati così dal pittore: “Il cerchio, che utilizzo così tanto nell’ ultimo periodo, a volte può essere definito nient’altro che romantico. Il romanticismo futuro è davvero profondo, bello, significativo, e rende felici, è un pezzo di ghiaccio in cui brucia una fiamma”.

Osservando la scelta dei colori si comprende la sensibilità dell’artista che utilizza l’incontro del blu e del giallo per manifestare serenità e pace e l’utilizzo del rosso per marcare il contrasto fra serenità, luce, armonia, e passione, inquietudine e paura.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly
Fulvio Caporale

Fulvio Caporale

Fulvio Caporale è nato a Padova e vive a Milano. Laureato in Scienze Politiche svolge la professione di consulente editoriale e pubblicitario. Collabora con case editrici e giornali cartacei e online occupandosi di libri, arte ed eventi culturali. Ha tradotto testi letterari e tecnici dallo spagnolo, dal portoghese, dall'inglese e dal catalano.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante